Ente Spaziale

Il boss della NASA si dimette inaspettatamente

Ecco perché il capo del volo spaziale umano della NASA si è dimesso e perché è importante

Loverro stava cercando ardentemente di adempiere al suo mandato di sbarco sulla Luna del 2024.

Martedì scorso, la NASA ha annunciato che il suo capo del volo spaziale umano, Doug Loverro, si era dimesso dopo soli sei mesi di lavoro presso l’agenzia spaziale. Questa notizia, arrivata appena otto giorni prima del primo lancio di esseri umani da parte della NASA in nove anni, ha scosso la comunità aerospaziale civile e sollevato una raffica di voci.

Questo post tenterà di valutare ciò che sappiamo, e ciò che non sappiamo, della sua partenza e che cosa significa per i programmi di volo spaziale umano dell’agenzia spaziale andare avanti.

Perché Doug Loverro si è dimesso?

Ha commesso un errore durante il processo di acquisizione del sistema di sbarco umano, durante il quale la NASA ha selezionato offerte da Blue Origin, Dynetics e SpaceX per costruire lander lunari nell’ambito del programma Artemis. Martedì, nella sua lettera di dimissioni ai dipendenti, Loverro ha ammesso di aver fatto un “errore” all’inizio di quest’anno. Fonti multiple hanno suggerito che ha violato la legge sull’integrità degli appalti .

Vale la pena notare che il 25 marzo 2020, l’ispettore generale della NASA ha annunciato un audit della “strategia di acquisizione della NASA per le missioni Artemis per includere l’atterraggio di astronauti sulla Luna entro il 2024”. Sembra plausibile che questo audit possa aver comportato alcune azioni intraprese da Loverro.

Quindi cosa ha fatto?

Né Loverro né l’amministratore della NASA Jim Bridenstine stanno parlando direttamente di questa domanda, ma possiamo fare alcune ipotesi istruite. Il lavoro numero uno di Loverro quando fu assunto per sostituire Bill Gerstenmaier fu di portare gli umani sulla Luna nel 2024. Fermo. Quello era il suo mandato e lo prese sul serio.

Loverro era anche conosciuto come il “lancio integrato”, il che significa che voleva lanciare un lander lunare completo su un singolo razzo, piuttosto che pezzi del lander su razzi commerciali, da assemblare in orbita attorno alla Luna. Ha giudicato questo approccio troppo complicato. E – qui stiamo dicendo ad alta voce la parte tranquilla – la realtà è che nessuno dei tre appaltatori del sistema di atterraggio umano selezionati dalla NASA è probabile che sia pronto entro il 2024. Tradizionalmente, almeno 4,5 anni è troppo breve tempo di progettare, sviluppare, testare e costruire un veicolo nello spazio profondo che deve scendere sulla superficie e sulla schiena della Luna.

Quindi Loverro era sotto la pistola per ottenere umani sulla Luna entro il 2024, aveva preoccupazioni per la maggior parte delle offerte e favoriva il lancio integrato. Ciò significa che Loverro probabilmente ha favorito la progettazione dell’offerta di Boeing per un sistema di sbarco umano, che ha comportato il lancio di un lander integrato su un razzo spaziale “commerciale”. Sembra ragionevole presumere che Loverro possa aver spinto Boeing a presentare un’offerta più competitiva. (Dopo che i premi sono stati assegnati a Blue Origin, Dynetics e SpaceX, la ” dichiarazione di selezione della fonte ” dell’agenzia ha indicato che l’offerta di Boeing non ha superato un giro preliminare di considerazione).

Quando l’ispettore generale lo scoprì, probabilmente fece precipitare le dimissioni di Loverro.

Come l’ha scoperto l’ispettore generale?

Questa è un’ottima domanda.

Quale potrebbe essere stata la reazione di Boeing a non vincere un contratto di lander lunare?

Questa è un’ottima domanda.

Quali erano le vere motivazioni di Loverro?

Tutti quelli con cui ho parlato credono che le motivazioni di Loverro fossero pure, nel senso che stava legittimamente cercando di portare la NASA sulla Luna nel 2024. Ma come ha detto una fonte alla fine di martedì, “Accelerare in buona fede sta ancora accelerando”. Non sembra che Loverro abbia favorito un contraente rispetto a un altro per motivi politici o finanziari.

Piuttosto, sembra che Loverro credesse davvero che il lancio di un lander integrato sul razzo SLS fosse l’unico percorso che avesse avuto qualche possibilità di mettere in superficie gli astronauti della NASA entro il 2024.

Ciò influisce sul lancio di SpaceX Crew Dragon?

Probabilmente no. Nell’amministratore associato Steve Jurczyk e nel vice di Loverro, Ken Bowersox, la NASA ha la leadership di cui ha bisogno per dare l’approvazione finale della missione Crew Dragon. In effetti, se Kathy Lueders, responsabile del programma per l’equipaggio commerciale, sottoscriverà la missione, ciò avrà molto peso.

Ne sapremo di più dopo l’incontro di revisione della preparazione al volo di giovedì per questo lancio, ovviamente. Ma in questo momento, le persone vicine alla missione rimangono relativamente sicure che il lancio continuerà a seguire la sua data originale del 27 maggio. Questa è una testimonianza del duro lavoro della NASA e SpaceX.

Quindi la partenza di Loverro non ha nulla a che fare con SpaceX?

Sembra di no, almeno direttamente.

Cosa significa questo per Artemide?

Questa è una domanda più dura. Il programma sta già correndo per un po ‘di tempo, quindi eventuali ritardi nell’andare avanti con i contratti dei lander lunari riporterebbero Artemis ulteriormente. A partire da martedì, nessuna protesta — Boeing e l’altro offerente che non ha ricevuto un contratto, Vivace Corp, aveva il diritto di opporsi alla decisione finale della NASA — era stata depositata da quando i premi del lander sono stati annunciati il ​​30 aprile. I lavori continuano con tre offerenti vincenti.

Questo è positivo per la NASA, ma avrà bisogno di molti più finanziamenti nei prossimi anni per rendere Artemis una realtà, ed è qui che entra in gioco il Congresso.

Quindi dove entrerà il Congresso?

Non è chiaro quale ruolo, eventualmente, il Congresso potrebbe aver avuto nella partenza di Loverro.

Tuttavia, il presidente di una sottocommissione della Camera che sovrintende alla NASA, Kendra Horn dell’Oklahoma, ha twittato  “Sono profondamente preoccupato per queste improvvise dimissioni, in particolare otto giorni prima del primo lancio programmato di astronauti statunitensi sul suolo americano in quasi un decennio. Sotto questa amministrazione, abbiamo visto un modello di brusche partenze che hanno interrotto i nostri sforzi nel volo spaziale umano “.

Sulla base dei suoi precedenti commenti e del suo ruolo nella creazione di risorse umane 5666 , Horn sembra favorire il piano di Boeing per un lander lunare integrato lanciato su un razzo commerciale SLS. Boeing ha anche altri alleati, in particolare al Senato degli Stati Uniti, dove il senatore Richard Shelby presiede il comitato degli stanziamenti.

Sembra chiaro che Bridenstine avrà molte domande a cui rispondere quando andrà a Capitol Hill per cercare finanziamenti per Artemis, ogni volta che ciò accade in questa era di COVID-19 e incontri virtuali.

C’è qualche animosità tra Bridenstine e Loverro?

Non sembra esserci. Le persone al quartier generale della NASA sembrano essere piuttosto scosse dall’improvvisa partenza di Loverro. Queste non erano lacrime di coccodrillo.

Cosa succederà ora?

Stiamo vedendo solo parte dell’immagine qui. Alla fine, la Casa Bianca e il Congresso chiederanno risposte per questo, e la rabbia di Boeing per essere stata esclusa dai premi del Sistema di Atterraggio Umano potrebbe guidare alcune delle risposte. Non mi sorprenderebbe vedere Boeing ricevere in futuro una sorta di sistema di atterraggio per sistemare tutto questo.

Una cosa è certa: il lavoro già difficile di Jim Bridenstine come capo della NASA è appena diventato più difficile. Forse sta affrontando un test di Kobayashi Maru?

Scarica Gratis l'app di Nuovo Universo
Tags

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Per favore considera di disabilitare Adblock, le unità pubblicitarie presenti sul nostro sito aiutano a mantenere i costi e ci permettono di fruire gratis i nostri contenuti. GRAZIE!