Rotoli del mar morto

Svelati i misteri dei rotoli del Mar Morto

Gli scienziati svelano i misteri genetici dei rotoli del Mar Morto

La scoperta dei manoscritti ebbe un impatto incomparabile sulla comprensione storica dell’ebraismo e del cristianesimo. “Mettere insieme” i frammenti di scorrimento è come risolvere i puzzle con un numero sconosciuto di parti mancanti. Poiché la maggior parte dei rotoli di 2.000 anni sono stati scritti su pelle di animale trasformata. Un team internazionale di ricercatori ha utilizzato il sequenziamento del DNA per frammenti di “impronte digitali” basati sulla loro firma genetica.

I Rotoli del Mar Morto sono un corpus di oltre 25.000 frammenti che comprende i resti di circa 1.000 antichi manoscritti trovati in vari siti nel deserto della Giudea, principalmente tra il 1947 e gli anni ’60.

La più grande raccolta proviene da 11 grotte nelle vicinanze di Qumran , lungo la costa nord-occidentale del Mar Morto. Pergamene aggiuntive sono state trovate a Masada, Nahal Hever, Nahal Se’elim, Wadi Murabba’at e in alcuni altri siti.

I frammenti di Qumran risalgono al periodo ellenistico-romano (o alla fine del secondo tempio), cioè dal III secolo a.C. al I secolo d.C.

“La scoperta dei Rotoli del Mar Morto, risalenti a 2000 anni fa, è una delle scoperte archeologiche più importanti mai fatte”, ha affermato il professore senior Oded Rechavi, ricercatore del Dipartimento di Neurobiologia della Facoltà di scienze della vita di George Wise presso Università di Tel Aviv.

“Tuttavia, pone due grandi sfide: in primo luogo, la maggior parte di loro non è stata trovata intatta ma piuttosto disintegrata in migliaia di frammenti, che dovevano essere ordinati e messi insieme, senza alcuna conoscenza preliminare di quanti pezzi siano stati persi per sempre, o come dovrebbe leggere il testo originale. ”

Rotoli del mar morto

“A seconda della classificazione di ciascun frammento, l’interpretazione di un dato testo potrebbe cambiare radicalmente.”

“La seconda sfida è che la maggior parte dei rotoli non sono stati acquisiti direttamente da undici grotte di Qumran vicino al Mar Morto, ma attraverso rivenditori di antichità. Di conseguenza, non è chiaro da dove provengano molti frammenti, rendendo molto più difficile metterli insieme e nel loro contesto storico ”.

Per avanzare nella classificazione delle pergamene e dei frammenti di pergamena, il professor Rechavi e i suoi colleghi hanno campionato e analizzato minuscoli frammenti di pergamene del Mar Morto scoperti in vari siti.

Da ogni pezzo, hanno estratto l’antico DNA degli animali che sono stati usati per realizzare le pergamene.

Quindi, usando un’analisi forense, hanno lavorato per stabilire la relazione tra i pezzi in base a quell’evidenza del DNA e al controllo della lingua all’interno dei testi in esame.

Le sequenze del DNA hanno rivelato che le pergamene erano principalmente di pecora, cosa sconosciuta.

I ricercatori hanno quindi ragionato che i pezzi realizzati con la pelle della stessa pecora devono essere correlati e che i rotoli di pecore strettamente correlate avevano più probabilità di adattarsi insieme rispetto a quelli di più diverse pecore o altre specie.

I ricercatori si sono imbattuti in un caso interessante in cui due pezzi che si pensava fossero uniti erano in realtà realizzati con diversi animali: pecora e mucca. Questo ha suggerito che erano due distinti tra loro.

Rotoli del Mar Morto

L’esempio più notevole è venuto dalle pergamene che comprendono diverse copie del biblico libro profetico di Geremia, che sono anche alcune delle più antiche pergamene conosciute.

“Quasi tutti i rotoli che abbiamo campionato sono stati trovati fatti di pelle di pecora, quindi la maggior parte dello sforzo è stato investito nel compito molto impegnativo di cercare di mettere insieme frammenti fatti dalla pelle di una particolare pecora, e di separarli da frammenti scritti su pelli di diverse pecore che condividono anche un genoma quasi identico “, ha detto il professor Rechavi.

“Tuttavia, due campioni sono stati scoperti per essere fatti di pelle bovina e questi appartengono a due diversi frammenti presi dal Libro di Geremia. In passato si pensava che uno dei frammenti di pelle di mucca appartenesse allo stesso rotolo di un altro frammento che abbiamo scoperto essere fatto di pelle di pecora. La mancata corrispondenza ora smentisce ufficialmente questa teoria. ”

“Inoltre, l’allevamento di mucche richiede erba e acqua, quindi è molto probabile che la pelle di mucca non sia stata lavorata nel deserto, ma sia stata portata nelle grotte di Qumran da un altro luogo. Questa scoperta ha un significato cruciale, perché i frammenti di pelle bovina provengono da due diverse copie del Libro di Geremia, che riflettono diverse versioni del libro, che si allontanano dal testo biblico come lo conosciamo oggi ”.

“Dalla tarda antichità, c’è stata un’uniformità quasi completa del testo biblico”, ha affermato il prof. Noam Mizrahi, ricercatore del Dipartimento di studi biblici presso la Facoltà di Lettere e Sally Entin dell’Università di Tel Aviv.

“Un rotolo della Torah in una sinagoga di Kiev sarebbe praticamente identico a quello di Sydney, fino alla lettera. Al contrario, in Qumran troviamo nella stessa caverna diverse versioni dello stesso libro. ”

“Ma, in ogni caso, ci si deve chiedere: è la ‘pluriformità’ testuale, come la chiamiamo, l’ennesima caratteristica peculiare del gruppo settario i cui scritti sono stati trovati nelle grotte di Qumran? O riflette una caratteristica più ampia, condivisa dal resto della società ebraica del periodo? ”

“L’antico DNA dimostra che due copie di Geremia, testualmente diverse l’una dall’altra, furono portate fuori dal deserto della Giudea. Questo fatto suggerisce che il concetto di autorità scritturale – emanato dalla percezione dei testi biblici come una registrazione della Parola divina – era diverso in questo periodo da quello che ha dominato dopo la distruzione del Secondo Tempio ”.

“Nell’era formativa del giudaismo classico e del nascente cristianesimo, la polemica tra sette e movimenti ebraici era incentrata sull’interpretazione” corretta “del testo, non sulla sua formulazione o sulla sua esatta forma linguistica.”

Altri punti salienti includono la comprensione del rapporto tra le diverse copie di un’opera liturgica non biblica nota come Canti del sacrificio del sabato, trovata sia a Qumran che a Masada.

L’analisi mostra che le varie copie trovate nelle diverse grotte di Qumran sono strettamente correlate geneticamente, ma la copia di Masada è distinta.

“Ciò che apprendiamo dalle pergamene è probabilmente rilevante anche per ciò che è accaduto nel paese in quel momento”, ha affermato il professor Mizrahi.

“Poiché le canzoni del sacrificio del sabato anticipano gli sviluppi rivoluzionari nel design poetico e nel pensiero religioso, questa conclusione ha implicazioni per la storia del misticismo occidentale e della liturgia ebraica”.

Le prove hanno anche confermato che alcuni altri frammenti di origine incerta probabilmente provenivano da altri luoghi e non dalle grotte di Qumran.

In un caso, l’evidenza del DNA suggerisce un frammento da una copia del Libro biblico di Isaia – uno dei libri più popolari dell’antica Giudea – probabilmente proveniente da un altro sito, il che suggerisce agli scienziati la potenziale esistenza di un ulteriore luogo di scoperta che attende ancora l’identificazione.

“Sebbene le prove del DNA aumentino la comprensione, possono solo rivelare parte dell’immagine e non risolvere tutti i misteri”, ha detto il professor Rechavi.

I risultati sono stati pubblicati online sulla rivista Cell .

Scarica Gratis la nostra App da Google
Total
102
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Article
L'asteroide colpi la terra con l'angolazione più catrastrofica

L'asteroide colpi la terra con l'angolazione più catrastrofica

Next Article
bibbia ruota di Ezechiele

La prova degli UFO nella Bibbia

Related Posts
Total
102
Share