I Chitauri nelle tradizioni Zulu: Rivelazioni sui Rettiliani dell’Africa

0 59

I Chitauri nelle tradizioni Zulu: Rivelazioni sui Rettiliani dell’Africa

Lo sciamano Zulu sudafricano Credo Mutwa conferma la storia di rettili extraterrestri in Africa, un altro capitolo nascosto della storia perduta del Pianeta Terra. Avendo viaggiato in tutto il mondo, Credo Mutwa, dice che le “leggende” delle interazioni tra umani e rettiliani sono conosciute in Australia tra gli Aborigeni, le culture del Giappone e di Taiwan, così come i nativi americani indigeni come i Maya, Sioux , Cree e molti altri. Il Kachina degli Hopi, per esempio, riflette la loro comprensione della presenza degli extraterrestri sulla terra. Ora sembra che solo le cosiddette autorità della civiltà occidentale neghino ufficialmente l’esistenza di queste creature.

In un’intervista con Rick Martin, Credo Mutwa spiega la manipolazione della vita sulla terra da parte di queste entità negative: “I nostri popoli credono che noi, le persone di questa Terra, non siamo padroni delle nostre vite, anche se siamo fatti pensare che noi “Riferendosi alla razza dei rettili, dice che sono chiamati” Chitauri “che significa” i dittatori “e” quelli che ci dicono la legge “. In altre parole, quelli che ci dicono segretamente cosa dobbiamo fare “.

Il conflitto intergalattico per l’umanità basata sulla Terra iniziò con l’arrivo dei rettiliani, che non persero tempo nel costituirsi come “dei” e “sorveglianti” per gli umani che vivono sul pianeta. Credo Mutwa dice che “quando i Chitauri arrivarono sulla Terra, arrivarono in terribili vascelli che volarono nell’aria, vasi modellati come grandi scodelle, che fecero un terribile rumore e un terribile fuoco nel cielo. I Chitauri dissero agli esseri umani, che si erano riuniti con la forza con fruste di lampo, che erano grandi dei dal cielo e che d’ora in poi avrebbero ricevuto una serie di grandi doni dagli dei. “Naturalmente, ci sarebbe stato l’inferno pagare, per così dire, per questi presunti “doni”. Il dono della “religione” era uno di loro?

I Chitauri nelle tradizioni Zulu: Rivelazioni sui Rettiliani dell’Africa

Questa è quindi l’essenza della storia travestita da mitologia o fantascienza. “Questi cosiddetti dei erano come esseri umani, ma molto alti, con una lunga coda e con terribili occhi infuocati”, continua Credo Mutwa, descrivendo la versione reale di un film horror prototipo. “Alcuni di loro avevano due occhi, gialli, occhi luminosi; alcuni avevano tre occhi, l’occhio rosso e rotondo era al centro della fronte. ”

Lo sciamano Zulu esprime quindi sorpresa, quando descrive il personaggio di Darth Maul nel film di Guerre Stellari che mostra “un personaggio esattamente come un Chitauri … con le corna tutt’intorno”.

Le intuizioni di Credo Mutwa nelle interazioni uomo-rettile sono credibili perché spiegano il comportamento altrimenti inspiegabile dei guerrafondai, dei politici, dei capi delle corporazioni e di altri che sono “segnaposto” nel sistema di controllo degli Illuminati sulla Terra. “Un’altra cosa che il nostro popolo dice è che i Chitauri si abbattono su di noi come avvoltoi. Sollevano alcuni di noi. Riempiono alcuni di noi con grande rabbia e grande ambizione. E rendono queste persone che hanno allevato in grandi guerrieri che fanno una guerra terribile. Ma, alla fine, i Chitauri non permettono a questi grandi leader, a questi grandi capi di guerra e re, di morire pacificamente. Il capo guerriero è abituato a fare più guerra possibile, a uccidere il maggior numero di persone e quelli che chiama nemici, e alla fine il capo guerriero muore di una morte terribile, con il sangue versato da altri “.

I Chitauri nelle tradizioni Zulu: Rivelazioni sui Rettiliani dell’Africa

Spiegando perché l’evoluzione spirituale dell’umanità è stata soffocata, Credo Mutwa continua: “Queste creature hanno poi tolto via i grandi poteri che gli esseri umani avevano: il potere di parlare solo attraverso la mente, il potere di muovere gli oggetti solo con la loro mente, il potere di vedere nel futuro e nel loro passato, e il potere di viaggiare, spiritualmente, in mondi diversi … Ci sono tali creature, e prima gli scettici tra di noi dovranno affrontare questo fatto, meglio sarà. Perché l’umanità non progredisce? Perché stiamo correndo in una grande cerchia di autodistruzione e mutua distruzione? ”

Nonostante le dure realtà che descrive, Credo Mutwa conclude la sua intervista con una nota positiva. Egli dice: “Non v’è speranza! Prima di tutto, non v’è un Dio sopra di noi. E questo Dio è più reale di quanto molti di noi credano. Dio non è un’invenzione dell’immaginazione di qualcuno. Dio non è qualcosa di sognato da vecchi e vecchie donne in tempi preistorici. Dio esiste. Ma stare in mezzo a noi e Dio sono creature che affermano di essere dei. E queste creature di cui dobbiamo liberarci per avvicinarci a Dio. ”

©Riprodizione Riservata

Iscriviti alla nostra Newsletter
Iscriviti qui per ricevere le ultime notizie e aggiornamenti direttamente nella tua casella di posta.
È possibile disdire in qualsiasi momento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.