in

Il bizzarro oscuramento di Betelgeuse

Il bizzarro oscuramento di Betelgeuse

Gli Starspots giganti possono spiegare il bizzarro oscuramento di Betelgeuse

Un nuovo articolo pubblicato sull’Astrophysical Journal Letters indica i cambiamenti nella fotosfera della stella supergigante rossa Betelgeuse come la fonte del recente oscuramento insolito.

Betelgeuse , la seconda stella più luminosa della costellazione di Orione, è un supergigante rosso situato a circa 650 anni luce dalla Terra.

Con un raggio circa 1.400 volte più grande di quello del Sole, Betelgeuse è una delle stelle più grandi conosciute. È anche una delle stelle più luminose conosciute, che emette più luce di 100.000 soli.

Con un’età di soli 8 milioni di anni, Betelgeuse si sta già avvicinando alla fine della sua vita e presto è destinata a esplodere come una supernova.

Ma l’ insolito oscuramento della stella , iniziato nell’ottobre 2019, non era necessariamente il segno di un’imminente supernova.

“Verso la fine della loro vita, le stelle diventano giganti rosse”, ha dichiarato il dott. Thavisha Dharmawardena, astronomo del Max Planck Institute for Astronomy.

“Man mano che la loro fornitura di carburante si esaurisce, i processi cambiano per mezzo del quale le stelle rilasciano energia. Di conseguenza, si gonfiano, diventano instabili e pulsano con periodi di centinaia o addirittura migliaia di giorni, che vediamo come una fluttuazione della luminosità. ”

“A causa delle sue dimensioni, l’attrazione gravitazionale sulla superficie della stella è inferiore rispetto a una stella della stessa massa ma con un raggio minore. Pertanto, le pulsazioni possono espellere gli strati esterni di una tale stella in modo relativamente semplice. ”

“Il gas rilasciato si raffredda e si sviluppa in composti che gli astronomi chiamano polvere. Questo è il motivo per cui i giganti rossi sono un’importante fonte di elementi pesanti nell’Universo, da cui alla fine si evolvono i pianeti e gli organismi viventi. ”

Dr. Dharmawardena e colleghi hanno analizzato i dati submillimetrici raccolti dal James Clerk Maxwell Telescope (JCMT) e Atacama Pathfinder Experiment (APEX) in un arco di tempo di 13 anni.

Hanno scoperto che anche Betelgeuse si è attenuato del 20% a queste lunghezze d’onda durante questo minimo ottico.

“Gli astronomi hanno precedentemente considerato la produzione di polvere che assorbe la luce come la causa più probabile del forte calo della luminosità”, hanno detto.

“Ciò che ci ha sorpreso è stato che Betelgeuse è diventato più scuro del 20% anche nella gamma delle onde submillimetriche”, ha aggiunto il dott. Steve Mairs, astronomo dell’Osservatorio dell’Asia orientale.

“L’esperienza dimostra che tale comportamento non è compatibile con la presenza di polvere”.

“L’oscuramento misurato in luce visibile e onde submillimetriche è quindi la prova di una riduzione della temperatura superficiale media di Betelgeuse, che quantificano a 200 K”, hanno osservato.

“Tuttavia, è più probabile una distribuzione asimmetrica della temperatura”, ha affermato il dott. Peter Scicluna, astronomo dell’ESO.

“Le corrispondenti immagini ad alta risoluzione di Betelgeuse di dicembre 2019 mostrano aree di diversa luminosità.”

“Insieme al nostro risultato, questa è una chiara indicazione di enormi stelle stellari che coprono tra il 50 e il 70% della superficie visibile e hanno una temperatura inferiore rispetto alla fotosfera più luminosa.”

“Per fare un confronto, una tipica macchia solare è la dimensione della Terra. Lo spazio stellare di Betelgeuse sarebbe cento volte più grande del Sole “, ha affermato il professor Albert Zijlstra, un astronomo dell’Università di Manchester.

“L’improvviso sbiadimento di Betelgeuse non significa che stia diventando una supernova. È una stella supergigante che coltiva uno starpot di grandi dimensioni. ”

“Le osservazioni nei prossimi anni ci diranno se la forte riduzione della luminosità di Betelgeuse è correlata a un ciclo spot”, ha detto la dott.ssa Dharmawardena.

“In ogni caso, Betelgeuse rimarrà un oggetto entusiasmante per studi futuri.”

Written by Nuovo Universo

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0
Scoperte strutture nelle profondità della Terra

Scoperte strutture nelle profondità della Terra

10 fatti interessanti sugli immortali persiani

10 fatti interessanti sugli immortali persiani