in

Le scansioni laser rivelano una megalopoli Maya sotto la giungla guatemalteca

Le scansioni laser rivelano una megalopoli Maya sotto la giungla guatemalteca

Le scansioni laser rivelano una megalopoli Maya sotto la giungla guatemalteca

Un’immensa rete interconnessa di antiche città Maya ospitava milioni di persone in più di quanto i ricercatori avessero precedentemente pensato.

Un gruppo di ricercatori ha individuato i resti di più di 60.000 case, palazzi, strade e altri insediamenti umani appartenenti alla antica civiltà Maya, nascosti per secoli sotto le giungle della Guatemala settentrionale.

La scoperta è stata possibile attraverso l’uso di LIDAR (Light Detection And Ranging), un dispositivo che ha permesso agli archeologi rimuovere digitalmente alberi e altri ostacoli dalle immagini aeree delle città maya, rivelando i resti di una pre – civiltà colombiana. Civiltà, a quanto pare, molto più complesso rispetto a ciò che molti degli esperti credevano.

Le scansioni laser rivelano una megalopoli Maya sotto la giungla guatemalteca
Le scansioni laser rivelano una megalopoli Maya sotto la giungla guatemalteca

Le immagini LiDAR chiariscono che questa intera regione era un sistema di insediamenti la cui scala e densità di popolazione era stata grossolanamente sottovalutata “, ha dichiarato Thomas Garrison, archeologo presso l’Ithaca College e National Geographic Explorer specializzato nell’uso della tecnologia digitale. per la ricerca archeologica.

I ricercatori hanno scannerizzato oltre 2.100 km² della Riserva della biosfera Maya in Guatemala, nel dipartimento di Petén, ottenendo il set di dati il più grande mai ottenuto con il LiDAR per la ricerca archeologica.

Le scansioni laser rivelano una megalopoli Maya sotto la giungla guatemalteca 1
Le scansioni laser rivelano una megalopoli Maya sotto la giungla guatemalteca

In aggiunta alle centinaia di precedenza strutture sconosciute, le immagini fornite dalla scansione LiDAR restituisce un immensa rete stradale che collega i centri urbani, cave e impianti di irrigazione complessi e terrazzamenti agricoli, che ha permesso gli antichi Maya di alimentare centinaia di lavoratori responsabili della costruzione di grandi.

È interessante notare che gli antichi Maya non ha mai usato la ruota o animali, tuttavia, “questa è stata una civiltà che ha letteralmente spostato le montagne , ” ha dichiarato Marcello Canuto, un archeologo dell’Università di Tulane ed esploratore del National Geographic che hanno partecipato a questa ricerca.

Tra le scoperte più sorprendenti c’è l’ubiquità di mura difensive, mura, terrazze e una serie di fortezze.

Le scansioni laser rivelano una megalopoli Maya sotto la giungla guatemalteca 1
Le scansioni laser rivelano una megalopoli Maya sotto la giungla guatemalteca

“Estrada-Belli, capo di un progetto archeologico multidisciplinare Holmul. Con questi nuovi dati, ha detto che non è irragionevole pensare che ci siano stati tra il 10 e il 15 milioni di persone – compresi le molte che vivevano in zone basse e paludose spesso considerate inabitabili “.

Tutti questi risultati suggeriscono che l’America Centrale ospitava una civiltà avanzata e complessa paragonabile all’antica Grecia.

https://youtu.beGSL3SWarIZU

Lascia un commento

What do you think?

0 points
Upvote Downvote
Documento CIA: le tecnologie aliene sono già utilizzate nella nostra vita quotidiana

Documento CIA: le tecnologie aliene sono già utilizzate nella nostra vita quotidiana

Un antico fossile ha appena cambiato la storia della Pangea

Un antico fossile ha appena cambiato la storia della Pangea