Nuovo Universo
Home » Video » Il Cavaliere Nero 116 anni di mistero
Scienza & Tecnologia

Il Cavaliere Nero 116 anni di mistero

Il Cavaliere Nero 116 anni di mistero.
Satellite” extraterrestre, “Cavaliere Nero” , come viene chiamato oggi, è stato in giro per un bel po’ di tempo. La scoperta del satelite Cavaliere Nero è forse uno dei più (non) famosi oggetti spaziali in orbita del nostro Pianeta. Questo “Satellite Artificiale ” ha suscitato l’interesse dei media principali dalla fine degli anni ’50, ed è diventato uno tra i più discussi oggetti nello spazio . In primo luogo si pensava che è un satellite spia russa, e come tale il Cavaliere Nero ha afferrato l’interesse di milioni di persone in tutto il mondo.
Secondo il monitoraggio di agenzie in tutto il mondo, Il Cavaliere Nero sta trasmettendo i segnali radio da oltre 50 anni.
Gli Stati Uniti e Unione Sovietica hanno mostrato particolare interesse di questo “oggetto spaziale non identificato”. Fin dalla sua scoperta questo satellite ha interessato i paesi interessati come la Svezia e gli appassionati di tutto il mondo. Uno di loro è un operatore Ham Radio che a quanto pare aveva decodificato una serie di segnali ricevuti da satellite UFO e ha interpretato come una mappa stellare incentrata sul sistema di Stella Epsilon Boote e che il Cavaliere Nero proviene da questo Sistema di 13,000 anni fa. (Il Epsilon Boötis è una stella doppia della costellazione settentrionale di Boote Ha le denominazioni tradizionali Izar e Pulcherrima.Il sistema Stellare può essere visto ad occhio nudo di notte, ma è necessaria la la coppia di piccoli telescopi , di risoluzione di apertura 76 mm (3,0 )o superiore -. Wikipedia)
Ma secondo molti, questa scoperta è stata fatta molto prima di quanto pensassimo. Si parla tuttavia che era Nikola Tesla il primo uomo a “intercettare” un segnale da questo ultraterreno satellite nel 1899, dopo la costruzione di un apparecchio radio ad alta tensione a Colorado Springs. Dopo la scoperta di Tesla nei prossimi 30-50 anni, il segnale veniva intercettato più frequentemente fino a che non era apparentemente “decodificato”. Poiché gli astronomi 1930 in tutto il mondo hanno segnalato strani segnali radio che presumibilmente provengono dal “Cavaliere Nero” .
Nel 1957, il Dr. Luis Corralos del Ministero delle Comunicazioni in Venezuela lo ha fotografato riprendono immagini di Sputnik II mentre passava sopra Caracas. La cosa strana è che a differenza di quello Sputnik l e ll, satellite Cavaliere Nero orbitava la Terra da Est a Ovest. Sputnik uno e due in orbita Ovest a Est con la rotazione naturale della Terra per mantenere l’orbita.
BlackKnight
La storia del Cavaliere Nero ha fatto il suo debutto nelle media nel 1940, quando il St. Louis Dispatch e The San Francisco Examiner hanno scritto sul “Satellite”, il 14 maggio 1954. Il Time Magazine ha scritto su di esso il 7 marzo 1960. Ecco cosa hanno detto su di esso.
La Storia del Cavaliere Nero inizia nel lontano 1899 con un segnale proveniente dallo spazio che è stato catturato da Nikola Tesla. Questo segnale è stato preso di nuovo in diverse occasioni nel 1920 da appassionati di radio e ci sono stati molti avvistamenti di astronomi che lo osservavano e lo studiavano. Ha fatto giornali negli anni 1950 e 1960. Foto sono state scattate nel 1960. Nel 1970 il segnale è stato decodificato e fu identificata la sua provenienza dal sistema Stellare Epsilon Boote. Questa è una storia incredibile.
Spazzatura nello spazio o “Satellite” extraterrestre, “Cavaliere Nero” , come viene chiamato oggi, è stato in giro per un bel po’ di tempo. La scoperta del satelite Cavaliere Nero è forse uno dei più (non) famosi oggetti spaziali in orbita del nostro Pianeta. Questo “Satellite Artificiale ” ha suscitato l’interesse dei media principali dalla fine degli anni ’50, ed è diventato uno tra i più discussi oggetti nello spazio . In primo luogo si pensava che è un satellite spia russa, e come tale il Cavaliere Nero ha afferrato l’interesse di milioni di persone in tutto il mondo.
Secondo il monitoraggio di agenzie in tutto il mondo, Il Cavaliere Nero sta trasmettendo i segnali radio da oltre 50 anni.
Gli Stati Uniti e Unione Sovietica hanno mostrato particolare interesse di questo “oggetto spaziale non identificato”. Fin dalla sua scoperta questo satellite ha interessato i paesi interessati come la Svezia e gli appassionati di tutto il mondo. Uno di loro è un operatore Ham Radio che a quanto pare aveva decodificato una serie di segnali ricevuti da satellite UFO e ha interpretato come una mappa stellare incentrata sul sistema di Stella Epsilon Boote e che il Cavaliere Nero proviene da questo Sistema di 13,000 anni fa. (Il Epsilon Boötis è una stella doppia della costellazione settentrionale di Boote Ha le denominazioni tradizionali Izar e Pulcherrima.Il sistema Stellare può essere visto ad occhio nudo di notte, ma è necessaria la la coppia di piccoli telescopi , di risoluzione di apertura 76 mm (3,0 )o superiore -. Wikipedia)
Ma secondo molti, questa scoperta è stata fatta molto prima di quanto pensassimo. Si parla tuttavia che era Nikola Tesla il primo uomo a “intercettare” un segnale da questo ultraterreno satellite nel 1899, dopo la costruzione di un apparecchio radio ad alta tensione a Colorado Springs. Dopo la scoperta di Tesla nei prossimi 30-50 anni, il segnale veniva intercettato più frequentemente fino a che non era apparentemente “decodificato”. Poiché gli astronomi 1930 in tutto il mondo hanno segnalato strani segnali radio che presumibilmente provengono dal “Cavaliere Nero” .
Nel 1957, il Dr. Luis Corralos del Ministero delle Comunicazioni in Venezuela lo ha fotografato riprendono immagini di Sputnik II mentre passava sopra Caracas. La cosa strana è che a differenza di quello Sputnik l e ll, satellite Cavaliere Nero orbitava la Terra da Est a Ovest. Sputnik uno e due in orbita Ovest a Est con la rotazione naturale della Terra per mantenere l’orbita.

Loading...

Related posts

E’ il paradosso di Fermi che impedisce il contatto con gli extraterrestri?

Nuovo Universo

Le profezie di Nikola Tesla sul futuro dell’umanità

Nuovo Universo

La prima fotografia di un buco nero gigante potrebbe essere resa pubblica tra poche settimane

Nuovo Universo

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia daccordo, ma puoi disattivarlo se lo desideri. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy