Antichi Geroglifici egiziani scoperti in Australia

Una serie di geroglifici egiziani scoperti in Australia dimostrano che le antiche civiltà hanno viaggiato più di quanto si immaginasse.

I geroglifici egiziani sono stati avvistati nel 1900 assieme a circa 250 sculture in pietra, diventate parte del folklore locale.

Sulla scoperta i media sono stati clementi, e questo è un bene per la conservazione del sito archeologico.

Il ritrovamento è avvenuto a Kariong, località della regione centrale del New South Wales, lungo la Central Coast Highway, Austalia. Secondo i residenti di questa comunità i geroglifici sembrano essere molto antichi, e incisi in maniera arcaica dalle prime dinastie.

Antichi Geroglifici egiziani scoperti in Australia
Antichi Geroglifici egiziani scoperti in Australia

Antichi Geroglifici egiziani scoperti in Australia

secondo le notizie fornite dai media locali, non esiste che una manciata di egittologi in grado di leggere e tradurre questa antichissima scrittura.

Ray Johnson, noto archeologo ha presumibilmente tradotto gli antichi geroglifici per il Museo del Cairo.

Grazie alle sue ricerche ha dimostrato che si trattava che si trattava della terza dinastia 2500 a.C.

La sua traduzione rivela la storia di una avventura spiacevole condotta da antichi esploratori egiziani. Naufragati in una terra strana e ostile dopo la morte del loro capo, il signore Djes-eb, un gruppo di tre uomini decide di documentare la loro storia:

Ra-Jedef governatore del basso e alto Nilo, figlio di Cheope, figlio del re Sneferu.

Antichi Geroglifici egiziani scoperti in Australia

Teoria molto controversa, trova sostegno nei ricercatori che ritengono questi geroglifici autentici, ma come riportato da altri siti web e da altri ricercatori questi simboli potrebbero non essere autentici.

Il professore Naguib Kanawiati del dipartimento di egittologia, ha avuto la possibilità di esaminare alcune fotografie scattate dal National Park and Wildlife Service (NPWS) nel 1983.

La conclusione tratta da Kanawiati definisce i simboli come geroglifici egiziani, ma comprendono un insieme di parole confusionarie.

Tuttavia, molte persone ritengono questi geroglifici assolutamente autentici. Come in altri strani ritrovamenti persistono sempre correnti di pensiero, vero o falso?

Alla fine ognuno di noi decide in base alle proprie convinzioni personali.