Che cosa è successo all’Astra Vidya di Ramayana e Mahabharata?

Che cosa è successo all'Astra Vidya di Ramayana e Mahabharata
0 115

Che cosa è successo all’Astra Vidya di Ramayana e Mahabharata?

In sanscrito, Astra significa “un’arma straordinaria” in latino, “stella” e in norvegese significava “forza divina”. Nelle epopee come il Ramayana e il Mahabharata, le Astras erano ampiamente utilizzate durante le grandi battaglie descritte in ciascuna di esse e avevano una grande importanza.

Sono raffigurati come usati da arcieri come Parashurama, Ram, Lakshman, Indrajit (Meghnad), Ravana, Bhishma, Drona, Karna, Ashwatthaman, Arjuna e altri guerrieri.

Informazioni su Astras – Armi celesti di divinità indù

Che cosa è successo all'Astra Vidya di Ramayana e Mahabharata
Che cosa è successo all’Astra Vidya di Ramayana e Mahabharata

Nell’antichità esistevano due tipi di armi;

  • Shastra – Armi fisiche
  • Astra – Shastra o oggetti animati da mantra divini

Per molte Astras, i devatà corrispondenti avevano il loro Amsha nel corpo di una persona che ottiene l’Astra. Quindi ottenere un Astra potrebbe essere fatto dopo aver soddisfatto il Devata corrispondente. Ad esempio, Brahmastra è stato acquisito dopo aver gradito Brahma, Pashupatastra piacendo Shiva, Vaishnavastra piacendo a Vishnu, ecc.

Le Divya Astras erano generalmente invocate in frecce, sebbene potessero potenzialmente essere usate con qualsiasi cosa. Allo stesso modo, Ashwatthaman invocava Brahmashirsha Astra usando un filo d’erba come sua arma.

Quindi, per poter utilizzare un Astra, era necessario avere queste cose:

  • Devata corrispondente (chiamato Astra devatas) nel corpo
  • Mantra per l’Astra
  • Qualsiasi oggetto fisico come archi e frecce, legno, filo d’erba, ecc

Tuttavia, se il devata lascia il corpo della persona, allora non sarebbe inutile provare a usare un Astra, anche se la persona conosce il mantra e il Vidhya (conoscenza). Questo è successo ad Arjuna dopo che Krishna ha lasciato il mondo fisico. Conosceva tutti i mantra, ma Astra devatas iniziò a lasciare il suo corpo e fu lasciato incapace di fare qualsiasi cosa. La leggenda vuole che usare gli Astras richiedesse la seguente Vidya dei Mantra.

La leggenda vuole che usare gli Astras richiedesse la seguente Vidya dei Mantra.

  • Per invocare un Astra, è necessario invocare un mantra o un incantesimo. È il Gayatri Mantra, intonato in un modo specifico.
  • Il processo è fatto alterando le onde sonore nell’Etere che il Brahmastra ha la sua potenza.
  • Il suono è chiamato “Nada Brahma” o il suono divino è per dire, anche nell’astrazione c’è una connessione con il divino.
  • Vi sono due tipi di suono senza suono / non udito e S camion / sentito il suono
  • Il suono non colpito è una vibrazione di etere, l’aria superiore o più pura vicino al regno celeste. Gli yogi illuminati cercano il suono incerto chiamato “Anahata Nada”, e solo loro possono sentirlo.
  • Il suono colpito o “Anahata Nada”, è la vibrazione dell’aria nell’atmosfera inferiore più vicina alla terra. È qualsiasi suono che sentiamo in natura o suoni artificiali, musicali e non musicali.
  • Quindi per rilasciare Brahmastra è il suono Anahata che viene usato per cantare Gayatri e non il normale suono Anahata che usiamo per il puja.

Lord Rama usa Gandharva Astra per uccidere e distruggere l’esercito di circa 10.000 carri, 18.000 elefanti, 14.000 cavalli con i loro cavalieri e 200.000 soldati di terra con una velocità sovrumana nel giro di tre ore.

Ogni Astras aveva le sue proprietà peculiari. Ad esempio, il Brahmastra potrebbe distruggere qualsiasi creazione di Brahma. Nagastra era un’arma di serpente. Nagapasham era l’arma celeste uguale a Nagastra mentre Garudastra era l’arma dell’aquila per contrastare il Nagastra. Parvatastra era un’arma pericolosa che un tempo utilizzava le montagne dal cielo per cadere nella Terra.

Ci sono tre potenziali astras, Vaishnavastra, Pashupatastra e Brahmanda Astra. Tuttavia, queste astras non possono danneggiare cinque divinità principali, cioè Brahma, Vishnu, Shiva, Ganesha e Devi in ​​quanto sono la manifestazione suprema del divino.

Soprattutto, queste Astras non possono danneggiare Vishnu, il più grande di tutti gli dei, Shiva, il dio degli dei e lo stesso distruttore, e Shakti, sia l’Essere Supremo che l’energia originale dietro tutte le astras. Con queste cinque divinità, anche le Astras non possono danneggiare Hanuman, il figlio di dio Vayu, poiché ha ottenuto Vardana (doni) da molti dei.

Ci sono grandi lezioni nascoste metaforicamente negli “Itihasas” (epiche) di Ramayana e Mahabharata. Tale è la conoscenza di Astras, le armi celesti che erano il nesso che uccise migliaia di soldati in pochi secondi e cambiò il volto delle guerre. Può sembrare fittizio ma non erano affatto un mito ma molto reali. Molti di loro erano potenti quanto le armi nucleari oggi. Dissimile dalle armi di oggi, non ha richiesto formule matematiche, teorie scientifiche e grandi attrezzature . Tuttavia, la conoscenza e la tecnologia di quei tempi erano molto limitate a poche persone. In modo selettivo, la potente élite al potere, ecc. Tutto ha la sua fine, quindi ha fatto la conoscenza di Astras.

Dove è scomparsa la grande conoscenza? Cosa è successo a The Celestial Weapons?

Un’arma celeste (Astra) non è come un’arma fisica (spade o lance), sono una forma di energia. Negli ultimi yuga (Dwapara, Treta, Satya), le persone avevano poteri di memoria e forza fisica molto migliori. Erano soliti memorizzare tutto e non c’era molto bisogno di scrivere una di queste scritture.4

La maggior parte delle persone che sapevano come invocare le armi morirono nella guerra di Kurukshetra lasciando Arjuna. Un altro che sapeva, Ashwatthama , fu maledetto e dimenticò tutta la sua conoscenza. Quindi non poteva insegnare a nessuno.

Allo stesso modo, quelli che rimangono non erano degni di tale conoscenza, quindi non potevano essere trasmessi e quella conoscenza era morta con quella generazione. Le astras non furono usate dopo la guerra del Mahabharata. Tuttavia, Arjuna passò la conoscenza di uno degli Astra fu passato a Vrishaketu dopo la Grande Guerra.

Dopo la guerra di Kurukshetra, Vrishaketu che era il figlio di Karna andò sulla riva del fiume dove suo padre passava ore a pregare per Surya Narayan. Voleva vendicarsi di tutti i nemici di suo padre. Tuttavia, Arjun appare di fronte a Vrishketu e chiede perdono. Arjuna gli ha anche chiesto di venire con lui a imparare l’arte di usare arco e frecce, diventare un grande guerriero come suo padre e governare il regno che suo padre non poteva governare. Arjuna lo trattava come suo figlio e gli insegnava tutte le astras divine ( Brahmastra, Divyastra ).

Tuttavia, Vrishketu fu l’ultima persona a conoscere l’Astra Vidya perché Krishna gli chiese di non propagarsi più poiché, in Kaliyug, la gente non li userebbe per mantenere il Dharma ma li abuserebbe per scopi personali. Krishna gli aveva detto di non trasmettere la conoscenza delle armi divine alla generazione successiva mentre il Kaliyuga stava per iniziare e queste armi avrebbero causato una distruzione di massa in seguito. Quindi non vediamo nessun studente di Vrishakethu . Lord Shiva ha sigillato il mantra Pashupatastra in Kaliyug per evitare di abusarne e Lord Parasurama è probabilmente in penitenza in attesa di essere un mentore di Kalki.

Per la grazia di Sri Krishna, la maggior parte della scienza distruttiva e le persone che ne erano a conoscenza furono distrutte / morirono dopo la guerra.

Iscriviti alla nostra Newsletter
Iscriviti qui per ricevere le ultime notizie e aggiornamenti direttamente nella tua casella di posta.
È possibile disdire in qualsiasi momento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.