Connect with us

Ancient History

La roccia di AL NASLAA. Prove tecniche di una tecnologia aliena?

Published

on

La roccia di AL NASLAA. Prove tecniche di una tecnologia aliena?

Molteplici sono le teorie a sostengono dell’intervento di una tecnologia avanzatissima su questa curiosa formazione rocciosa.
Tracce di una civiltà molto avanzata sono distribuite sui vari continenti e alcune di loro sono talmente incredibili da suggerire un intervento esterno nell’erigere monumentali edifici per cui non si spiega come una “civiltà primitiva, senza adeguate tecnologie sia riuscita ad innalzare e sagomare in modo perfetto monoliti come quello di Naslaa, il quale si erge con tutta la sua imponenza all’interno dell’oasi di Tamiya in Arabia Saudita.
Sul “sassolino” di dimensioni enormi sono stati incisi dei laboriosi petroglifi raffiguranti dei misteriosi umanoidi. L’enorme pietra è suddivisa in due parti le quali poggiano entrambe su una sorta di cuscino roccioso che impedisce alla roccia di toccare il suolo. Il taglio effettuato in modo preciso ricorda quello di un’affilata spada visto che le due porzioni di roccia sono completamente parallele tra loro.

La roccia di AL NASLAA. Prove tecniche di una tecnologia aliena?

La roccia di AL NASLAA. Prove tecniche di una tecnologia aliena?


L’enorme roccia considerata uno dei più grandi misteri dell’umanità, continua ad attrarre migliaia di turisti che ogni anno si recano nella località di Al-Naslaa per osservare le due metà perfettamente tagliate e poste in equilibrio su una sorta di piedistallo roccioso.
Proprio la perfezione del taglio, ha dato origine a innumerevoli teorie che ancora oggi non sono riuscite ad ottenere spiegazione. Il megalite è stato scoperto da Charles Huver nel 1883, e da allora la sua scoperta è stato oggetto di dibattito tra gli esperti che hanno condiviso le loro opinioni su chi o cosa possa aver diviso la roccia in due parti perfettamente bilanciate ma soprattutto su cosa possa aver prodotto quel taglio così perfetto.

Fonte:

https://architetti-del-tempo.blogspot.it/2017/04/la-roccia-dial-naslaaprove-tecniche-di.html

(Visited 26 times, 1 visits today)
Advertisement
Comments

Ancient History

Trovate statue extraterrestri in Egitto?

Published

on

Trovate statue extraterrestri in Egitto?

Trovate statue extraterrestri in Egitto?

Recentemente è stata Trovata una strana statua che ha sorpreso gli scienziati. Ha ricevuto il nome di “L’affamato di Saqqara” e rappresenta due esseri con un teschio allungato che si guardano con estremo dolore. La sua origine la collocano nella necropoli di Saqqara, è racchiudendo molti misteri. Quali misteri nascondono questa strana statua?

Lo scrittore e ricercatore Iván Marínez tratta questo argomento interessante ed enigmatico nel seguente video:

Tuttavia, ci sono altri aspetti che supportano la teoria dell’interazione extraterrestre nell’antico Egitto. Esaminiamo tre motivi che ci fanno pensare alla possibilità di un contatto extraterrestre nel lontano passato dell’Egitto.

Di tanto in tanto, quando si parla dell’antico Egitto, non si può smettere di chiedersi come e perche gli antichi egizi costruirono le Piramidi – in Giza – senza l’uso di tecnologia come la ruota. Come hanno trasportato i massicci blocchi di pietra, alcuni dei quali più di 50-60 tonnellate, ricavati da cave situate a più di 300 chilometri di distanza, che sono state poi posizionate, una per una, creando la Grande Piramide di Giza?

Questi sono tre motivi che ci fanno pensare che gli antichi abitanti dell’antico Egitto avevano uno stretto rapporto con possibili civiltà aliene molto avanzate, che contribuirono con le loro conoscenze e li aiutarono a erigere la loro grande eredità.

Piramidi

La costruzione delle colossali piramidi egizie continua a porre numerose domande per la scienza. Questo fatto è sufficiente per molti a credere che questi edifici siano stati costruiti con l’aiuto della tecnologia extraterrestre o persino degli alieni. Mentre alcuni direbbero che non diamo abbastanza credito ai nostri antenati, la verità è che ci sono diversi enigmi relativi alle piramidi di Giza e all’antica civiltà egizia in generale. I principali scienziati dicono che la Grande Piramide era una tomba. Tuttavia non sono state trovate mummie e non ci sono geroglifici che descrivono in dettaglio lo scopo delle Piramidi, in particolare la Grande Piramide di Giza.

Geroglifici

Trovate statue extraterrestri in Egitto?

Trovate statue extraterrestri in Egitto?

Trovate statue extraterrestri in Egitto?

Ci sono alcuni geroglifici davvero strani nell’antico Egitto. Alcuni di essi rappresentano figure che potrebbero essere interpretate come veicoli volanti, esseri alieni e persino giganti. Ci sono, tuttavia, alcune spiegazioni meno fantasiose per tali simboli. Alcuni di questi geroglifici sono una prova sufficiente per molti autori che suggeriscono che gli alieni avevano qualcosa a che fare con l’antico Egitto.

Elettricità

È difficile immaginare come gli antichi egizi costruissero le loro maestose piramidi e templi senza alcuna tecnologia avanzata. Alcuni hanno proposto che ci potrebbero essere prove di tecnologia avanzata nell’antico Egitto e che le civiltà governate da innumerevoli faraoni avessero accesso all’elettricità. I difensori di questa teoria indicano la lampadina di Dendera – nel tempio di Hathor nel complesso del tempio di Dendera – e le cosiddette batterie di Baghdad.

Ancora non sei convinto? Bene, permettetemi di presentare il Papiro di Tulli, un documento apocrifo che presumibilmente descrive l’apparizione di dischi volanti durante il regno del faraone Tutmosis III. Mentre alcuni credono ciecamente nell’autenticità del papiro, altri affermano che il testo non è reale. Ma anche se ciò non bastasse, abbiamo il Canone Reale di Torino, un antico papiro che si occupa degli “dei” che governarono l’antico Egitto. Curiosamente, le ultime due righe del Royal Canon di Torino, che sembrano rappresentare un riassunto dell’intero testo antico, sono particolarmente interessanti e ci ricordano la Lista dei Re Sumeri

Originariamente pubblicato si codigooculto.com

(Visited 128 times, 1 visits today)
Continue Reading

Ancient History

La città in cui gli dei giganti si stabilirono (video)

Published

on

La città in cui gli dei giganti si stabilirono (video)

La città in cui gli dei giganti si stabilirono (video)

Le leggende azteche spiegano, tra molte altre cose, come la Grande Piramide di Cholula e la città degli dei Teotihuacán non sono state costruiti da uomini, ma da giganti. Uno di questi giganti fu chiamato Xelhua e visse durante il periodo dell’alluvione universale.

Se diamo un’occhiata alla mitologia azteca troveremo un tesoro nascosto di storie incredibili e resoconti affascinanti di un’epoca in cui i giganti dominavano la Terra. La mitologia azteca, come molte altre mitologie in tutto il mondo, menziona come migliaia di anni fa i giganti camminarono sulla Terra.

Secondo l’antica mitologia azteca, l’antico complesso di Cholula e specialmente la costruzione della piramide fatta di terra vengono attribuite a Xelhua. Secondo la mitologia, nei tempi antichi la Terra era abitata da giganti, ma si sarebbero estinti dopo un massiccia alluvione.

Xelhua, che sopravvisse all’inondazione, costruì quello che ora conosciamo come Cholula, che è il più grande sito archeologico del mondo antico, così come la più grande piramide di quel periodo. Xelhua, voleva costruire una struttura massiccia così alta da raggiungere il cielo.

Ma Tonacatecuhtli, padre di tutti gli dei, Creatore e Dio della fertilità, vide questo come un’offesa. Lanciò una pietra dal paradiso uccidendo molti costruttori e causando l’arresto della costruzione.

La città in cui gli dei giganti si stabilirono (video)

Il paese di Anahuac era abitato da giganti, che morirono nel diluvio, o secondo la leggenda, furono trasformati tutti in pesci, tranne sette, che fuggirono nelle caverne. Quando le acque si calmarono, uno dei giganti con il soprannome di El Arquitecto, andò a Cholula.

Oggi, la Grande Piramide Cholula è per lo più coperta da una chiesa cattolica costruita dai conquistadores che, senza saperlo, hanno eretto la struttura su quella che sarebbe la più grande piramide sulla Terra.

Un’illustrazione nativa del tempio di Cholula rappresenta nobili e signori . Ed è qui che conservano i loro documenti, lo specchio del loro passato e la storia dei loro antenati, che per paura di un’inondazione hanno costruito questo luogo come un rifugio per la possibilità di ricorrere a tale calamità.

Originariamente pubblicato su ufo-spain.com

(Visited 81 times, 1 visits today)
Continue Reading

Ancient History

Atlantide è stata trovata? La città perduta è in …

Published

on

Atlantide è stata trovata La città perduta è in ...

Atlantide è stata trovata? La città perduta è in …

Atlantide è stato un punto ricorrente di interesse storico e di dibattito dal momento che il filosofo greco Platone menzionò per la prima volta l’esistenza dell’isola perduta nel 360 aC Ora, diversi esperti sostengono che i resti di antiche civiltà potrebbero essere sepolti sotto il strati di ghiaccio dall’Antartide.

Secondo la teoria dello spostamento della crosta, circa 12.000 anni fa, lunghe strisce dell’Antartide non erano coperte di ghiaccio né abitate da esseri umani. I sostenitori di questa ipotesi affermano che tali condizioni avrebbero permesso alla razza degli Atlantidei – metà umana e metà divina menzionata nelle opere di Platone – di prosperare fino all’inizio dell’ultima era glaciale.

Questa teoria si basa su una mappa compilata nel 1513 dall’intelligence militare che mostra la costa dell’Antartide centinaia di anni prima della sua scoperta da parte dei marinai europei. Le immagini sono state screditate senza sosta da una moltitudine di scienziati. Tuttavia, le recenti foto dell’operazione IceBridge della NASA in Antartide mostrano qualcosa che, secondo alcuni teorici, potrebbe essere la prova che esisteva un’antica civiltà.

Il servizio di navigazione statunitense Google Earth ha anche diverse immagini che catturano ciò che alcuni esperti riconoscono come i resti di una civiltà: una struttura che assomiglia a una piramide che sporge dal ghiaccio.

Atlantide è stata trovata? La città perduta è in …

Oggi non c’è consenso sulla posizione attuale della città mitica. Molti, infatti, non credono nemmeno che la città esista. C’è persino una teoria secondo cui Atlantide è in realtà l’isola greca di Santorini, che è stata distrutta da uno tsunami e affondata sotto le onde dopo un violento terremoto.

C’è un’altra teoria, altrimenti improbabili, si dice che il leader della Germania nazista, Adolf Hitler, sapeva delle rovine dell’antica città e li ha usati per creare un bunker chiamato Base 22 o New Berlin. I nazisti hanno trovato lì, a seguito di questa tesi, la tecnologia aliena, che nel corso del tempo, era destinato a diventare un’arma super-potente che li avrebbe aiutati a sottomettere l’intera razza umana.

I teorici della cospirazione sono rimasti shoccati da un video che presumibilmente mostra le rovine di Atlantide in Antartide. Le immagini televisive risalirebbero al 2002 e sarebbero state recuperate da una squadra della California scomparsa nella zona.

A cura di nuovouniverso.it

(Visited 41 times, 1 visits today)
Continue Reading

Trending