Ufo Alieni

Alieni: Grigio “Orange” – Ebe Grigi “I Cloni”. a cura di Lucio Tarzariol

Alieni: Grigio “Orange” – Ebe Grigi “I Cloni”. a cura di Lucio Tarzariol

Vi sono varie tipologie di grigi, tra questi gli Orange della stella di Bernard (Ofiuco) sono grandi alleati con gli altri Grigi più comuni ed intrattengono con loro rapporti commerciali spaziali. Sono bassi, circa 160 con arti molto flessibili e sottili che arrivano quasi fino a terra. Hanno occhi neri e un grande cranio trilobato con escrescenze che ricordano la forma del cuore. L’arancio brumato della pelle dà il nome a questa razza tra l’altro in grado di cambiare forma.

Sono senza capelli, con occhi: scuri e grandi e la pelle ruvida dorata, mentre nelle femmine è arancione. Possiede una muscolatura: esile e asciutta, e le mani hanno cinque dita mentre nelle femmine tre. A volte sono stati visti con delle tute aderenti e dai pochi dati a disposizione, sembra che anche questi esseri abbiano forti capacità telepatiche e si pensa che siano tra noi, perché sono capaci di prendere qualsiasi forma, e possiedono una base in Alaska, dove prelevano il ghiaccio e lo portano sul proprio pianeta.

Per il resto sono molto simili ai grigi classici. Si racconta che per ucciderli alcuni agenti governativi li mettano in una camera ipercalorica fa pensare che il loro habitat naturale sia di tipo nordico. Secondo altre informazioni, avrebbero la possibilità di reincarnarsi anche in esseri umani. Gli Orange hanno diverse basi in Alaska e nonostante prediligano il freddo, sembrano essere interessati alle aree dello Utah, del New Messico e del Nevada per scopi ancora ignoti.

Sopra ricostruzione artistica di Lucio Tarzariol da Castello Roganzuolo.

Nel Blue Blood di Stewart A. Swerdlow si scrive che le Entità Biologica Extraterrestre (EBE) Il nome di questi alieni, noti anche come “Testa a Cuore”, è quello convenzionale con cui vengono identificati dal governo degli Stati Uniti. Sembrano essere di natura vegetale visto che assorbono energia direttamente dalla luce stellare.

Essendo alti non più di un metro, sono spesso confusi da gente inesperta con i piccoli “Grigi” di Zeta 2. Da vari documenti, di attendibilità non verificabile, risulta tale aspetto delle Entità Biologiche Extraterrestri recuperate nell’UFO crash del luglio 1947: Tutti i corpi pesano 25 kg e sono alti 1 metro e 25. Le braccia hanno una circonferenza di 12 cm e le gambe di 20 cm. Il collo misura 20 cm e sia il torace che le cosce misurano oltre 70 cm, uniformemente dal torso fino alle cosce. La mani hanno quattro dita affusolate e nessun dito opponibile.

Vi è una membrana tra le interdigitale e tutte le punte delle dita presentano protuberanze o verruche. La punta delle dita arriva a metà delle gambe. Il cranio misura un massimo di 50 cm, senza mandibola o zigomi. Al posto della bocca vi è una sottile fessura larga 31 cm., la cavità della bocca è sottile e non sembra adatta alla funzione alimentare e comunicativa. Al posto delle orecchie vi è una piccola escrescenza del diametro di 2 cm che sporge di 8 mm. Al posto del naso ci sono due piccole fessure infossate che hanno un diametro di circa 8 mm. La pelle della testa non è tesa come negli esseri umani.

Gli occhi sono molto distanziati, a forma di lacrima, con la punta alla sommità del cranio e sono di colore marrone scuro accentuato. Gli occhi infossati sono privi di sopracciglia e ciglia. Una pellicola opaca ricopre ciascun occhio. Non sono visibili organi sessuali, né ci sono fessure urinarie o rettali. I corpi sono privi di capelli e protuberanze e la pelle ha la trama di un tessuto di cotone sottile del colore pergamena avorio.

Delle linee sottili, simili ai microsolchi dei dischi, sono visibili solo con la lente d’ingrandimento e scorrono orizzontalmente dalla testa ai piedi. Sono assenti l’apparato digerente, il tratto gastrointestinale, quello alimentare o intestinale, organi riproduttivi ed altri organi riconoscibili. Il sangue è un liquido viscoso incolore e trasudane, che odora di ozono ed ammoniaca. Appare logico supporre che forse si tratta di alieni clone, infatti, non a caso, sembra che i Grigi siano noti per la loro freddezza e impassibilità, anche se altre testimonianze li descrivono, invece, come esseri molto cordiali e socievoli, inclini al dialogo.

Alcuni sostengono che questa apparente contraddizione sia dovuta a presunti problemi di riproduzione di questi esseri, dovuti ad un indebolimento del loro sperma, e che quindi l’80 per cento degli ET Grigi che sono responsabili delle abductions sarebbero in realtà, per l’appunto, dei ‘cloni’ privi di spirito, duplicati per ottenere manodopera.

I Grigi ‘originali’ sembrerebbero, invece, dotati di ottime qualità intuitive, avrebbero anche delle predisposizioni artistiche ed estetiche e nella loro cultura sarebbero persino inclini alla ‘poesia’, anche se pensata in maniera più complessa della nostra. Sui loro pianeti avrebbero larghe colture di vegetali, case piccole di forma circolare e strutture più grandi dove riunirsi in talune occasioni. Nelle ‘città’ i palazzi sono strutturati diversamente dai nostri e le sezioni abitative sono sempre a ridosso dell’area di lavoro di ognuno.

Gli abiti comodi, larghi e dai colori brillanti. Benché non abbiano una religione come la intendiamo noi, sembra che talvolta si radunino in una sorta di santuari per talune celebrazioni, in cui il ‘canto’ collettivo simile a quello tibetano ricopre un ruolo fondamentale. Al centro del ‘culto’ sarebbe l’energia creatrice dell’universo. Nel loro mondo non esisterebbe crimine o violenza. In più occasioni i Grigi avrebbero riferito che gli esseri umani sono fortunati a possedere un’anima, perché ciò permetterebbe la reincarnazione, cosa che non è loro concessa.

La loro vita media, in compenso, varia dai 1000 ai 3000 anni. Pare che solo gli “Orange” siano dotati di anima. Grigi Orione di Bellatrix Sono più piccoli dei Grigi di Zeta Reticoli e provengono da un sistema stellare prossimo alla costellazione di Orione chiamato Bellatrix. Sono più indiretti dei Zetas ma ugualmente spietati nei confronti degli esseri umani. I due tipi di grigi appartengono geneticamente allo stesso ceppo e a parte le diverse dimensioni sono assai simili tra loro. Hanno la capacità di rendersi incorporei. Questa razza sembra in via di estinzione e schiava dei Rettiliani.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOU TUBE! Per conoscere molte delle razze aliene che visitano il nostro pianeta.

Ogni giovedì sera alle ore 20.30 sul  nostro canale YuoTube:

https://www.youtube.com/channel/UCSaZQZpz82vvtTOLsVpMXYA

Scarica gratis la nostra App da Googe Play Store

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Il nostro sito Web fruisce i contenuti gratuitamente grazie alle pubblicità che aiutano a sostenere i costi . Considera di supportarci disabilitando il blocco degli annunci.