in

La teoria che assicura che ci siano gli alieni in letargo negli angoli dell'universo

Le civiltà aliene sono in un periodo di “ibernazione”, cioè, stanno aspettando un futuro in cui l’universo è più freddo di quello che è oggi per raggiungere il tipo di energia di elaborazione che può essere attualmente solo sognata.
Secondo il paradosso di Fermi, l’universo è un luogo gigantesco con il potenziale di avere stelle con la propria vita e miliardi di pianeti abitabili, anche con esseri extraterrestri.Tuttavia, dove sono gli alieni e perché non li troviamo da nessuna parte nella galassia?
La realtà è che anche se l’universo fosse popolato da civiltà aliene, non c’è modo di entrare in contatto con loro. A meno che non si vive nella Via Lattea, sarebbe difficile trovare tracce di alieni, a causa dell’espansione dello spazio: prendere migliaia di milioni di anni per raggiungere queste civiltà.
Proprio di recente due neuroscienziati presso l’Università di Oxford, Anders Sandberg e Stuart Armstrong, insieme a Milan Cirkovic da Osservatorio astronomico di Belgrado in Serbia, hanno suggerito che le civiltà aliene sono in un periodo di “letargo”, cioè, sono in attesa di un futuro in cui l’universo è più freddo di oggi per raggiungere il tipo di energia di elaborazione che può essere solo sognata oggi. Questo suggerimento è stato chiamato ipotesi di estivazione.
Gli scienziati sostengono che queste civiltà più avanzate potrebbero aver già perlustrato l’universo e sono solo in attesa di un momento migliore per vivere e agire. Nelle parole di Sandberg e Cirkovic, “In questo momento, raggi cosmici rende l’intero universo è più caldo di 3 Kelvin (-270,1500 ° C), e come l’universo è in espansione, la temperatura media diminuisce esponenzialmente.” Quindi “se vuoi accumulare tante informazioni di elaborazione con l’energia che hai, ha senso aspettare.
Mentre non v’è alcuna prova che dimostra questa ipotesi, i ricercatori ritengono che questa convinzione potrebbe non solo fornire teorie per il paradosso di Fermi, ma anche fornire un importante illuminazione intorno alle nostre possibilità future dell’universo, perché la premessa di questa ipotesi si basa sul fatto che una società sempre più avanzata a livello culturale e tecnologico richiede una transizione dall’intelligenza biologica a quella artificiale, alla bionica.
Quindi se ci sono alieni, probabilmente sono ibernati per riservare più energia e informazioni possibili.

Lascia un commento

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

L'intelligenza artificiale aliena minaccia gli esseri umani

Francis crick: il segreto della vita e l'ipotesi di una civiltà aliena creativa