Miti e realtà sugli ANUNNAKI, Rettiliani, Pianeta Nibiru e Pleiadiani

0 108

[powerkit_toc title=”Articolo” depth=”2″ min_count=”4″ min_characters=”1000″]

La mitologia sumera ha dato origine a numerosi scritti che si riferiscono agli ANUNNAKI, ai Rettiliani, al Pianeta Nibiru e ai Pleiadiani.

Alcuni scritti richiamano questi temi rispettando seriamente gli scritti sumeri originali mentre alcuni altri scritti mostrano alcune fantasie … La divulgazione di questi temi è anche un argomento di ispirazione per la letteratura Fantasy o Fantascienza … Ciò crea notevole confusione tra il grande pubblico che in realtà non sa cosa sia serio, ciò che resta di argomentazioni scientifiche argomentative e dati storici verificabili, o ciò che è ingannevole e falso … e tutto questo per la maggiore felicità dei Servizi di intelligence responsabili della disinformazione … o della disinformazione.

Quindi l’obiettivo di questo articolo è quello di chiarire questo problema che è diventato abbastanza nebuloso … Ciò che è effettivamente dimostrato oggi negli scritti sumeri? Quali ipotesi possono essere seriamente sviluppate?

ANUNNA e ANUNNAKI

La mitologia sumera descrive gli dei che si chiamano ANUNNA creature dal cielo. Il termine Anunna è la parola generica per gli dei. Il nome di ANUNNAKI significa Anunna si stabilì sulla Terra (KI). Troviamo queste due parole nei testi sumeri; si riferiscono a un vero mito sumerico … È attestato attraverso documenti storici, tavolette con scritti cuneiformi.

L’ANUNNA potrebbe essere aliena?

Molti autori presumeranno che gli Dei potrebbero essere in definitiva esseri alieni. Questi esseri alieni la cui origine finora nessuno è stato in grado di identificare la fonte attraverso documenti storici, o attraverso i frammenti di informazioni che abbiamo su exocivilizations …

Gli errori di analisi fatti da molti autori, bufale e disinformazione da parte dei servizi segreti ufficiali, hanno portato a costruire una nuova mitologia UFO contemporanea … Ma finora, questo esclude la possibilità che i Sumeri e altre popolazioni antiche sarebbero stati in contatto con alcune exocivilization? Non dovremmo cercare di evitare un approccio troppo semplicistico e il rischio di “buttare via il bambino con l’acqua del bagno”?

L’ANUNNA ha forse creato l’uomo sulla terra?

Gli dei Sumeri, gli «ANUNNAKI», avevano progettato di trasformare gli esseri umani presenti sulla Terra prima del loro arrivo per trasformarli in schiavi al loro servizio.

Uno scrittore americano di nome Zecharia Sitchin, sviluppò attraverso vari libri una lunga serie di considerazioni pseudo-scientifiche e concluse che questi esseri umani erano in realtà scimmie trasformati in schiavi umani dagli ANUNNAKI. I testi di Kharsag, accuratamente tradotti da Anton Parks e pubblicati nel suo libro Eden, mostrano che questo selvaggio umano era in realtà un uomo, non una scimmia. Per quanto riguarda la trasformazione di questo uomo selvaggio in uno schiavo docile ci sono molteplici opportunità di esplorare …

Seguendo Zecharia Sitchin, molti autori affermarono senza scrupoli in modo molto categorico che l’ANUNNA avrebbe manipolato geneticamente gli umani per alienarli. Alcuni tipi venali illuminati hanno creato succose “religioni” per la gioia dei debunisti istituzionali … Supponendo che gli elementi della mitologia sumera riflettano questa verità storica, un’ecocivizzazione ha molti modi di trasformare le popolazioni umane primitive, senza doverle modificare geneticamente. Un intervento sul genoma umano da un exocivilization è una semplice ipotesi per interpretare la nozione sumera di “trasformazione” della popolazione umana primitiva. Inoltre, tale eventualità nella sua ragionevole affermazione sarebbe considerata come un piccolo cambiamento epigenetico del tutto reversibile dopo poche generazioni, o addirittura come alcune modifiche genetiche molto minori.

Un esperto exocivilization ritiene che abbia il diritto di intervenire sul genoma di qualsiasi specie umana indigena? Questa assunzione, sotto una visione sia eenenica che interventista, sembra quantomeno piuttosto strana con la necessaria maturità intellettuale che ci si aspetta da un’ecocivilizzazione in grado di raggiungere il viaggio interstellare e pienamente consapevole dell’interdipendenza di tutte le specie nel cosmo umano.

Inoltre, questa ipotesi è anche incoerente con i documenti di Oomomen che attestano l’etica delle esocivilizzazioni umane e le regole supervisionate dagli umani più avanzati del cosmo. Secondo Oomomen, i DOOKAians osserverebbero il nostro pianeta e partecipere attivamente a un sistema completo di osservazione e protezione della Terra. Questo include più specie aliene; svolgerebbe un ruolo di coordinamento e arbitrato per le missioni scientifiche di diversi alieni che vengono ad osservarci. «Esiste una razza di OEMMII la cui tecnologia è al di fuori della nostra comprensione e che sorveglia diversi pianeti analizzando le OUEWA (navi interplanetarie) che fanno incursioni nei loro cieli. »(NR13, 14/04/2003).

In conclusione, supponiamo che noi esseri umani terrestri siamo stati esiliati su un pianeta in compagnia dei nativi. Supponiamo che avremmo intenzione di presentarli in modo intelligente; il nostro buon senso probabilmente ci dirà di metterli sotto controllo con tecniche e dispositivi psicotronici … quelli già disponibili e usati sulla Terra dai servizi di intelligence … Sarebbe molto più semplice e molto più efficace della manipolazione genetica di una specie biologica sconosciuta, i cui effetti potrebbero essere sostanzialmente imprevedibile …

Nella mitologia sumera, il progetto di trasformare gli umani in schiavi fallisce grazie all’intervento di un personaggio chiamato ENKI, che darà alla gente i mezzi per riconquistare la propria libertà educandoli e fornendo loro un grande segreto. Questa segretezza sembra essere stata la conoscenza della metallurgia (vedi «Il risveglio della Fenice» e «L’Eden» di Anton Parks). Enki sarà assistito da diverse donne del suo clan, come sua madre e Ninmah Mamitu-Nammu, la matriarca della città di Kharsag. Nessun testo dice che Enki sia un dio Anunna. Enki era un essere completamente diverso, come il suo creatore AN.

Nelle menti dei Sumeri i pianeti degli dei ANUNNA erano «montagne del cielo». Il Duku (Doo-Koo) «Sacro tumulo» o «Sacro Monte» è l’origine dell’Anunna. Questo pianeta è il luogo in cui gli dei di ANUNNA erano stati creati da AN (il padre di Enki) e dove iniziò la grande ribellione dei giovani dei dei ANUNNA contro gli antichi dei rappresentati da Tiamat, la Regina Suprema.

Questi giovani dei dei ANUNNA hanno a loro volta un’origine piuttosto complessa. La natura di Enki è molto misteriosa, anche nelle tavolette sumeriche … I Nungal erano gli osservatori della Bibbia e secondo Anton Parks sarebbero stati i servitori di Osiride e di Horus in Egitto. In lingua egiziana, i seguaci di Osiride e di Horus sono gli Shemsus (dalla parola egiziana “Shms”, che significa “seguire, accompagnare”). Sono stati divisi in diversi gruppi. Nei testi apocrifi sarebbero i giganti. Lo Shemso egiziano sarebbe alto circa 2,10 m, in un periodo in cui l’altezza normale degli umani variava tra 1,50 me 1,65 m. Erano lì per proteggere il re Osiride e Horus. Anton Parks ha mostrato nelle sue opere che Enki era Osiride in Egitto. Le differenze di altezza possono evidenziare diversi gruppi etnici o razze. L’uomo di Neandertal, per esempio, aveva un’altezza media significativamente maggiore (circa 1,85 m) che l’Homo sapiens medio (circa 1,60 m) che viveva nello stesso periodo. Allo stesso modo, l’uomo di Flores era molto piccolo, alto circa un metro. Ciò supporta l’ipotesi che lo Shemsus fosse un gruppo etnico specifico. Lo Shemso Egiziano potrebbe forse essere stato un clan extraterrestre chiamato Nungal? Questa è un’ipotesi che merita di essere studiata tra gli altri …

L’ANUNNAKI e il pianeta Nibiru

Come rappresaglia, gli ANUNNAKI schiavisti hanno bandito ENKI che è dovuto fuggire. Come spiegato da Anton Parks nei suoi libri, nessuno dei due tablet menziona che Enki sia fuggito su un pianeta chiamato Nibiru. Né quel pianeta di nome Nibiru era il pianeta degli Anunna. Questa è una delle solite invenzioni di Zecharia Sitchin che può essere trovata, tra l’altro, nel suo libro “Il libro perduto di Enki” in cui menziona una serie di tavolette che non esistono nemmeno …

Zaccaria Sitchin ingannò i suoi lettori con una bugia e inventò queste “tavolette” per fornire una prova falsa dell’esistenza di Nibiru – un’idea costruita nel suo primo libro “Il dodicesimo pianeta”. «Il libro perduto di Enki» diventa una truffa monumentale. Da allora un sacco di media, le riviste hanno preso questa idea di «Nibiru – Planet of Anunna» . Come ha dichiarato Anton Parks, l’unico luogo celeste menzionato nelle tavolette come quello delle Anunnas è il Duku e, nella mitologia sumera, Enki non è fuggito a Nibiru, ma in Africa, in particolare in Egitto. A Sumer, il tempio segreto e acquatico di Enki si chiama Abzu mentre in Egitto il tempio acquatico di Osiride si trovava nella città santa di Abdju (Abydos). Anton Parks è stato in grado di fare una cronologia di Nungal-Shemsus nel suo libro«The Rise of the Phoenix. »

Non c’è ovviamente alcun collegamento tra il falso pianeta Nibiru e il vero pianeta Xena, che è al di là di Plutone.

Ma una forte ironia si può trovare anche nei documenti di Oomomen. Infatti, come spiegato nel documentario video “Presenza: UFO, Crop Circle ed Exocivilizations”, il pianeta Xena scoperto nel 2003 dai nostri astronomi, era stato menzionato 25 anni prima, al di là di Plutone, nel 1979, in documenti presumibilmente da una exocivilizzazione dal pianeta Ummo … Semplice coincidenza? Pura speculazione? Il pianeta Xena ha un’eclittica molto atipica che ha reso molto difficile la sua scoperta. Questi stessi documenti di Oomomen hanno dato la posizione orbitale di questo pianeta sconosciuto 25 anni prima della scoperta della sua esistenza … Una semplice valutazione probabilistica di un tale evento rende assolutamente impossibile questo livello di prevedibilità … un quarto di secolo prima della scoperta effettiva del pianeta Xena.

L’ANUNNAKI e le Pleiadi

Le Pleiadi insieme ai suoi presunti abitanti dei Pleiadiani sono artefatti derivati ​​classici derivanti da un’operazione di disinformazione che si mescola, come

Per gli occhi profani, le Pleiadi sono solo sette stelle nel cielo. Per un astronomo, è un gruppo di diverse migliaia di stelle … un gruppo di circa tremila soli situato a circa 450 anni luce di distanza. Molto probabilmente un gruppo del genere potrebbe includere almeno un sistema solare … magari ospitando un exocivilization. Questo è anche altamente probabile.

Tuttavia, da un punto di vista semantico, parlare di «Pleiadiani» è un’assurdità assoluta … di quale exocivilizzazione in questa costellazione stiamo parlando?

I riferimenti ai Pleiadiani devono essere presi con molta cautela … Se ci riferiamo alle informazioni contenute nei documenti di Oomomen, possiamo vedere che le esocivilizzazioni più lontane che ci visitano non si trovano più di 150 anni luce. Con i soliti mezzi dei nostri visitatori e vincoli cosmologici, ciò richiede viaggi molto lunghi di circa 10 anni. Un viaggio di 450 LY implicherebbe un viaggio di circa 30 anni terrestri. Tuttavia, anche se un tale viaggio è possibile, una tale durata, indipendentemente dalla longevità degli esseri umani coinvolti, renderebbe molto difficile anche per i nostri amici dallo spazio … Tra questi molteplici esocivilizzazioni dalle Pleiadi, anche se un fenotipo umanoide sembra probabile, è probabile che un tale fenotipo non sia identico all’Homo sapiens della Terra. Semplice questione di probabilità …

Non una sola tavoletta sumera menziona esplicitamente le Pleiadi. Tuttavia, molti antichi sigilli di argilla associano gli dei Anunna alle 7 stelle visibili che dovrebbero essere le Pleiadi. Per Anton Parks, Duku era nelle Pleiadi. Più tardi, quando gli dei si stabilirono sulla Terra, diedero alle loro città costruite sulle montagne del Toro il nome Duku (o Dukug) in omaggio al loro luogo di origine (vedi le tavolette tradotte nel libro Eden ). L’Anunna e il Nungino potrebbero essere finiti sulla Terra, come risultato della battaglia contro la loro regina Tiamat (vedi il testo dell’Enuma Elish). Gli ANUNNAKI sono un gruppo di guerrieri che espatriati sulla Terra a causa della guerra. All’inizio non avevano nient’altro con loro che il materiale di base che si trovava nei loro «carrelli volanti». Esuli con mezzi rudimentali così limitati necessari per trarre vantaggio dalla forza lavoro locale …

Gli ANUNNAKI e i Rettiliani

Nella mitologia della disinformazione UFO, gli alieni Anunna avrebbero una forma umana, e gli Illuminati sarebbero i loro discendenti.

Secondo i documenti di Ummo possiamo capire che il nostro pianeta è nelle mani di tre grandi gruppi oligarchici umani (il mondo occidentale, i russi e i cinesi) tutti «pericolosi, cinici e corrotti.

L’ipotesi delle origini extraterrestri di questi gruppi oligarchici mi sembra assurda. La mia sensazione è che, ancora una volta, la disinformazione sta cercando di nascondere questi pericolosi gruppi oligarchici – veramente terrestri – dietro uno schermo fumoso di assurdi alieni Illuminati … Questa è un’altra buona ragione per dare pieni poteri a questi pericolosi gruppi oligarchici che sarebbero felice di apparire come i “protettori” dei poveri cittadini della Terra contro la pretesa malvagità degli alieni degli Illuminati …

Una dittatura universalmente accettata sarebbe come una ciliegina sulla torta di una manovra machiavellica … Il Machiavelli insegna che il principe dovrebbe essere temuto, ma non essere odiato. Se è odiato, il popolo si rivolterà contro di lui; solo se si teme che manterrà la sua autorità e il potere. Quindi, da questo punto di vista, è una buona pratica mantenere la paura, senza trasformarla in odio. Un popolo tenuto nella paura rimane «calmo». Non osa resistere al potere. Un popolo che inizia a odiare il suo sovrano cercherà di rovesciarlo e seguirà coloro che guideranno la rivolta. Tutti i tiranni dell’umanità lo sanno. Giocare con insicurezza e usare la paura richiede abilità di calcolo, astuzia e machiavellico.

Riguardo ai Rettiliani che incarnano anche personaggi inquietanti, Zecharia Sitchin ha litigato con David Icke su questo argomento. Zecharia Sitchin ha consapevolmente ignorato i vari registri sumeri che descrivono dei che hanno la forma di un “coccodrillo” o, per estrapolazione, una natura “rettiliana”. Zecharia Sitchin voleva che la sua teoria si adattasse alla Bibbia. Per lui gli dei non potevano essere nella forma del Serpente Biblico! Ma visto che la «marea rettiliana» stava guadagnando terreno, non insistette troppo e finì evitando il soggetto solo per approfittarne e per navigare sull’onda.

Diverse ipotesi possono essere avanzate per spiegare perché gli dei Anunna sono talvolta rappresentati con la forma di un “coccodrillo”.

The first assumption is that the references to reptilian-like animals and, possibly, their connection to the human race are the remnants of a distant collective memory conveyed through the ages.

I primi testi biblici di Gerusalemme sembrano chiaramente fare affidamento sugli scritti sumeri. È probabile che fossero in realtà i primi vettori di una trasposizione scritta di una lunga tradizione orale. Il ricordo della conoscenza tradizionale sembra aver trasmesso attraverso i secoli l’idea che i rettili avevano preceduto i mammiferi. Questa conoscenza ancestrale conferma ampiamente la scienza moderna del XX secolo inclusa l’evoluzione cerebrale con la prima teoria trinuclea di Paul MacLean nel 1969. A proposito, questo mette in evidenza che i nostri antenati, lungi dall’essere idioti in pelli di animali, armati di un club, Al contrario, erano molto intelligenti osservando il mondo e analizzandolo … Se così non fosse stato, l’umanità non avrebbe ancora raggiunto il nostro attuale stadio di sviluppo …

One can nevertheless make an objection to this first hypothesis, while formulating a second one. The racial dissymmetries highlight different ethnic groups. Neanderthal man, for example, had a significantly larger average height (about 1.85 m) that the average Homo sapiens which was his contemporary (about 1.60 m). Similarly, the man of Flores had a very small average heightl, about one meter. This fact makes us to consider as quite plausible the assumption that the Egyptians Shemsus were a specific ethnic group.

I Sumeri si riferiscono ai «serpenti giganti con mascelle spietate». Hanno trovato fossili di dinosauri sufficientemente evocativi del passato di questi animali carnivori? O avrebbero potuto avere altre fonti di informazione? Inoltre, possiamo chiederci perché e come questi “draghi furiosi” potrebbero trasformarsi per diventare «come gli dei»? Forse lo Shemso egiziano era un clan di extraterrestri chiamato Nungal? Questa è un’ipotesi che merita certamente di essere studiata tra gli altri …

Iscriviti alla nostra Newsletter
Iscriviti qui per ricevere le ultime notizie e aggiornamenti direttamente nella tua casella di posta.
È possibile disdire in qualsiasi momento
Loading...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.