Gli scienziati hanno scavato 12 km nel nostro pianeta, quello che hanno trovato li ha lasciati senza parole

Sappiamo di più su mondi alieni lontani e lune di quanto sappiamo del pianeta su cui viviamo. Ci sono molte parti del nostro pianeta, che restano ancora inesplorate, nonostante il fatto che abbiamo sonde,come il Voyager,che hanno già lasciato il nostro sistema solare.

Proprio come noi ancora non sappiamo tutto sulla superficie del nostro pianeta, ad oggi abbiamo esplorato meno del cinque per cento del mare. C’è ancora molto da imparare e da esplorare i misteri in profondità. Solo circa il 5% del fondo marino del mondo è stato mappato in dettaglio . Dal momento che l’oceano occupa circa il 70% della superficie della Terra, questo lascia circa il 65% della terra (esclusi i terreni a secco) inesplorata. È interessante notare, che si ritiene che circa il 50-80% di tutta la vita sul nostro pianeta si trova sotto la superficie dell’oceano e gli oceani contengono il 99% dello spazio di vita sul pianeta. Curiosamente meno del 10% di quello spazio è stato esplorato dagli esseri umani. 85% della superficie e il 90% del volume costituiscono l’ambiente scuro freddo che noi chiamiamo il mare profondo.

Allora, cosa stiamo aspettando? Non è tempo di iniziare ad esplorare il nostro pianeta prima di andare su Marte, o tornare sulla luna?

Alcuni sforzi per esplorare ciò che è sotto di noi sono stati fatti in passato. Denominato da molti come la ‘Porta dell’Inferno’, a 12.262 metri il Pozzo super profondo di Kola è il punto più profondo artificiale sul nostro pianeta.

Quello che gli esperti hanno trovato quando hanno perforato più di 12 chilometri li ha completamente colti di sorpresa.

Nel 1989 gli esperti di perforazione hanno raggiunto 12.262 metri (40,230 ft), creando con successo il più profondo punto artificiale sul nostro pianeta.

Gli scienziati hanno scavato 12 km nel nostro pianeta, quello che hanno trovato li ha lasciati senza parole

Il foro (chiuso saldato), agosto 2012. Rakot 13. Wikimedia Commons

È interessante notare che il Pozzo super profondo di Kola scende oltre il punto più profondo dell’oceano , che si trova a quasi 6,8 miglia (11 chilometri). Il foro è solo 23 cm di diametro.

Mentre gli esperti riuscirono solo a forare 12.263 metri, il loro obiettivo principale era stato fissato a 15.000 metri. Tuttavia, a causa delle temperature elevate più del previsto in questa profondità e posizione, 180 ° C (356 ° F) invece di attesa 100 ° C (212 ° F), una foratura più profonda è ritenuta irrealizzabile e la perforazione è stato fermata nel 1992.

In termini di profondità, è il pozzo più profondo del mondo. Per due decenni è rimasto come foro più lungo del nostro pianeta, in termini di profondità misurata lungo il foro del pozzo, fino a quando fu superato nel 2008 dai 12.289 metri di lunghezza (40,318 ft) ad Al Shaheen pozzo di petrolio in Qatar, e nel 2011 da 12.345 (40,502 ft) a Sakhalin-I Odoptu al largo dell’isola di Sakhalin russa.

Il Pozzo super profondo di Kola si dice sia stato perforato attraverso un terzo del modo attraverso la crosta continentale Baltico, che secondo gli esperti è di circa 35 chilometri di profondità. Inoltre, il trapano raggiunto rocce dell’epoca Archeana (superiore a 2,5 miliardi di anni).

Cosa hanno trovato gli esperti?
Mentre gli esperti si sono riuniti con una grande quantità di dati durante il progetto, hanno fatto alcune scoperte sconcertanti. Crepe nella roccia, molti chilometri sotto la superficie sono stati trovati ad essere saturi d’acqua.

Tuttavia, la scoperta più importante e inaspettata è stato l’individuazione di attività biologica in rocce di miliardi di anni.

Come notato da Atlas Obscura , la prova più chiara della vita è venuta sotto forma di fossili microscopici: i resti conservati di ventiquattro specie di piante marine unicellulari, altrimenti note come il plancton.

A circa la stessa profondità, gli scienziati hanno trovato tracce di acqua.

Il nostro pianeta ha molto gas sorprendentemente, azoto, elio, idrogeno, azoto, e anche il biossido di carbonio (provenienti da microbi) che è  stato scoperto lungo tutto il foro.

Non c’è basalto laggiù, che è una delle più grandi sorprese. Gli scienziati credevano che a 9.000 metri di granito avrebbero trovato molto basalto. Tuttavia, con loro grande sorpresa, non è così.

La temperatura era incredibilmente alta. Nella parte inferiore del foro, gli strumenti misurato un impressionante 180 ° C, uno dei principali motivi per cui è stata interrotta la foratura.

Ma forse ciò che è ancora più impressionante è il fatto che gli scienziati stimano che la distanza dal centro del nostro pianeta è quasi 4.000 miglia (6.400 chilometri) . Risulta, 6.500 chilometri non è per nulla vicino e ciò che gli scienziati sono riusciti a perforare tocca appena la superficie

Fonte