I misteri del regno di Shambhala

I misteri del regno di Shambhala
0 668

I misteri del regno di Shambhala, il regno del silenzio

Shambhala, parola sanscrita che tradotta significa – Luogo di Pace – è un regno mitico che viene menzionato nelle antichissime scritture Indiane. Testi come il Tantra di Kalachakra e le scritture dell’antica cultura Zhang Zhung parlano del regno di Shambhala accostandolo a un paradiso in terra situato a nord dell’India, o a nord della regione himalayana.

La ricerca di Shambhala ha interessato tutte le nazioni del mondo, ma una in particolare a ricercato il mitico regno con una ostinazione quasi folle. la Germania guidata da Hitler era quasi ossessionata dal regno di Shambhala per due aspetti in particolare:

La ricerca della stirpe progenitrice dei tedeschi, la cosi detta Razza Ariana, e il ritrovamento dei sotterranei di Shambhala e Agarti, nei quali sarebbero vissute a loro dire popolazioni specializzate nel convogliare l’energia interiore detta “VRIL”

Le leggende legate a Shambhala raccontano di un luogo dove solo i puri di cuore possono accedere, dove non esiste la sofferenza e regnano incontrastati l’amore e la saggezza.

Il Vishnu Purana, antico testo indù, menziona Shambhala come il luogo di nascita di Kalki, nelle scritture Bön si accosta a una terra dal nome di Olmolungring e viene anche menzionata nel mito buddista, ma viene ampiamente descritta per la prima volta nei testi Tantra di Kalachakra.

Terra dai mille nomi, nel tempo è stata chiamata la terra proibita, la terra delle acque bianche, la terra degli spiriti radianti, la terra del fuoco vivo, la terra degli dei viventi e la terra delle meraviglie. Gli indù lo chiamano Aryavartha (“La terra dei degni”); i cinesi lo conoscono come Hsi Tien, il paradiso occidentale di Hsi Wang Mu; e per i vecchi credenti russi, è noto come Belovoyde. Ma in tutta l’Asia, è meglio conosciuto con il suo nome sanscrito, Shambhala, Shamballa o Shangri-la.

I misteri del regno di Shambhala
I misteri del regno di Shambhala

La profezia di Shambhala

Il Kalachakra profetizza il graduale deterioramento dell’umanità mentre l’ideologia del materialismo si diffonde sulla terra.

Quando i “barbari” che seguono questa ideologia sono uniti sotto un re malvagio e pensano che non c’è più nulla da conquistare, le nebbie si solleveranno per rivelare le montagne innevate di Shambhala. I barbari attaccheranno Shambhala con un enorme esercito dotato di armi terribili. Quindi il re di Shambhala emergerà da Shambhala con un enorme esercito per sconfiggere le “forze oscure” e inaugurare un’età d’oro mondiale.

Da questo capiamo che la profezia si riferisce a una futura guerra, che però va in netto contrasto con il buddismo che proibisce la violenza. Proprio questo contrasto ha spinto i teologi una interpretazione diversa. La guerra non è intesa coma una violenza tra uomini, ma bensì, una battaglia interiore tra il bene e le forze del male.

Ma dove si trova realmente il regno di Shambhala?

Nel corso dei secoli, sono state organizzate moltissime spedizioni con lo scopo di trovare Shambhala, e nonostante in tanti hanno affermato di esserci stati, mai nessuno ha mai fornito alcuna prova a sostegno delle loro parole o dell’esistenza dello stesso regno.

Gli antichi testi di Zhang Zhung identificano Shambhala con la valle del Sutlej nel Punjab o Himachal Pradesh, India. I mongoli identificano Shambhala con alcune valli della Siberia meridionale. Nel folklore di Altai, il Monte Belukha è ritenuto la porta di accesso a Shambhala. Gli studiosi buddisti moderni sembrano concludere che Shambhala si trova nelle zone più alte dell’Himalaya in quelle che oggi sono chiamate le montagne del Dhauladhar intorno a Mcleodganj. Alcune leggende dicono che l’ingresso a Shambhala sia nascosto all’interno di un remoto monastero abbandonato in Tibet e sorvegliato da esseri noti come Guardiani di Shambhala.

Molti pensano che il mancato ritrovamento dell Regno di Shambhala abbia una spiegazione molto semplice. Il Regno è posto hai margini della realtà fisica.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.