in

È una delle più grandi strutture cosmiche mai scoperte!

È una delle più grandi strutture cosmiche mai scoperte!

È una delle più grandi strutture mai scoperte nel cosmo!

Un team di cosmografi annuncia di aver identificato una delle più grandi strutture cosmiche mai scoperte. Un “muro” di galassie che abbraccia oltre 1,4 miliardi di anni luce.

Un universo di pizzo
Le galassie non navigano a caso nell’universo. Al contrario, si evolvono nel quadro di una struttura molto ordinata, agglutinando lungo enormi fili di idrogeno in cui sono infilati come perle su una collana. Il lavoro del cosmografo Daniel Pomarede, dell’Università Paris-Saclay in Francia, consiste nel mappare queste “collane di perle galattiche”.

In precedenti lavori, Pomarede e i suoi colleghi hanno già identificato molte di queste strutture da capogiro. Il più grande finora conosciuto – la Grande Muraglia di Ercole-Corona Boreale – copre 10 miliardi di anni luce . Difficile abituarsi all’idea, ma rappresenta poco più di un decimo delle dimensioni dell’universo visibile.

Nel 2014, il ricercatore ha anche puntato i riflettori su Laniakea, un supercluster di galassie largo 520 milioni di anni luce incluso il supercluster Virgo, di cui fa parte la Via Lattea.

Come parte di questo nuovo lavoro, il team è stato in grado di esaminare una regione cosmica dietro la zona oscurante galattica . Fondamentalmente, per gli osservatori terrestri, quest’area rappresenta la massa di polvere nelle regioni centrali della nostra galassia che normalmente ci impedisce di vedere “oltre”.

Grazie a queste nuove mappe, i ricercatori spiegano che hanno identificato una nuova struttura, chiamata parete del Polo Sud . I dettagli del loro studio sono stati pubblicati su The Astrophysical Journal .

Una delle più grandi strutture cosmiche

Questo supercluster si estenderebbe per almeno 1,4 miliardi di anni luce di diametro e conterrebbe centinaia di migliaia di galassie. In termini di dimensioni, rivaleggia con la Grande Muraglia di Sloan, la sesta struttura cosmica più grande mai scoperta.

La mappa qui sotto mostra la struttura. Possiamo vedere una bolla di materiale più o meno centrata sul punto più meridionale del cielo, estesa da una grande ala che si estende a nord su un lato, verso la costellazione di Cetus. Un altro braccio più tozzo, situato di fronte, prende la direzione della costellazione dell’Apus.

strutture cosmiche
Una delle più grandi strutture cosmiche

I cosmografi generalmente determinano la distanza degli oggetti usando la tecnica redshift . È un fenomeno astronomico di spostamento verso le lunghe lunghezze d’onda delle linee spettrali che risulta, per lo spettro visibile, da uno spostamento verso il rosso. Ciò è causato dall’espansione dello spazio causata dall’espansione dell’universo .

In questo studio, i ricercatori hanno usato una tecnica leggermente diversa. Hanno preso in considerazione lo spostamento verso il rosso, ma anche il movimento delle galassie l’una intorno all’altra mentre si attirano per gravità.

In questo modo, erano così in grado di rilevare la massa di materia oscura invisibile, influenzando i movimenti di tutte queste galassie. Infine, i ricercatori sono riusciti a tracciare la distribuzione tridimensionale della materia (nera e normale) dentro e intorno alla zona di oscuramento galattico, rivelando questo nuovo muro del Polo Sud.

Si noti che questa è una prima valutazione qui. Nello studio, il team sottolinea infatti che una delle strutture cosmiche più grandi mai rilevate potrebbe effettivamente essere molto più grande di quello calcolato fino a oggi. ” Non saremo sicuri della sua grandezza, né del suo carattere insolito, fino a quando non avremo mappato l’universo su una scala molto più ampia” , concludono.

Written by Nuovo Universo

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0
4 oggetti misteriosi avvistati nello spazio profondo

4 oggetti misteriosi avvistati nello spazio profondo

GLI IPERBOREI