in

LA CREATIVITÀ SUL LIVELLO DI COSCIENZA DIVINA

LA CREATIVITÀ SUL LIVELLO DI COSCIENZA DIVINA

I livelli della creazione sono tantissimi, per il momento ci vogliamo soffermare su questi tre livelli soltanto che vi riguardano che senza volere li mettete in atto. Se voi create ad esempio sul piano fisico, create in frequenze basse, di dolore e sofferenza sia fisica che emozionale. Qui il pensiero tocca una velocità molto lenta di creatività sul piano lineare, nel tempo e nello spazio. Allora la creazione avviene solo attraverso i 5 sensi, con il movimento fisico o di pensiero lento, che si trascina in quella che vi è la visione lineare.

Una volta che la creazione avviene su un secondo livello, che è quello della quarta densità, qui la densità diventa meno densa, in quanto la frequenza alta, porta alla percezione oltre i 5 sensi conosciuti sul piano fisico e tutto diventa più…sensibile. Pensieri ed emozioni si uniscono all’unisono per creare non all’istante ma in un arco di tempo più o meno che può variare da ore, giorni, settimane o in casi estremi, mesi.

Allora voi diventate visionari di una vita che potrebbe essere reale se…ecco il “se” che con il prossimo livello di coscienza creatrice deve svanire completamente e si deve sostituire alla fede, alla fiduccia nelle vostre potenzialità. La densità, in fondo è una forma. A livello sottile, ogni densità prende una forma che in base alla frequenza cambia e si trasforma ancora in un’altra forma.
In basse frequenze, vi sono varie forme/pensiero che creano ma non sul piano divino, creano la pesantezza, la staticità, la pigrizia, la paura, la scontentezza e cosi via.

La vera creazione ha luogo sui livelli della frequenza della luce e precisamente, a partire dal vostro dai chakra alti della testa. Il “luogo” dove si crea sul piano eterico della vostra divinità.
In frequenze alte, la densità si assottiglia e prende una forma diversa, come nel caso della ghiandola pineale, dove a livello di movimento sottile della luce, vi è la presenza di un ottaedro, di cca 2 cm.

Questo arriva a girare molto velocemente quando la ghiandola pineale è stata decalcificata, (causa della calcificazione è la presenza del fluoro nei dentifrici e altro), quando il muscolo che ne è responsabile dell’attivazione delle sinapsi è stato attivato, allora avete il vostro cosiddetto “terzo occhio” funzionante.

La prima cosa che ve lo fa comprendere è la voce della consapevolezza che risuona sotto forma di intuizione, comprensione degli eventi, riconoscimento delle emozioni e sopratutto discernimento. Ma queste sono solo alcune fasi di inizio che incontrate mentre la coscienza continua a risvegliarsi.

LA CREATIVITÀ SUL LIVELLO DI COSCIENZA DIVINA

Quando il tetraedro ruota abbastanza velocemente, esso cambia forma, diventa una forma/pensiero divino in espansione, trasformandosi in un cerchio eterico, che in seguito alla velocità si appiattisce diventando nulla, ovvero, toccando la velocità della luce.
A questo punto si apre la vostra personale visione dell’occhio, questo occhio che si apre e che si percepisce anche come movimento, un leggero soffio che attraversa la fronte in uscita, verso i lati, o nelle direzioni alto e basso del corpo fisico.

Qui, il soffio/pensiero divino è in azione e la vostra potenza creatrice è la forza con la quale spingete la volontà di questa creazione.
Qui vi è la dimensione dello spirito, la stessa che ha il potere della materializzazione, dunque per ora potete materializzare solo a livello di eventi. Con questo piccolissimo MerKaBa, potete attingere la velocità giusta che vi permette il viaggio nel tempo. Non sarà un viaggio a livello fisico, per quello ci vuole l’attivazione dell’altro MerKaBa che conoscete, ma almeno da qui, vi potete decisamente muovere per andare nel passato, presente e futuro, attraverso un viaggio che supera la linea dello spazio/tempo. In questo modo, voi potete anulare un’azione che vi ha creato karma.

Per eseguire questo, il pensiero/forza deve essere molto puro, l’intento deve attingere la purezza dello spirito, la richiesta deve essere fatta con la visione della vostra ascesa e non per scopi materiali.
Alle porte di queste dimensioni, vi sono i guardiani che non vi fanno passare se l’intento non è puro.

Per cominciare, vi lasciamo questa leggera tecnica, utile per tagliare il karma che avete potuto creare giorni o settimane indietro. Non vi avventurate oltre per ora. Dunque, supponiamo che avete la visione chiara di quello che volete diventare, ovvero, nella vostra comprensione dell’ascesa dello spirito, voi volete mettere l’intenzione di ascendere e togliervi ogni peso.

Allora, nel vostro momento di silenzio interiore, nella vostra meditazione, immaginate il giorno, l’vento che in qualche modo abbia potuto avere a che fare con un disaggio presente.

Questo disaggio può presentarsi sotto forma di emozione, o di malessere, di eventi spiacevoli. Allora con intenzione, proiettate nella vostra mente, la visione che dovete cambiare dal passato. Quante volte avete detto: poteva andare diversamente.
Cambiate questa visione con il soffio/luce/pensiero divino, mentre respirate ed espirate per sette volte trattenendo il respiro per tre secondi. Questa meditazione la potete fare da seduti o da sdraiati se non vi addormentate, una cosa è certa, che il corpo fisico, ogni muscolo, deve essere precedentemente molto rilassato; questo è ciò che da potenza alla luce. Inoltre la mente deve essere libera da ogni pensiero e non per ultima cosa, una protezione degli arcangeli prima di iniziare.

Gli arcangeli Michele, Rafaele, Gabriele, Uriele e Metatron. Chiamateli e visualizzateli tutti intorno a voi, poi esprimete il vostro intento.
Una volta finiti i 7 soffi, lasciate ogni cosa sulle “ali” degli arcangeli. Ogni soffio/potenza creatrice manda la vibrazione dell’emozione e incontra la potenza arcangelica che intorno a voi avete chiamato. Dopo 7 volte, percepirete anche la presenza in voi della risposta da parte degli arcangeli. Quando avete finito e percepito questo, perché il tutto è stato fatto.

E’ fatto, è fatto, è fatto, e cosi è!

Fonte: https://semistellari.blogspot.it/2016/05/la-creativita-sul-livello-di-coscienza.html
Un piccolo estrato dal libro
da Yerason Jenil
Florentina

Lascia un commento

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

I tre stati di coscienza

Stonehenge serviva per parlare con l'aldilà