Scienza & Tecnologia

La NASA scopre dei portali nel campo magnetico terrestre

La NASA scopre dei portali nel campo magnetico terrestre

La NASA ha trasformato la fantascienza in un fatto scientifico annunciando la scoperta di “portali nascosti nel campo magnetico terrestre.
Chiamati punti X o regioni di diffusione di elettroni, invece di essere pieghe intergalattiche nello spazio che portano a galassie e pianeti diversi, questi portali aiutano il trasferimento del campo magnetico dal Sole alla Terra.
Essenzialmente, questi portali aiutano nel trasferimento di tonnellate di particelle caricate magneticamente che fluiscono dal Sole causando le luci nordiche e meridionali e le tempeste geomagnetiche.

La NASA scopre dei portali nel campo magnetico terrestre

[fvplayer src=”https://www.nuovouniverso.it/wp-content/uploads/2018/03/We-Knew-It-NASA-Admits-Hidden-Portals-Opening-Above-Earth-71816.mp4″ splash=”https://www.nuovouniverso.it/wp-content/uploads/2017/03/Logo-Nuovo-Universo-bianco-544×180.png” width=”1280″ height=”720″]

“Li chiamiamo X-points o regioni di diffusione di elettroni”, ha detto il fisico del plasma dell’Università dello Iowa Jack Scudder, che li sta studiando.
“Sono luoghi in cui il campo magnetico della Terra si collega al campo magnetico del Sole, creando un percorso ininterrotto che porta dal nostro pianeta all’atmosfera del sole a 93 milioni di miglia di distanza.”

Circondando la Terra a distanze da 10.000 a 30.000 miglia di distanza, i portali sono stati osservati dalla sonda spaziale THEMIS della NASA e dalle sonde del Cluster Europa.
Nel 2014, l’agenzia spaziale statunitense lancia una nuova missione chiamata Missione magnetica multisferica (MMS) che consiste in quattro veicoli spaziali che cercheranno di localizzare la Terra per poi studiare gli “X-points”

“I portali magnetici sono invisibili, instabili e sfuggenti. Si aprono e si chiudono senza preavviso e non ci sono indicazioni per guidarci, “

In attesa del lancio della missione MMS del 2014, Scudder e il suo team hanno calibrato la tecnologia per individuare i portali.

“Abbiamo trovato cinque semplici combinazioni di campi magnetici e misurazioni di particelle energetiche che ci dicono quando ci siamo imbattuti in un punto X”, ha detto Scudder.
‘Un singolo veicolo spaziale, opportunamente strumentato, può effettuare queste misurazioni.’

Related posts

Scienziati dimostrano le origini extraterrestri di antiche asce e pugnali

Per la prima volta scienziati tentano di modificare il dna direttamente all'interno del corpo del paziente

Scuolabus ti porta a fare un giro su marte

Leave a Comment

Ti sta piacendo questo articolo? Per favore condividilo

close-link