Mistero cosmico una stella massiccia scompare senza lasciare traccia

Mistero cosmico: una stella massiccia scompare senza lasciare traccia

Mistero cosmico: una stella massiccia scompare senza lasciare traccia

Una stella massiccia avvistata qualche anno fa in una galassia lontana è completamente scomparsa. Gli astronomi si stanno ancora chiedendo come sia possibile, ma secondo i primi elementi dell’indagine, avremmo potuto assistere a un evento mai visto prima.

Nella galassia nana Kinman (PHL 293B), situata a 75 milioni di anni luce dalla Terra nella costellazione dell’Acquario, c’era una volta una stella che emetteva una “luce blu variabile”, circa 2,5 milioni di volte più luminosa di il sole . Questo oggetto, visibilmente sull’orlo dell collasso, è stato oggetto di numerosi follow-up tra il 2001 e il 2011, gli astronomi lo hanno studiato per comprendere meglio il processo di fine vita delle stelle.

Mistero cosmico una stella massiccia scompare senza lasciare traccia

 

Ma pochi mesi fa, un team di ricercatori si è nuovamente concentrato su questa stella, utilizzando il Very Large Telescope (VLT) dell’European Southern Observatory (Cile), ma rimasero molto sorpresi di scoprire che la firma della stella era completamente assente.

La stella non c’era più!” “, Sottolinea Andrew Allan, del Trinity College di Dublino (Irlanda) e autore principale di queste opere.

Perplessi, gli astronomi hanno quindi esaminato i dati archivistici della stella registrati nel 2011 e nel 2016. È emerso che la sua luce era effettivamente presente nei dati del 2011, ma assente in quelli del 2016. In un certo senso, sembrerebbe che la stella, poco meno di 10 anni fa, sia scomparsa senza lasciare traccia.

Ma come è possibile?

Una transizione diretta allo stato del buco nero?

Secondo i ricercatori, è possibile che la stella sia semplicemente diventata meno luminosa a causa di una significativa perdita di massa.

Dopotutto, questi oggetti sono noti per essere particolarmente instabili. È quindi teoricamente possibile che questa stella abbia subito violente eruzioni di materia, perdendo infine la sua luminosità.

Tuttavia, se così fosse stato, gli astronomi avrebbero osservato tracce specifiche di questi cambiamenti nell’attività. Queste prove mancavano dai dati raccolti dal team nel 2019.

E’ stato quindi avanzata un’altra spiegazione, questa volta molto più “esotica”. Secondo loro, potrebbe davvero essere che la stella sia collassata in un buco nero senza passare dallo stadio di “supernova” .

” Se questa ipotesi fosse confermata, sarebbe la prima scoperta diretta di una stella così gigante, ponendo così fine alla sua esistenza ” , afferma Andrew Allan. L’astronomo ha detto lo stesso che sarebbe ” molto insolito che una stella così massiccia scompaia senza provocare un’esplosione di una supernova brillante “.

Ulteriori studi saranno necessari per determinare il vero destino di questa stella. Per fare questo, gli astronomi intendono fare affidamento sul telescopio gigante europeo (ELT), in costruzione in Cile, che sarà inaugurato nel 2025. Dotato di uno specchio primario con un diametro di 39 metri, questo strumento in grado di sondare galassie distanti con una precisione senza pari.

I dettagli dello studio sono pubblicati nelle recensioni mensili della Royal Astronomical Society.

Scarica Gratis la nostra App da Google
Total
19
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Article
10 fatti interessanti sugli immortali persiani

10 fatti interessanti sugli immortali persiani

Next Article

Un time lapse della Nasa mostra un ciclo completo del nostro sole

Related Posts
Total
19
Share