Scarica l'App di Nuovo Universo da Google Play Store

Astronomo Russo: La Terra è una riserva di quarantena per gli alieni

Astronomo Russo La Terra è una riserva di quarantena per gli alieni
Ultimo aggiornamento:

La Terra è una riserva di quarantena per gli alieni

Alexander Panov è un astronomo Russo e ritiene che la Terra sia una sorta di “riserva” in quarantena creata dagli alieni. Panov è uno dei più importanti astronomi in Russia e capo del centro scientifico e culturale SETI (Search for Alien Intelligence), e pochi giorni fa ha rilasciato un’intervista ai media russi, tra cui RIA Novosti.

Nell’intervista, l’astronomo ha condiviso una visione molto alternativa. Crede che uno dei motivi per cui non abbiamo ancora trovato alieni (ufficialmente) potrebbe essere perché siamo in una “riserva” in cui i contatti non possono interferire con il nostro sviluppo.

E sebbene la versione di Panov non riesca a spiegare le migliaia di avvistamenti UFO e persino entità apparentemente aliene, fornisce un modo per affrontare il motivo per cui finora non ci sono stati contatti ufficiali. Panov non nasconde la sua fede nell’esistenza degli alieni, pensa persino che probabilmente hanno visitato la Terra migliaia di anni fa.

Inoltre, suggerisce che altre civiltà intelligenti manterrebbero la Terra e gli esseri che la abitano in una sorta di “riserva”. In particolare, Panov ritiene che questa riserva avrebbe lo scopo di creare una zona di silenzio radio attorno a noi in modo che nulla interferisca con il nostro sviluppo.

Tuttavia, l’astronomo ritiene che la possibile zona di silenzio radio non ci impedirebbe di cercare segni di altre civiltà. Panov ritiene che il nostro attuale approccio alla ricerca sull’intelligence extraterrestre sia molto limitato. Ora Panov sta lavorando a vari progetti come l’Osservatorio spaziale russo Spektr-M, che sarà lanciato nel 2030 e che potrebbe vedere più da vicino le megastrutture artificiali come le sfere Dyson e i segnali laser, piuttosto che solo i rapidi lampi radio (FRB ).

Panov ritiene che un altro modo per scoprire se gli alieni hanno visitato la Terra sia attraverso l’archeoastronomia. Ciò include l’uso di possibili prove archeologiche di civiltà extraterrestri che potrebbero aver popolato questo mondo milioni di anni fa. Senza dubbio, Panov fa appello a tutti i ricercatori intelligenti, senza diventare sensazionalisti, che possono aiutare molto nella ricerca dei misteri dell’universo, in particolare della vita extraterrestre.

Altre storie
Segreti al Pentagono Il ritorno degli Anunnaki
Segreti al Pentagono: Il ritorno degli Anunnaki