Connect with us

Hi, what are you looking for?

Misteri

La Roswell sovietica, Dalnegorsk

La Roswell sovietica

Roswell Sovietica ufo crash 1986 – Nel dicembre 2012, Travel Channel ha messo in onda diverse repliche della puntata di Mysteries at the Museum dedicata ad una particolarissima mostra promossa dal National Atomic Testing Museum, ente associato allo Smithsonian Institution, nella quale è possibile osservare “una raccolta di misteriosi detriti che potrebbero essere la prova dell’esistenza di intelligenze aliene”.
Secondo quanto dichiarato in un comunicato stampa da Allan Palmer, direttore del museo, la mostra prende in esame alcuni frammenti ritrovati nel 1986 dopo una misteriosa esplosione avvenuta a Dalnegorsk, una città mineraria dell’estremo oriente della Russia.

International UFO Museum

393611°N 104.523056°W33.393611; -104.523056 L’International UFO Museum di Roswell è un museo che raccoglie reperti, testimonianze e fotografie dei principali
I metalli sarebbero stati raccolti in seguito allo schianto di un velivolo non identificato avvenuto il 29 gennaio 1986 sui Monti Izvestkovaya. I testimoni descrissero l’ufo come una sfera silenziosa rossastra che saliva e scendeva lentamente, amplificando la sua luminosità ogni volta che riprendeva quota.

Secondo i racconti, poi l’ufo si avvicinò ai monti, “si udì una forte esplosione”, per poi “cadere a terra come una roccia”. L’incidente è ampiamente indicato come il caso Roswell russo, in analogia al famoso presunto “ufo crash” del 1947 nei pressi di Roswell, New Mexico, negli Stati Uniti.

La Roswell sovietica, Dalnegorsk

Secondo quanto riporta il giornalista americano George Knapp sull’Huffington Post, Valen Dvuzhilini, dell’Accademia Russa delle Scienze, fu il primo ad arrivare sul posto, due giorni dopo l’accaduto. Lo scienziato raccolse alcuni campioni sparsi sul terreno di una strana lega metallica e campioni di rocce e vegetali bruciati a seguito dello scoppio.
I campioni furono poi analizzati da diversi istituti scientifici russi. Nei giorni successivi all’incidente, centinaia di testimoni raccontarono di aver visto altri ufo aggirarsi sul luogo dello schianto, come se stessero cercando qualcosa.

Philip J. Corso

tenente colonnello. Nel 1997 pubblicò Il giorno dopo Roswell (in inglese: The Day After Roswell), scritto in collaborazione con l’ufologo William J. Birnes

Le analisi hanno mostrato che la configurazione atomica del materiale ferroso è molto differente dal ferro normale e non può essere rivelato dagli strumenti radar. Inoltre, il materiale, quando riscaldato, è in grado di scomparire per poi ricomparire una volta raffreddato. Un pezzo è completamente sparito davanti a quattro testimoni. Infine, il nucleo del materiale è composto di una sostanza con proprietà antigravitazionali”.

“Gli scienziati russi sono sempre stati prudenti e non hanno mai dichiarato che questi oggetti provengano da un altro mondo, ma nemmeno si può negare che siano in possesso di proprietà insolite”, spiega Knapp.

Fonte Studiare gli Ufo

Collabora

Ciao, cerchiamo validi ed affidabili collaboratori, per espandere l’attività di informazione, se ritieni di avere voglia, capacità e un po’ di tempo da dedicare a questo scopo, ti stiamo aspettando.

Candidati
Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

You May Also Like

News

Ecco la verità dietro un documento della NASA sugli alieni che visitano la Terra Gli alieni nel passato hanno visitato il Pianeta Terra? Fox...

Ufo Alieni

Sud del Brasile: Avvistato Veicolo Alieno Un veicolo alieno avrebbe tenuto i cacciatori di UFO con il fiato in gola. Una luce brillante è...

Ufo Alieni

Gli Arturiani: Il Cambiamento coscienza  è Inevitabile Noi vi parliamo con gioia perché molti cambiamenti di coscienza stanno arrivando nel vostro mondo. Nuovi eventi...

Misteri

GLI ESSERI UMANI NON PROVENGONO DAL PIANETA TERRA. ECCO DA DOVE PROVENGONO… Da dove hanno origine realmente gli esseri umani? I teorici degli Antichi...

FacebookSeguici sui social

Segui tutte le nostre News sulla nostra pagina Facebook 

Like