3000 anni fa abili guerrieri attraversarono l’Europa per combattere un’epica battaglia

Related Articles

- Advertisement -

Un toolkit di 3000 anni suggerisce che abili guerrieri attraversarono l’Europa per combattere un’epica battaglia

L’Età del Bronzo in Europa era un luogo violento. Ma solo recentemente gli scienziati hanno scoperto la portata della violenza, in un sito di 3000 anni nella Germania settentrionale, dove migliaia di giovani ben armati hanno combattuto con armi sofisticate in quella che sembra essere una battaglia epica . Ora, una manciata di manufatti e strumenti in bronzo trovati sul fondo del fiume nel mezzo del campo di battaglia suggerisce che alcuni di questi guerrieri viaggiarono a centinaia di chilometri di distanza per combattere. Ciò suggerisce che le società del Nord Europa erano organizzate su così vasta scala che i leader potevano chiamare guerrieri su campi di battaglia lontani, molto prima dei moderni sistemi di comunicazione e strade.

“È estremamente raro trovare una scatola o una custodia [come questa]”, su un antico campo di battaglia, afferma Thomas Terberger, archeologo dell’Ufficio statale per i beni culturali della Bassa Sassonia ad Hannover, in Germania, che descrive la scoperta con i colleghi in un documento pubblicato oggi su Antichità . “Qualcuno l’ha perso lì.”

La battaglia infuriò in una valle stretta e paludosa che costeggia il fiume Tollense, nel Meclemburgo-Pomerania Anteriore, 160 chilometri a nord di Berlino. Molti dei manufatti affondarono sott’acqua e furono conservati in condizioni incontaminate. Da quando il sito è stato scoperto nel 1996, gli archeologi hanno scoperto armi metalliche e di legno e oltre 12.000 pezzi di osso umano.

- Advertisement -
Loading...

La nuova scoperta, portata alla luce nel 2016, include frammenti cilindrici di bronzo, insieme a un coltello di bronzo, punteruolo e scalpello. Il miscuglio di strumenti e rottami metallici assomiglia agli effetti personali di qualcuno, piuttosto che un deposito rituale o accaparramento. Gli archeologi affermano che gli strumenti erano probabilmente in una borsa o in una scatola decaduta. Ma il contenuto fu tenuto in piedi dal fango denso del letto del fiume, fino a quando i subacquei non li trovarono circa 3000 anni dopo.

Dozzine di raccolte simili di rottame di bronzo, insieme a piccoli strumenti per tagliarlo, sono apparse nelle tombe di guerrieri di alto livello da molto più a sud, lungo le pendici settentrionali delle Alpi dalla Francia orientale fino ai giorni nostri Repubblica Ceca. (All’epoca, il bronzo era il culmine della tecnologia metallurgica e militare). Ma questo denso ammasso di oggetti di bronzo è il primo del suo genere trovato nell’estremo nord .

La nuova scoperta supporta l’ipotesi che i guerrieri viaggiassero per molte centinaia di chilometri dalla loro terra natia sul campo di battaglia, mostrando l’organizzazione sociale su larga scala. I manufatti si adattano alle prove precedenti che alcune ossa trovate sul campo di battaglia avevano un contenuto di stronzio che non corrispondeva agli isotopi trovati nelle persone cresciute nella regione.

“Questo dimostra che le persone erano molto più mobili di quanto pensassimo”, afferma l’archeologa Helle Vandkilde dell’Università di Aarhus in Danimarca, che non faceva parte dello studio. “L’implicazione sarebbe che gli oggetti accompagnassero le persone in movimento.”

Le condizioni acquose sotto la superficie conservavano anche pezzi di legno, tra cui la maniglia di betulla del punteruolo, che aiutava gli archeologi a datare i reperti. A pochi metri dagli oggetti di bronzo, i sub trovarono più detriti nella battaglia, tra cui punte di freccia, spille da abito, un coltello di bronzo con manico d’osso, una costola umana e un cranio. Tutti i reperti risalgono al 1300 a.C. circa, a sostegno dell’idea che facessero parte di un singolo evento.

Gli scarti di bronzo e lo scalpello per tagliarli suggeriscono anche qualcos’altro: l’alba della moneta. “Gli oggetti metallici stanno iniziando a diventare non solo strumenti ma anche denaro”, afferma Terberger. “Il fatto che abbiano avuto la possibilità di commerciare tra loro è qualcosa di nuovo”.

- Advertisement -

Leggi anche...

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Advertisment

Articoli popolari

Gesù era un pleiadiano, finalmente il papa lo ammette

Gesu era davvero un pleiadiano? il testo e stato scritto da Peppe Pulton, noto contattista sardo, che fin dalla tenera età riceve visite interplanetarie, dalle...

LA NASA HA FILMATO ACCIDENTALMENTE IL VIDEO DI UFO PIÙ INCREDIBILE DI SEMPRE

LA NASA HA FILMATO ACCIDENTALMENTE IL VIDEO DI UFO PIÙ INCREDIBILE DI SEMPRE NASA: Grazie alle telecamere a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, i cacciatori...

Gli scienziati hanno scavato 12 km nel nostro pianeta, quello che hanno trovato li ha lasciati senza parole

Gli scienziati hanno scavato 12 km nel nostro pianeta, quello che hanno trovato li ha lasciati senza parole Sappiamo di più su mondi alieni lontani...

Alex Collier La luna è artificiale ed è stata portata qui da un’altra galassia

Secondo Alex Collier la Luna non è affatto un satellite naturale Alex Collier sostiene che la nostra luna è artificiale, in realtà una nave da...

Ecco chi sono i Rettiliani

Chi sono i rettiliani? I rettiliani sono antichi alieni? I rettiliani, secondo le teorie sul campo ufologico sarebbero alieni provenienti dalla costellazione del Drago. Ma,...