Ente Spaziale

Il capo scienziato della Nasa: “Siamo vicini a trovare e annunciare la vita aliena su Marte …. ma il mondo è pronto?

Il mondo non è preparato per la scoperta della vita su un altro pianeta, anche se potrebbe mancare solo un paio d’anni

La prossima estate, due rover della Nasa e dell’Agenzia spaziale europea (ESA) si recheranno su Marte per perforare orizzontalmente su rocce e in profondità, nella speranza di trovare prove di organismi viventi.

Le missioni sono le migliori possibilità che l’umanità abbia mai avuto di rispondere alla domanda: “Siamo soli nell’universo?

Il dottor Jim Green, che è stato determinante in entrambe le missioni, ha detto a The Telegraph che esiste una reale possibilità che uno o entrambi avranno successo. Tuttavia avrebbe implicazioni di vasta portata e crede che la Terra non sia pronta.

Sarà rivoluzionario“, ha detto. “Completamente rivoluzionario Inizierà una nuova linea di pensiero. Non credo che siamo preparati per i risultati. Non erano.

“Sono preoccupato per questo perché penso che siamo vicini a trovarla e fare alcuni annunci.

“Quella vita è come la nostra? Come siamo collegati? La vita può spostarsi da un pianeta all’altro o abbiamo una scintilla e il giusto ambiente e quella scintilla genera vita – come noi o non come noi – in base all’ambiente chimico in cui si trova? ”

E di uropa ExoMars rover , è previsto per atterrare sul Pianeta Rosso a marzo 2021. Soprannominato ‘Rosalind‘ in onore del chimico inglese Rosalind Franklin.

Allo stesso modo il rover Mars2020 della Nasa perforerà in superficie formazioni rocciose e poi lascerà i campioni in provette che verranno successivamente raccolti e rispediti sulla Terra per essere esaminati. Questa sarà la prima volta che materiale proveniente da Marte sarà riportato sulla Terra.

Fondamentalmente, gli scienziati cercheranno i 300 minerali che possono essere creati solo dalla vita.

I rover andranno a caccia vicino al sito di un antico oceano marziano, dove la vita potrebbe aver vissuto miliardi di anni fa, quando il Pianeta Rosso era “blu” come la Terra.

“Sono entusiasta di queste missioni perché hanno l’opportunità di trovare la vita, lo fanno davvero e lo voglio.

“Non abbiamo mai perforato così in profondità.

“Quando abbiamo iniziato il campo dell’astrobiologia negli anni ’90, abbiamo iniziato a cercare la vita estrema. Scendiamo nelle miniere a due miglia di profondità nella Terra e se trovavamo l’acqua trovavamo la vita.

“Siamo andati nei pozzi neri, luoghi in cui pensi che nulla possa sopravvivere, e sono pieni di vita. E la linea di fondo è dove c’è acqua c’è vita.

“In effetti, poiché la crosta contiene così tanta acqua, ora sappiamo che c’è più vita sotto i nostri piedi che sulla superficie di questa Terra, compresa la vita nell’oceano.”

D Green, che ha lavorato alla Nasa per 38 anni, ritiene che oltre a piccoli organismi su altri pianeti, ci potrebbe essere una “strana vita” sulla luna di Saturno, Titano, e persino civiltà nelle zone non così distanti della galassia.

Ricerche recenti hanno anche scoperto che le aree in impianti solari che gli scienziati ritenevano inabitabili possono avere una volta contenente acqua allo stato liquido.

Si dice che i pianeti che non sono né troppo caldi né troppo freddi per l’acqua liquida si trovino nella “zona dei riccioli d’oro“, ma questo mese la modellizzazione computerizzata ha mostrato che Venere avrebbe potuto trattenere l’acqua per miliardi di anni, nonostante fosse così vicina al sole. Ora è noto anche che la Luna ha un ciclo d’acqua.

Questo concetto di aspetto di una” zona di riccioli d’oro “deve essere modificato”, ha aggiunto il dott. Green.

“Venere è stato un pianeta blu per un periodo di tempo significativo.

“Non c’è motivo di pensare che non ci siano civiltà altrove, perché stiamo trovando esopianeti dappertutto.

“Ora sappiamo dalle osservazioni di Keplero che ci sono più pianeti nella galassia di quante siano le stelle.”

E’ aggiunge:

“Su Titano sostituisci il metano con l’acqua, quindi avrai un diverso tipo di vita, una nuova serie di sostanze chimiche che comporrebbero un nuovo tipo di DNA. Sarebbe davvero strano. “

Le missioni Nasa ed Esa decolleranno nello stesso mese di altri progetti su Marte degli Emirati Arabi Uniti (Emirati Arabi Uniti) e della Cina.

“Stanno andando tutti allo stesso tempo, perché quando la finestra si apre”, ha detto il dottor Green. “È come l’ora di punta su Marte, ma è allora che l’allineamento dei pianeti è giusto e possiamo arrivarci il più velocemente possibile, senza inseguire Marte attorno al Sole.”

Il rover della Nasa entrerà nell’atmosfera a 4 miglia al secondo e, per rallentare, il lander deve capovolgere su un lato e viaggiare in verticale per raccogliere abbastanza resistenza da non schiantarsi in superficie. Il lander passerà quindi con il mouse e posizionerà delicatamente il rover sulla superficie usando una gru.

“Abbiamo un po ‘di spazio per muoversi ma è ancora come colpire una pallina da golf a New York e farla entrare in buca a Los Angeles”, ha aggiunto.

“La Nasa può farlo. Facciamo l’impossibile e lo facciamo ogni giorno. Lo stesso vale per l’ESA. Le nostre agenzie spaziali fanno cose incredibili. Fanno miracoli continuamente. “

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Collabora

Ciao, cerchiamo validi ed affidabili collaboratori, per espandere l’attività di informazione, se ritieni di avere voglia, capacità e un po’ di tempo da dedicare a questo scopo, ti stiamo aspettando.

Candidati
FacebookSeguici sui social

Segui tutte le nostre News sulla nostra pagina Facebook 

Like
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker