CHI SONO GLI ALIENI GRIGI?

CHI SONO GLI ALIENI GRIGI?

Video: https://www.youtube.com/channel/UCSaZQZpz82vvtTOLsVpMXYA

I GRIGI Questa è la più nota razza aliena conosciuta. I Grigi sembrano essere stati creati artificialmente da un’altra razza aliena, per essere usati come manodopera o per meglio dire come osservatori scientifici.

Alcuni sarebbero infatti, solo droni, cloni umanoidi costruiti artificialmente per sopportare viaggi dimensionali/spaziali. Sono asessuati e non sarebbero quindi in grado di riprodursi, una delle correnti di pensiero vuole infatti che siano interessati al genoma umano per creare ibridi in grado di riprodurre la loro specie.

I Grigi prendono il nome dal colorito della propria pelle che è appunto grigia, con variazioni verso il marrone e biancastra. Essi sono caratterizzati da un’altezza media intorno al metro/metro e venti centimetri ed hanno volti inespressivi con grandi occhi neri, alle volte descritti come lucidi e senza palpebre. Hanno le braccia lunghe con dita affusolate e una testa molto grande rispetto al resto del corpo. Gli vengono attribuiti poteri psichici, soprattutto dagli addotti che raccontano che gli esseri comunicavano telepaticamente, usando la mente.

I Grigi sono anche soprannominati Ebe, e ne esisterebbero di diverse specie. Secondo Il Blue Planet Project ci i sono circa centosessanta (160) tipi di alieni che visitano il nostro mondo (la Terra) e per quanto riguarda i grigi al momento attuale, questi sono i tipi più comunemente “visti”: Grigi, tipo uno (1) – I Rigeliani dal sistema stellare Rigel, sono alti circa 1.20 m, hanno una grande testa, due grossi occhi a mandorla, adorano la tecnologia e non si preoccupano di come la utilizzano. Hanno bisogno di secrezioni vitali per la loro sopravvivenza, che stanno ottenendo da noi (terrestri).

Nel Blue Blood di Stewart A. Swerdlow si scrive cosi degli Rigel: Si tratta di una razza indebolita spiritualmente e geneticamente a causa dell’invasione del loro sistema stellare da parte dei Rettiloidi di Alfa Draconis e della successiva dominazione che seguirono la diaspora galattica del popolo della Lira. In seguito gli sconfitti Rigeliani sono stati utilizzati dai Draco nella ricerca di mondi da conquistare; una volta individuato il pianeta adatto, il loro compito consiste nel valutare le modalità operative dell’attacco e nel preparare il terreno per l’invasione.

Alti un metro e mezzo circa, sono oggi i leader della Confederazione di Orione.Nel 1954 questo gruppo ha firmato un accordo con il governo degli Stati Uniti che prevedeva l’autorizzazione ad effettuare rapimenti di cittadini statunitensi in cambio di tecnologia e conoscenze scientifiche; l’accordo stabiliva altresì che non si danneggiassero i rapiti.

La società rigeliana ha un’impronta marcatamente militarista con una rigida organizzazione gerarchica che, quando necessario, include anche i ‘Grigi’ di Zeta Reticuli I° e II°. I Rigeliani conoscono la tecnologia che consente di trasferire le anime da un corpo all’altro. Spesso gli ufficiali di grado più elevato possiedono corpi ‘di scorta’ o persino ‘copie’ di se’ stessi, un privilegio riservato solo ai membri di una ristretta élite. Ciononostante i Rigeliani raramente effettuano rapimenti [“abductions”, in originale – N.d.T.], anche se spesso vengono visti sovrintendere alla gestione di basi sotterranee ed agli esperimenti ivi effettuati.

Gli abitanti di Rigel, peraltro poco espressivi, hanno in genere un atteggiamento rabbioso che li rende alquanto sgradevoli. Grigi, tipo due (2) – Provengono dal sistema stellare Zeta Reticulae 1 e 2. Hanno lo stesso aspetto generale del tipo uno (1), anche se hanno una disposizione diversa rispetto le dita e una faccia leggermente diversa.

Questi Grigi sono più sofisticati di quelli di tipo (1). Essi possiedono una laurea e il buon senso, e sono un po’ passivi. Non richiedono le secrezioni come quelli di tipo (1). Grigi, tipo tre (3) – Sono semplicemente una forma di clonazione del tipo uno e due. Le loro labbra sono più sottili (sono anche senza labbra). Essi vengono utilizzati dal tipo uno e due.

Il libro segreto dei Russi parla della razza Razza Solipsi Rai dicendoci che è una razza armoniosa che ha una civiltà di 2 miliardi di anni. Non posseggono colonie e studiano lo sviluppo di altri pianeti. Provengono dalla costellazione del Cigno.

Sono muniti di potenti armi per difendersi. Sarebbero per l’appunto, ciò che noi chiamiamo i grigi. Hanno un’arma talmente potente che usano per mantenere l’ordine galattico dalle interferenze di specie ostili e violente. Restano comunque una razza armonica in tutti gli aspetti, il loro principale leader si chiama Ymartyyn che ha parlato del genere umano dicendo che per il futuro del nostro pianeta abbiamo ancora 645 opzioni. Le scelte corrette dipenderanno dalla nostra capacità di muovere le persone nello spazio.

Nel Blue Blood di Stewart A. Swerdlow si scrive cosi dei grigi di Zeta Reticuli II: Questi “Grigi” sono strettamente inquadrati nei ranghi operativi dei Draco da cui sono stati geneticamente creati. Sono sottoposti a un controllo totale essendo dotati di una mente di gruppo che ne coordina le azioni. Sono, in definitiva, gli aiutanti “senza cervello” dei Zeta Reticuli 1.

Sono spesso presenti durante i rapimenti e il loro comportamento è stato descritto come ‘infantile’. Hanno tre dita per mano mentre i piedi ne sono privi; sono alquanto magri e delicati e di comportamento apparentemente gentile. Per quanto gli sia stato assegnato un pianeta in cui vivere, non hanno mai sviluppato una cultura o un linguaggio propri. Sono alti un metro circa.

Per quanto riguarda i grigi di Zeta Reticuli I il testo afferma: Questi alieni che appartengono a una delle razze comunemente note come i “Grigi”, furono inizialmente create dai Rigeliani per monitorare gli umani terrestri e sono un mix di genetica umana e rigeliana. Simili a un feto umano possiedono quattro dita per mano e piedi divisi in due. Sono quasi sempre presenti durante i rapimenti di umani effettuati per condurre ricerche in campo genetico; hanno una mente di gruppo e un comportamento da alveare. Rabbia, confusione, paura e sorpresa sono le sole espressioni di emotività di cui sono capaci. Il pianeta dove sono stati collocati è un mondo sterile e brullo nel sistema stellare di Zeta Reticuli 1. Di recente, essendo stati scaricati dai

Rigeliani che li odiano, hanno ottenuto dal governo degli Stati Uniti l’autorizzazione a risiedere sulla Terra, ma poi hanno irritato anche gli Statunitensi per via del loro comportamento menzognero. È un gruppo ormai diviso capace solo di stringere alleanze opportunistiche.

A causa delle loro deficienze genetico/ormonali i Zeta 1 si stanno rapidamente estinguendo, per cui si dedicano ai rapimenti di esseri di altre razze alla ricerca di un prototipo ibrido che possa salvare la loro specie e la loro povera cultura. Sono alti circa un metro e trenta.

I Grigi possiedono poteri mentali con una tecnologia basata su comandi mentali, anche se la loro tecnologia non sarebbe così sviluppata, come quella dei Nordici. I loro vascelli recuperati a Roswell furono di tipo a ‘delta’ e discoidale.

Nel corso delle varie abductions i Grigi sono stati visti compiere diverse ardite imprese come: attraversare muri solidi, levitare, emanare raggi paralizzanti, mentre dai loro velivoli partivano raggi traenti o venivano emessi scudi deflettori energetici. I piccoli Grigi, pare dipendano, per l’appunto, dai retiliani e sono questi che provengono da Zeta Reticuli, vicino la stella Barnard, che fa parte del sistema di Orione. Sono molto piccoli (100/120 cm. di altezza), di colore grigio argento, non hanno sistema riproduttivo e digerente.

Vengono creati attraverso un processo di clonazione per mezzo dell’ ingegneria genetica a volte con l’aiuto di umani. Sono una razza molto antica e si sono riprodotti per migliaia di anni. Hanno anch’essi grandi occhi neri a mandorla, una fessura al posto della bocca e due buchi in luogo del naso. Comunicano telepaticamente. Si sono evoluti oltre il processo di riproduzione sessuale così che i loro organi genitali e il tratto digerente sono totalmente atrofizzati. Non hanno la capacità di nutrirsi o di appagarsi con attività sessuali.

I piccoli Grigi sono gli alieni coinvolti nelle mutilazioni di bestiame bovino; infatti si dice che essi assorbano certe sostanze da parti del bestiame bovino che li stabilizzano durante il processo di clonazione. Tali sostanze possono essere messe sotto la lingua per dargli sostentamento e stabilità per un certo tempo e provengono da membrane mucose: labbra, naso, genitali , retto ed anche da certi altri organi.

Queste sostanze ghiandolari servono come nutrienti al posto del cibo. Questi esseri chiamati anche Zetas vengono a volte descritti come piccoli omini verdi, perché hanno la tendenza ad assumere una sfumatura verdastra quando non hanno ricevuto cibo sufficiente. Quando sono in questo stato essi sono molto perversi.

I cloni di questi alieni possono essere prodotti abbastanza rapidamente riproducendo copie sintetiche. Posseggono una tecnologia molto superiore a quella umana e ciò ha condotto alla stipulazione di accordi con stati governanti della Terra.

Da alcune analisi provenienti da svariate fonti si evince che I componenti principali del loro DNA sono silicio, idrogeno, azoto, ossigeno e carbonio (mentre l’uomo ha il fosforo al posto del silicio. Il DNA dei Grigi è più corto del nostro.

Il DNA alieno ha una tripla elica, cioè il fatto che il silicio è sostituito al fosforo produce un’arricciatura di una delle due eliche. I Grigi hanno un intelligenza molto elevata e le loro comunicazioni sono più complesse di come le intendiamo noi; inoltre, per loro hanno rilevanza simbolismi universali che a noi sembrano complessi e non di immediata decifrazione. La loro civiltà e il loro livello tecnologico sono molto evoluti, con conoscenze totali in campo di ingegneria genetica, al punto da poter manipolare il DNA e creare esseri intelligenti atti allo scopo voluto.

Ma anche nel campo della fisica non scherzano, dato che possono facilmente distorcere lo spazio a proprio piacimento aggirando la velocità della luce deformando lo spazio. I grigi (approfondimenti dal web) Con questi alieni sarebbe stato predisposto un programma di trasferimento tecnologico, in conseguenza del quale i cosiddetti grigi rapiscono umani ed animali da 48 anni per esperimenti biologici, in modo da adattare la loro genetica a quella umana ed animale e perpetuare la loro specie prossima all’estinzione.

Lo stesso programma sarebbe stato predisposto precedentemente con i Corteum, in possesso di una tecnologia sotto molti aspetti superiore a quella dei Grigi, ad eccezione dei loro impianti di memoria. Scopo principale creare una B.S.T., “Blank Slate Tecnology” “Tecnologia Lavagna Vuota”, ossia una elaborata tecnologia per alterare il tempo e gli eventi.

Un’arma difensiva, chiamata “Freedeom Key”, “Chiave della Libertà”, contro le profetizzate future invasioni extraterrestri, taciute all’umanità, o celate sotto forma di profezie religiose. Nella storia si fa riferimento a un’organizzazione segreta con sede in Virginia, con basi in Belgio, India, Indonesia, che si prefigge di assimilare e riprodurre le tecnologie di origine extraterrestre, la ACIO, “Advanced Contact Intelligence Organization”.

Mascherata dietro al Centro Sperimentale Meteorologico del Governo degli Stati Uniti, un palazzo con 12 piani che occupa un area di 45 metri e conta 226 scienziati, svilupperebbe strumenti per aiutare il mondo militare e i servizi segreti nel predire e controllare le condizioni meteorologiche del globo. Sotto la supervisione di una specie di “amministratore delegato del nostro pianeta”, chiamato “Quindici”, per il suo livello di segretezza; leader dell’ACIO da 30 anni, capo del “Gruppo Labyrinth” nato all’interno dell’ACIO.

Il “Gruppo Labyrinth” sarebbe formato da 66 persone ed avrebbe lo scopo di sfruttare le tecnologie fornite dagli Zeta e dai Corteum e applicarle allo sviluppo della BST. “Quindici” è considerato un genio di intelligenza e conoscenza senza precedenti, al top della catena di informazione, la più brillante mente del pianeta. Entrato a far parte dell’ACIO nel 1956, all’età di 22 anni. All’epoca un genio ribelle che voleva costruire computer abbastanza potenti da consentire i viaggi nel tempo.

Seguendo il racconto, veniamo a conoscenza che gli Ufo Crash non si sarebbero verificati solo in USA, ma anche in Russia e in Sud America fin dal 1940. Proprio a quell’anno sembra risalire il primo ritrovamento di una astronave in perfette condizioni, abbandonata dal suo equipaggio in fondo all’oceano davanti alla Florida. Negli stessi anni prese vita lo SPL, “Special Projects Laboratory”, diventato NSA nel 1952, due anni dopo che alla Bell fu fornito il primo transistor. Quindi Roswell non segnerebbe l’inizio della caccia all’UFO. Un crash si verificò anche in Bolivia.

Nel 1956 una nave spaziale di forma triangolare, un perfetto triangolo equilatero di 70 metri per lato, proveniente da Zeta Reticuli con 26 individui a bordo tutti deceduti, cadde nella giungla Boliviana. In tale occasione si mise in luce tale Paulo Neruda, esperto elettronico, che in breve coprì un ruolo importante nella ACIO.

Divenne cittadino americano e suo figlio Jamisson, esperto in linguistica, iscrizioni, decodificazioni tecnologiche e di computer, ebbe un posto nell’organizzazione alla morte del padre, avvenuta nel 1977.

ISCRIVITI!!! Per conoscere molte delle razze aliene che visitano il nostro pianeta. Ogni giovedì sera alle ore 20.30 sul canale YuoTube: https://www.youtube.com/channel/UCSaZQZpz82vvtTOLsVpMXYA

Scarica Gratis la nostra App da Google
Total
83
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Article
La razza umana finirà per estinguersi?

La razza umana finirà per estinguersi?

Next Article
Rivelata spettacolare immagine di Giove

Rivelata spettacolare immagine di Giove

Related Posts
Total
83
Share