«Everything is Light» L’affascinante intervista con Nikola Tesla nel 1899

0 164

«Everything is Light» L’affascinante intervista con Nikola Tesla nel 1899

Nikola Tesla è senza dubbio uno degli inventori più importanti che è esistito sul nostro pianeta. È interessante notare che, anche se è uno degli inventori più importanti e scientifici nella storia della civiltà, è anche il più assente nei libri di storia. Le interviste con Tesla sono estremamente rare, ma quelle che abbiamo a disposizione offrono una grande comprensione della mente di un brillante scienziato i cui obiettivi erano di dare alle persone in tutto il mondo un potere illimitato e illimitato.

Una delle interviste a Tesla, a cui abbiamo accesso, è quella fatta nel 1899, quando fu intervistato dal giornalista John Smith, lasciando per i posteri una delle sue frasi:

Everything is Light. In uno dei suoi raggi è il destino delle nazioni, ogni nazione ha il suo raggio in quella grande fonte di luce, che vediamo, come il Sole.

E ricorda, che non esiste un uomo che sia esistito e che non sia morto!

Intervista che lo scienziato Nikola Tesla concesse per la rivista “Immortality” nel suo laboratorio a Colorado Springs nel 1899.

GIORNALISTA: Signor Tesla, hai vinto la gloria dell’uomo che è stato coinvolto nei processi cosmici. Chi sei, signor Tesla?

TESLA: È una domanda interessante, signor Smith, e cercherò di darti la risposta giusta.

GIORNALISTA: Dicono che vieni dal paese della Croazia, dalla zona chiamata Lika, dove insieme alle persone crescono alberi, rocce e il cielo stellato. Dicono che la sua città natale prende il nome dai fiori della montagna e che la casa dove è nato si trova vicino alla foresta e alla chiesa.

TESLA: In realtà tutto ciò che hai detto è vero. Sono orgoglioso della mia origine serba e della mia patria croata.

GIORNALISTA: I futuristi dicono che il ventesimo secolo e il ventunesimo secolo sono nati nella testa di Nikola Tesla.

Celebrano il campo magnetico al contrario e cantano gli inni al motore a induzione. Il suo creatore fu chiamato “il cacciatore che catturò la luce nelle sue reti dalle profondità della terra” e “il guerriero che catturò il fuoco dal cielo“.

Si dice che sia il padre della corrente alternata, che farà dominare la fisica e la chimica in mezzo mondo. L’industria lo proclamerà come il suo santo supremo, un banchiere per i più grandi benefattori. Nel laboratorio di Nikola Tesla per la prima volta un atomo è stato rotto. È stata creata un’arma che produce vibrazioni sismiche.

Lì hanno scoperto i raggi cosmici neri. Cinque razze lo pregheranno nel tempio del futuro, perché ha insegnato loro un grande segreto: che gli elementi di Empedocle possono essere abbeverati con le forze vitali degli eteri.

TESLA: Sì, queste sono alcune delle mie scoperte più importanti. Anche così, sono un uomo sconfitto. Non ho raggiunto il più grande dei miei obiettivi.

GIORNALISTA: Che cosa sarebbe quel desiderio, signor Tesla?

TESLA: Volevo illuminare tutta la terra. C’è abbastanza elettricità per creare un secondo sole. La luce apparirebbe attorno all’equatore, come un anello attorno a Saturno. L’umanità non è pronta per la grandezza. A Colorado Springs ho impregnato la terra di elettricità. Possiamo anche annaffiare le altre energie, come l’energia mentale positiva, che si trova nella musica di Bach o Mozart, o nei versi dei grandi poeti.

Nell’interno della Terra ci sono energie di gioia, pace e amore che si esprimono, ad esempio, attraverso un fiore che cresce dalla terra, il cibo che ne viene fuori e tutto ciò che lo rende la casa dell’uomo. Ho passato anni a cercare modi in cui questa energia potesse influenzare le persone. La bellezza e l’aroma delle rose possono essere usati come medicine e i raggi del sole come cibo. La vita ha un numero infinito di forme e il dovere degli scienziati è di trovarle in tutte le forme di materia.

Tre cose sono essenziali in questo senso. Tutto ciò che faccio è cercarli. So che non li troverò, ma anche così non li abbandonerò.

GIORNALISTA: cosa sono queste cose?

TESLA: un problema è il cibo. Quale energia, stellare o terrestre, può nutrire gli affamati della Terra? Con quale vino può essere annaffiata tutta la sete, in modo che le persone possano animare i loro cuori e capire che sono dei? Un’altra cosa è distruggere il potere del male e della sofferenza in cui passa la vita dell’uomo!

A volte si presentano come un’epidemia nelle profondità dello spazio. In questo secolo la malattia si era diffusa dalla Terra all’Universo. La terza cosa è: c’è un eccesso di luce nell’Universo?

Ho scoperto una stella che secondo le leggi astronomiche e matematiche potrebbe scomparire, e anche allora nulla cambierebbe. Quella stella è in questa galassia. La sua luce può essere emessa con tale densità che si adatta in una sfera più piccola di una mela e allo stesso tempo più pesante del nostro Sistema Solare.

Religioni e filosofie insegnano che l’uomo può diventare il Cristo, il Buddha e lo Zarathustra. Quello che sto cercando di dimostrare è rivoluzionario e quasi inaccessibile. È ciò che deve essere fatto nell’Universo in modo che ogni essere nasca come Cristo, Buddha o Zarathustra. So che la gravità è avversa a tutto ciò che deve volare e la mia intenzione non è quella di rendere i dispositivi di volo (aerei o missili), ma di insegnare all’individuo a recuperare coscienza sulle proprie ali … Sto anche cercando di risvegliare l’energia contenuta nell’aria.

Ci sono le principali fonti di energia. Quello che viene considerato come spazio vuoto è solo una manifestazione della materia che non è sveglia. Non c’è spazio vuoto su questo pianeta, né nell’Universo … I buchi neri, di cui parlano gli astronomi, sono le più potenti fonti di energia e di vita.

GIORNALISTA: Nella finestra della sua stanza nell’hotel Waldorf-Astoria al trentatreesimo piano, ogni mattina arrivano gli uccelli.

TESLA: un uomo deve essere sensibile agli uccelli. Questo è a causa delle sue ali. L’essere umano le ha avuta una volta reali e visibili!

GIORNALISTA: Non hai smesso di volare da quei lontani giorni a Smiljan!

TESLA: Volevo volare dal tetto e sono caduto: i calcoli dei bambini possono essere sbagliati. Ricorda che le ali della gioventù vogliono avere tutto nella vita!

GIORNALISTA: sei mai stato sposato? Non è noto se si ha affetto per amore o per una donna. Le foto di lei da giovane mostrano che era un uomo attraente.

TESLA: Sì, non l’ho fatto. Ci sono due punti di vista: o hai molto affetto o niente del tutto. Il punto medio serve a ringiovanire la razza umana. Le donne per certi uomini nutrono e rafforzano la loro vitalità e spirito. Essere soli fa lo stesso con gli altri. Ho scelto quel secondo percorso.

GIORNALISTA: I suoi fan si lamentano che sta attaccando la relatività. La cosa strana è la sua affermazione che la materia non ha energia. Tutto è intriso di energia, dov’è?

TESLA: Prima era l’energia e poi la questione.

GIORNALISTA: Signor Tesla, è come quando ha detto che sei nato da tuo padre e non da te stesso.

TESLA: Esattamente! Cosa succede alla nascita dell’Universo? La materia è creata dall’energia originale ed eterna che noi conosciamo come luce. Stava brillando e stelle, pianeti, uomini e tutto ciò che sulla Terra e nell’Universo appariva. La materia è un’espressione di infinite forme di luce, perché l’energia è più antica di essa. Ci sono quattro leggi della creazione.

  • La prima è che la mente non può concepire o misurare matematicamente la fonte di tutta la trama sconcertante e oscura, in quella trama si adatta l’intero Universo.
  • La seconda legge risiede nell’oscurità espansiva, che è la vera natura della luce, dell’inspiegabile e si trasforma in luce.
  • La terza legge è la necessità che la luce diventi una questione di luce.
  • La quarta legge è: non c’è inizio né fine; Le tre leggi precedenti hanno sempre luogo e la Creazione è eterna.

 

Loading...
Iscriviti alla nostra Newsletter
Iscriviti qui per ricevere le ultime notizie e aggiornamenti direttamente nella tua casella di posta.
È possibile disdire in qualsiasi momento
Loading...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.