I Misteri del Cosmo

L’Europa è finita, andate in pace

L'Europa è finita, andate in pace

L’Europa è finita, andate in pace

“Quando si perde il Tao, appaiono la moralità e il dovere, più si emanano leggi e decreti, più ci saranno ladri e predoni.”

Tao-te-Ching – Lao-Tse – VI secolo a. C. (?)

“Il popolo cinese possiede una “scienza” che trova proprio nel I-Ching il suo metodo tipico di lavoro. Il principio di tale scienza, come molte altre cose in Cina, è oltremodo diverso da quello su cui invece è impostata la nostra.”

Carl Gustav Jung (1875-1961).

Voglio pormi una domanda che sembra scontata: non noi, ma i nostri nipoti avranno qualche speranza di tornare a vivere in un mondo dove ogni cosa non sia ritmata da un etimo astratto – poiché non corrisponde più al suo archetipo linguistico – ossia l’economia?

L’oggi è perverso, forse il domani sarà anche sanguinoso – non ci credo, ma state certi che quando il saggio di profitto si liquefa, si distrugge tutto per tornare a guadagnare – e il dopodomani?

L’oggi è il parossismo: a Bruxelles, sono accreditati 15.000 lobbisti, più quelli che lo fanno senza dirlo, ma solo lobbisti “doc”, sia chiaro. Per la coca e le puttane da fornire ai nostri rappresentanti (ah,ah,ah), ci sono altre strutture, dedite, appunto, ai giri di coca e di prostituzione atti alla bisogna. Un’organizzazione perfetta, che chiamano democrazia.

Perché – caso appena successo (1) – le fabbriche che sfornano seggiolini da automobile per bambini sono in crisi: guadagnano troppo poco. Ergo, bisogna mettere subito fuori legge tutti i seggiolini esistenti per costruirne di nuovi…tanto i soldi li tirano fuori, è obbligatorio…e poi, l’economia soffre. Come farglielo capire ai parlamentari europei?

Ci pensa Titta Tuttetette la quale, dopo una tirata che ti fa sentire il Leone delle Nevi, per fartelo capire meglio ti succhia il biscottino…vero che la firmerai quella legge? E’ necessaria, altrimenti gli operai vanno in cassa, e piangono. Tu non vuoi che piangano, vero? Se smetto di ciucciare tu piangi, ma io non sono cattiva e continuo imperterrita, voglio farti godere perché tu faccia godere anche quei poveri operai. La democrazia è una cosa meravigliosa: vedrai, per quelli che hanno tre figli faranno lo sconto comitive – come ho dovuto fare io, pensa – perché fra presidenti di commissione, vice presidenti, tecnici, capi-corrente…quanti biscottini mi toccherà ciucciare…

Ma Titta Tuttetette è una professionista seria: il lobbista, incaricato di far mettere fuori legge i vecchi seggiolini, si fida di lei, la conosce bene.

Le elezioni francesi – se ancora ce n’era bisogno! – ci hanno chiarito il loro concetto di democrazia: tutto deve continuare come oggi, il sistema è perfetto…certo, qualcuno rimane indietro…ma, fra Tv, Web e quattro mance elettorali, siamo in grado di resistere ancora molti anni. Tre candidati si sono coalizzati per sconfiggere la Le Pen.

Intanto, i sudditi di Tsipras fanno la fame, mentre il cialtrone corre a Cuba a visionare il “paradiso socialista”, oppure potremmo ipotizzare che Brexit non sia stata voluta a furor di popolo, ma sia stata la vittoria del partito filo-atlantico contro quello europeista: di certo, Trump non ha pianto il giorno del referendum!

Oppure, vuoi vedere che è stata una decisione indigena…ossia…la Banca d’Inghilterra, statale ed azionista della BCE (pur non avendo l’euro!), ha fiutato che l’affare non conveniva più…già…ma come si fa a tirarsi indietro? Eh, il popolo ha democraticamente deciso…

Non starò a tediarvi con queste cialtronerie che tutti ben conosciamo, ma le elezioni francesi ci hanno mostrato una realtà limpida come l’acqua: nessun cambiamento potrà mai avvenire per via elettorale, perché – mediante i giochi associazione/dissociazione (e questo vale per l’Italia) – sono in grado di controllare tutti gli equilibri parlamentari. Se non basta ancora, si va al mercato delle vacche e si comprano, senatori e deputati. Qualche De Gregorio, Razzi o Scillipoti c’è sempre. Non basta ancora? Si creano nuovi movimenti, all’apparenza rivoluzionari chedipiùnonsipuò, che saranno sempre controllati dai vari centri di potere, mediante il denaro o l’omicidio.

Ho sottolineato “i nostri nipoti”, perché i coetanei (sono della “leva” dei nonni) o sono riusciti ad entrare per il rotto della cuffia in pensione – e stanno attenti a come spendono anche i centesimi – oppure sono messi ancora peggio. Chi campa perché moglie/marito lavora, chi perché la mamma – novantenne – ha ancora una pensione (magari l’accompagnamento!) e la povera vecchia si rende ben conto, se la testa non l’ha mollata, della responsabilità che le è piombata addosso con i suoi novant’anni.

Qualcuno ha piccoli redditi da immobili, chi è aiutato dai figli, chi ancora – a 65,66,67 anni – lavora, come può…come gli riesce…e non s’immaginava di certo, quand’era quarantenne, di fare una simile fine. E i figli?

Quelli, sono messi peggio.

Per loro, hanno inventato un nuovo tipo di welfare: il welfare creativo. Su, dai…se non riesci ad essere creativo – ossia a cavare i soldi anche dai sassi – sei un bamboccione, un figlio di mammà che non vuole staccarsi dalle gonne! Sapete che il figlio (maschio) della Fornero fa il regista? Non l’avete mai sentito nominare? Oh, ma come siete poco informati (!)…Andrea Deaglio, è “uno stimato regista e produttore di film socialmente impegnati” (Il Giornale)…come, non l’avete mai sentito?

Per quelli che, invece, non vincono il concorso come amministratori del Quirinale (125.000 euro l’anno)…perché figli dell’ex segretario del Quirinale…c’è sempre un posto da cameriere, prima pagato con i voucher, adesso in nero o con contratto a chiamata, ossia lavori se c’è lavoro, solo quando ci servi.

Il contratto di lavoro – istituto cardine della giurisprudenza del lavoro – quella cosa dalla quale discendeva l’accordo fra le classi sociali…sparito!

Anni fa, per andare in Bosnia passai dalla Croazia: non mi piacque. Sono un popolo di camerieri, pensai, gente che appena ti guarda cerca di capire quante Corone potrà scucirti. Piano, ma ci stiamo arrivando anche noi: privati delle grandi industrie, con le piccole imprese controllate da Paesi stranieri, siamo cotti. Un tempo c’era l’Italsider con 2.000 dipendenti, oggi le navi della Costa caricano/scaricano migliaia di turisti: i nostri ragazzi, che magari sono ingegneri, corrono da un tavolo all’altro. Cuba libre? Due? Grazie, arrivo.

Questa è la realtà dei nostri figli: chi un po’ meglio, chi un po’ peggio.

E i nipoti?

Per ora vanno a scuola od all’asilo, ma scoccherà anche per loro il tempo delle scelte, ossia fra schiavismo od accattonaggio.

Qualcosa può cambiare?

Non certo per movimenti sociali d’opposizione: leggiamo, scriviamo, commentiamo…ma di più cosa possiamo fare? Ah sì, ogni 5 anni andare a crocettare una scheda…chi ci va ancora…

La mia generazione ci provò, e ne fui testimone: una sera mi recai alla riunione di Potere Operaio. Stupito, notai che al banco della presidenza c’erano tre tizi che non avevo mai visto. Fecero in fretta: compagni, noi siamo ex partigiani e vogliamo fare la rivoluzione: le armi ci sono, bisogna prepararsi.

Quella sera capii che stavamo per dichiarare guerra all’arma dei Carabinieri, alla Polizia ed allo Stato in generale: compagni, saluti!

Furono anni duri, ed il dolore per tante vicende mi prendeva allo stomaco…d’altro canto, se credi che si possa affondare una portaerei a forza di testate…

L’unica speranza è in un mutamento di pensiero, che prima o dopo si faccia largo nella popolazione. Anni? No, almeno decenni, se non secoli.

Da dove può scaturire una nuova forma di pensiero sociale?

Europa

Per due millenni l’Europa è stata il centro del mondo: la sua civiltà greco-romana e poi cristiana ha plasmato il pianeta – nel bene e nel male – fino a pochi decenni or sono. Forse, se la costruzione europea avesse tenuto conto d’altri fattori – più Keynes e meno Friedman, a grandi linee – la situazione, oggi, sarebbe forse migliore e ci potrebbe essere una speranza, una “visione” per il futuro, ma così non è.

Da Vilnius a Lisbona, da Atene a Rotterdam, il continente non ha più niente da dare alla civiltà umana, giacché l’Impero Germanico – sconfitto due volte con le armi – ha saputo imporre ugualmente la sua egemonia, senza una cultura cui riferirsi. Poco ascoltati in Patria, i grandi filosofi tedeschi non hanno più nulla da raccontarci: niente visioni del futuro appaganti o, almeno, stuzzicanti.

Stati Uniti d’America

Un popolo di coloni non può far altro che colonizzare, serialmente, come fanno da due secoli: il “sogno” americano si nutre con l’incubo delle popolazioni assoggettate dopo la vittoria nella 2° G.M. Per alcuni aspetti, hanno copiato ciò che l’Europa fece con l’Africa, ossia bloccare lo sviluppo di un intero continente per alimentare il proprio. L’Impero Americano sarà duro a morire, poiché hanno un territorio vasto e per molti aspetti sono autosufficienti: le metastasi che si diramano ovunque, nel Pianeta, alimentano il surplus che deve sorreggere la retorica di supporto alla macchina mediatica statunitense. La cultura, in un simile sistema, non può che essere “embedded” o, per dirla con la nostra lingua, “organica al sistema”. Vale a dire, pari a zero.

America Latina

Ciò che più conta, in questa definizione, è la seconda parte: è terra ispanica, appena sfiorata dagli aliti delle Ande, peraltro scomparsi – come cultura – da parecchi secoli. In questo enorme continente, si vive di ricordo e di sogni: si potrebbe affermare che ogni abitante gira con, sottobraccio, il suo libro di Cervantes. I grandi sogni sono il suo pane quotidiano, la visione di un futuro estatico sono il viatico per il “Paradiso degli Eroi”, da Don Chisciotte a Che Guevara. Ma la cultura che conduce ad un futuro non scaturisce dal sogno, bensì dal pensiero: c’è comunque qualcosa di più vivo che a Nord, c’è almeno la coscienza d’essere umani, con il proprio ricordo di un umanesimo caricato, insieme all’acqua ed ai viveri, sulle caravelle che varcarono l’oceano, dove ammazzarono a più non posso. Ricorderanno la saggezza di Sancho Panza? Chissà…

Africa

E’ il continente che più ha pagato il conto della ricchezza europea ed americana: sconvolto con lo schiavismo, proprio nel passaggio dalla cultura dei villaggi a quella delle città, l’Africa non esiste più. Una grande miniera a cielo aperto, diamanti e petrolio per tutti, meno che per gli africani. Onore a chi, come Gheddafi, propose e pagò personalmente con la vita il sogno di una unità pan-africana, un rinascimento che è stato sconvolto ancora una volta da guerre e massacri, orditi da Washington e da Bruxelles. Africa, addio.

Russia

E’ giusto presentare la Russia come un continente, perché culturalmente la Russia zarista, poi comunista, oggi metà post-comunista e metà neo-zarista, vive di un equilibrio proprio, autoctono. E difficilmente esportabile.

La Russia ha poco interesse per il mondo che la circonda: lo osserva principalmente perché sa d’essere sempre nel mirino per le sue enormi ricchezze minerarie, ghiotto boccone per le economie di rapina. Per questa ragione si arma, quel tanto che basta per scoraggiare chiunque: come colonizzatori, i russi non valgono una cippa. Si notò chiaramente come risolsero le questioni in Ungheria e poi in Cecoslovacchia, da ultimo in Georgia: questo fa parte della mentalità russa, che ingloba nelle vicende umane una quota di sofferenze inevitabili – che fosse il disinteresse zarista o la protervia staliniana, Tolstoj o Dostoevskij – l’importante è che il continente russo continui ad esistere, con la religione ortodossa, la lingua slava ed i popoli slavi. Nulla che ci possa interessare: il “mix”, non è esportabile.

Però, la Russia – diciamo l’era Putin – sarà ricordata come il compromesso – tentato? riuscito? parzialmente? – fra il mercato e lo Stato. Putin ha chiarito che, senza l’economia centralizzata e statale, non ci sarebbe stata la vittoria nella 2° G.M. Lo stesso Putin che ha imprigionato gli oligarchi, i quali erano scappati con l’ex apparato energetico sovietico sotto il braccio: non sputi l’osso? Stai in Siberia: alla Stalin.

Indubbio che risultati ne ha ottenuti, ristrutturando l’industria pesante e la politica estera russa: però, nulla di nuovo. Nel senso che l’URSS vendeva minerali grezzi ed armamenti, ed oggi la Russia non è stata capace (a parte le armi) di far fiorire l’industria leggera e l’agricoltura: per sistemare le centinaia di cartiere sulla Transiberiana, ha dovuto rivolgersi a svedesi, finlandesi ed italiani.

E c’è ancora una realtà da considerare: Putin è uno solo…e il futuro? Certo, la Russia potrà essere sempre grande esportatrice d’energia – se solo intercettassero i venti artici con degli aerogeneratori…oggi non interessa, hanno il metano da vendere – ma questo non significa avere una visione per il futuro, condivisibile ed esportabile.

L’Asia

L’Asia non è un monolite, al suo interno (a parte la presenza geografica russa) si distinguono due aree, il subcontinente indiano e la Cina, con la propaggine insulare giapponese.

L’India è tuttora pervasa dalle sue antichissime tradizioni, alle quali – come espressione di modernità – ha quasi appiccicato le pratiche apprese dal colonialismo britannico. E’ senza dubbio una società giovane e dinamica, ma il peso della tradizione opprime. Stupisce, ma non troppo, che abbia creato come espressione di modernità il doppione di Hollywood: come a riproporre un olimpo di celluloide da sovrapporre al mondo tradizionale. L’India rimane, in sostanza, legata agli archetipi come nessun altro nel Pianeta: sono tradizioni profonde, antichissime, che non possono essere esportate. E che, per alcuni aspetti, li schiacciano e li immobilizzano. Potremmo dire che sono apprese dal latte delle madri: per questa ragione, ritengo che il mondo indiano abbia poco da offrire al resto del pianeta, anche se – paradossalmente – è stata la culla di grandi scuole di pensiero.

Se escludiamo il Medio Oriente, intossicato dall’Uranio impoverito e dalle fiumane di dollari petroliferi, rimane ben poco: una lontana colonia dimenticata, l’Australia.

E la Cina.

La Cina è la più antica cultura del Pianeta e non è mai stata colonizzata. Forse lo sarebbe stata, ma una concomitanza di fattori – il declino dell’Impero Britannico, la rivoluzione russa, la lenta ascesa dell’Impero Americano, la guerra civile in Cina ed i successivi tentativi americani, falliti, in Corea e Vietnam – decretarono l’indipendenza della Cina.

In quanto a cultura, nessuno può competere con i secoli di cultura cinese: basti riflettere che quando Confucio – coetaneo di Socrate e Buddha, VI secolo a. C., mentre Roma era un villaggetto di pastori – completò la sua formazione, studiò sui tre libri classici della cultura cinese: l’I-Ching, il Nei-Ching ed il Tao-te-Ching. Che risalivano (probabilmente) a Lao-Tse e all’epoca, l’epoca…scompare nella notte dei tempi. Confucio dichiarò che alcuni di quei libri erano “molto antichi”: cosa avrà voluto dire? Nessuno lo sa.

I libri non insegnano niente…l’esperienza è tutto…sarà vero, però, un uomo che a quei tempi scrive un libro (I-Ching) basandosi su 64 esagrammi, ciascuno di 6 linee, intere o spezzate: in altre parole, inventa il sistema binario e poi lo commenta per descrivere l’apparente caos della vita…beh…forse qualcosa da insegnare ce l’ha.

Siamo pronti per cambiare alla radice la nostra cultura?

Non ha funzionato: l’accumulazione di capitale, la rivoluzione borghese e proletaria non ci hanno portato a niente, anche se la prima s’è imposta e la seconda ha fallito. La conquista coloniale, il capitalismo, il materialismo storico, la fase imperialista…tutto inutile. Siamo noi euro-americani a fallire: la nostra mente non comprende l’ineluttabilità del caos, tenta d’imprigionarlo, inutilmente.

Il primo cambiamento è capire che il mondo non è eurocentrico, e nemmeno “americocentrico” – ci sono correnti di pensiero in tal senso – anche se le differenze, oramai, sono impercettibili.

In mezzo a noi, i cinesi.

Imperturbabili – che siano camerieri o uomini d’affari – paiono delle sfingi.

Confesso che mi hanno sempre stupito ed incuriosito, ma qualcuno si è chiesto come hanno fatto – solo vent’anni fa esportavano bamboline di pezza e giocattoli – ad imporsi come i primi produttori di tecnologia del Pianeta?

Pochi anni prima, un cinese fermò un carro armato con la sua sola presenza, ma questo avvenne perché l’ordine d‘avanzare, senza ripensamenti, non era ancora stato emanato: poche ore dopo, nella notte, i carri entrarono a Tien-an-men. Il mattino seguente regnava – per dirla con De André – una pace “terrificante”.

I nostri globalizzatori si stracciarono le vesti (non smettendo d’investire!) ma, in un Paese di un miliardo di persone, quanti milioni di morti ci sarebbero stati con una diversa decisione? Una nuova guerra civile?

I cinesi sono il pragmatismo fatto persona, e non perché sono comunisti o cinesi: perché, alla base della loro cultura ci sono il buddismo, Confucio e Lao-Tse.

Oggi, il Partito ha deciso per l’arricchimento: cinesi, lavorate e sguazzerete nei soldi! Fino a pochi decenni fa, il problema – in Cina – era trovare un miliardo di polli il giorno, per sopravvivere un altro giorno. Hanno smesso di centrare la loro attenzione su quei polli: Teng Hsiao Ping inaugurò un congresso del partito affermando: cinesi, arricchitevi!

Ma, subito dopo, chiarì che la fase capitalista era necessaria, era “uno stadio” della crescita verso il comunismo. Cosa significa? Chiedetelo ai cinesi, questa è stata la dichiarazione di Teng:

“Pianificazione e forze di mercato non rappresentano l’essenziale differenza che sussiste tra socialismo e capitalismo. Economia pianificata non è la definizione di socialismo, perché c’è una pianificazione anche nel capitalismo; l’economia di mercato si attua anche nel socialismo. Pianificazione e forze di mercato sono entrambe strumenti di controllo dell’attività economica.”

C’è, in queste poche frasi, condensata la vicenda universale dei tentativi umani di dar ordine agli eventi economici. La sintesi non esiste, non c’è: noi cerchiamo la sintesi, e perdiamo di vista il fluire degli eventi. Vogliamo una sintesi breve – una sorta di Bignami della Storia e degli eventi – per fare in fretta, per tornare ad investire, lavorare, guadagnare. E non funziona più.

Non posso affermare che la Cina, il pensiero cinese, fornirà le basi per un nuovo umanesimo: oggi, lanciati come sono nell’iper-capitalismo…nessuno potrebbe affermarlo. Però, le parole di Teng sembrano il parto di una mente profonda, indagatrice. Che comprende sia il caos della produzione capitalista sia l’apparente ordine delle economie del socialismo reale, che si guardano, come allo specchio: apparentemente contrapposte. In realtà, speculari.

Bisognerà attendere che la società cinese sia “matura” per avere risposte, ma anche questa dizione è nebulosa: la “maturità” cinese, sarà come quella europea? Ossia, il capitalismo globalizzatore è giunto a frantumare anche le basi, antichissime, della cultura cinese? Nessuno può avere una risposta, però così – a naso – non ne sono convinto.

Per molti anni – essendo buddista – ho avvertito il dolore dei tibetani per la loro terra: non dicevo nulla, perché ritenevo quelle punzecchiature di spillo, da parte tibetana, inutili, pesanti, dolorose proprio per i tibetani. Però, in silenzio, meditavo: il Tibet diverrà cinese – fuor di dubbio – ma…e se la Cina diventasse tibetana?

Ogni cultura fa riferimento al suo retroterra storico/culturale, anche se il fenomeno è spesso spontaneo e non ce ne accorgiamo.

Le “sfingi” cinesi sono esseri umani come noi, ma la loro mente è completamente diversa dalla nostra, non percepiscono, non possono capire la nostra cultura, perché la loro è molto più radicata della nostra e più profonda. A parer mio, non esiste popolo – e qui intendo il buddismo ed il taoismo, più che le nazionalità d’appartenenza – che conosca i meandri della mente umana come gli orientali.

Sulla piazza Tien am men, vicino alla gigantografia di Mao-tse-dong, all’ingresso della Città Proibita c’è un ideogramma: significa “nessuna azione”. Curioso vero? L’accostamento di un leader comunista con (un’apparente) immobilità.

Craxi, quando visitò la Cina (il celebre viaggio con nani e ballerine…), fu colpito da quel logos (non saprei definirlo in altro modo): non così i personaggi del suo seguito, che lo ritennero – miserere! miserere! – un richiamo all’ozio.

In realtà, quel “nessuna azione” significa che il mutamento è la regola, non l’eccezione. Seguire il mutamento, senza opporre resistenza, vuol dire semplicemente plasmarsi allo scorrere degli eventi. E’ qualcosa di molto semplice e, allo stesso tempo, estremamente caotico: come si può definire altrimenti il lasciar scorrere il caos? Questo vale dal kung-fu all’economia, dalla vita familiare a quella sociale.

Se ci riflettiamo, scopriamo che la nostra classe politica esercita ogni tipo di pressione – montagne di denaro, discorsi fumosi, certezze degli economisti (!), pronte sentenze geopolitiche, ecc…un pietoso, inutile affanno – per non mostrarci la realtà: stiamo affondando, e loro tentano in ogni modo d’opporsi all’evento, si sforzano in modo inverosimile per mascherarne gli effetti. Quando un riconoscimento di realtà sarebbe più onesto e, soprattutto, consono per comprendere il nostro futuro.

Dobbiamo diventare un popolo di camerieri? Bene, allora facciamo in modo d’essere i migliori camerieri del Pianeta.

Siamo stati costruttori di dighe e ponti? Vero, lo siamo stati. Passato. Oggi ci cascano in testa ponti e cavalcavia: qualsivoglia possa essere la ragione, è così che vanno, oggi, le cose.

L’ho visto con i miei occhi in un ristorante cinese come intendono le cose della vita: un cameriere, sul finire dell’ora di pranzo, stava già preparando i tavoli per la sera.

In silenzio, la tovaglia fra le mani dinnanzi al tavolo, chiuse per un attimo gli occhi e lanciò la tovaglia, trattenendola da un lato. Per due volte, osservò il risultato e riprese la tovaglia: al terzo tentativo, l’ombra di un sorriso gli traversò sul viso per un istante: prese un’altra tovaglia e s’accostò ad un altro tavolo.

Non ho pretese d’aruspico, né voglio divinare il futuro con mezzucci per travisare gli eventi e farmi dire “bravo” o “scemo”: non ne ho bisogno e non serve.

Però, se c’è un popolo che potrà fornire risposte quando tutti gli altri clamori si saranno zittiti, io punterei sul popolo cinese, o comunque di chi vive in quella cultura. Se non ci riusciranno loro, non so proprio chi potrà farcela.

Articolo scritto da Carlo Bertani

Source Come Don Chisciotte

Leave A Reply

Your email address will not be published.