La Marina degli Stati Uniti redige nuove linee guida per la segnalazione degli UFO

1 47

La Marina degli Stati Uniti redige nuove linee guida per la segnalazione degli UFO

Gli alti funzionari stanno mettendo insieme nuove linee guida per aiutare i piloti e il personale a segnalare avvistamenti UFO.

Recentemente è emerso che tra il 2007 e il 2012 il Pentagono era stato coinvolto in un progetto segreto da 22 milioni di dollari, noto come Advanced Aviation Threat Identification Program, creato per indagare su avvistamenti e le segnalazioni ufo credibili nello spazio aereo americano.

Tra questi c’erano segnalazioni di piloti militari statunitensi di oggetti sconosciuti che viaggiavano a velocità impossibili senza alcun mezzo visibile di propulsione, o in sospesione senza alcun apparente mezzo di sollevamento.

La Marina degli Stati Uniti redige nuove linee guida per la segnalazione degli UFO

Ora sembra che il processo di segnalazione di un UFO stia per diventare un po ‘più facile, come dimostra l’imminente introduzione di un nuovo processo formale di segnalazione.

“Ci sono stati un numero di segnalazioni di velivoli non autorizzati e / o non identificati che entrano avvistati nei cieli degli Stati Uniti dai nostri piloti milatari. Per questioni di sicurezza, la Marina e la US Air Force prendono molto sul serio questi rapporti e indagano su ogni singolo rapporto.

Come parte di questo sforzo, la Marina sta aggiornando e formalizzando il processo attraverso il quale le segnalazioni di tali presunte incursioni possono essere fatte alle autorità competenti. Un nuovo messaggio alla flotta che descriverà dettagliatamente i passaggi per la segnalazione è in bozza.

Esattamente ciò che questo significa per le indagini sugli avvistamenti UFO militari non è chiaro, si spera per che da ora un pilota militare possa fare un rapporto dettagliato su un avvistamento UFO senza farsi molte domande che porterebbero a tacere.

1 Commento
  1. […] governo degli Stati Uniti ha conservato a lungo e ben nascosti oltre 300 documenti che l’FBI sequestrò […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.