Loading...

Non molto tempo fa, il centro della Via Lattea è esploso

0 10
Loading...

Non molto tempo fa, il centro della Via Lattea è esploso

Un titanico raggio di energia in espansione si è sviluppato vicino al buco nero supermassiccio nel centro della Via Lattea appena 3,5 milioni di anni fa, inviando uno scoppio di radiazione a forma di cono attraverso entrambi i poli della Galassia e nello spazio profondo.

Questo è il risultato derivante dalle ricerche condotte da un team di scienziati guidati dal professor Joss Bland-Hawthorn dell’A ARC Center of Excellence australiano per All Sky Astrophysics in 3 Dimensions (ASTRO 3D) e che presto saranno pubblicati su The Astrophysical Journal .

Il fenomeno, noto come bagliore di Seyfert, creò due enormi “coni di ionizzazione” che attraversavano la Via Lattea – iniziando con un diametro relativamente piccolo vicino al buco nero e espandendosi enormemente quando uscivano dalla Galassia.

Il bagliore fu così potente che ebbe un impatto sul torrente Magellanic – una lunga scia di gas che si estendeva dalle vicine galassie nane chiamate le Grandi e Piccole Nuvole di Magellano. Il Magellanic Stream si trova in media 200.000 anni luce dalla Via Lattea.

L’esplosione è stata troppo grande, afferma il team di ricerca australiano-americano, per essere stata innescata da qualcosa di diverso dall’attività nucleare associata al buco nero, noto come Sagittario A, o Sgr A *, che è circa 4,2 milioni di volte più massiccio del Sole.

Il bagliore deve essere stato un po ‘come un raggio di un faro”, afferma il professor Bland-Hawthorn, che è anche all’Università di Sydney.

“Immagina l’oscurità, e poi qualcuno accende un faro per un breve periodo di tempo.”

Utilizzando i dati raccolti dal telescopio spaziale Hubble, i ricercatori hanno calcolato che la massiccia esplosione è avvenuta poco più di tre milioni di anni fa.

In termini galattici, è sorprendentemente recente. Sulla Terra a quel punto, l’asteroide che ha innescato l’estinzione dei dinosauri era già 63 milioni di anni fa in passato e gli antichi antenati dell’umanità, gli Australopithecine , erano in piedi in Africa.

Loading...

Questo è un evento drammatico accaduto qualche milione di anni fa nella storia della Via Lattea”, afferma la professoressa Lisa Kewley, direttrice di ASTRO 3D.

“Un’enorme esplosione di energia e radiazioni è emersa proprio dal centro galattico e nel materiale circostante. Ciò dimostra che il centro della Via Lattea è un luogo molto più dinamico di quanto avessimo pensato in precedenza. È una fortuna che non risiediamo Là!”

L’esplosione, stimano i ricercatori, è durata forse 300.000 anni, un periodo estremamente breve in termini galattici.

Nel condurre la ricerca, il professor Bland-Hawthorn è stato affiancato da colleghi della National University e dell’Università di Sydney in Australia e, negli Stati Uniti, dalla University of North Carolina, dalla University of Colorado e dallo Space Telescope Science Institute di Baltimora.

Il documento fa seguito a ricerche condotte anche dal professor Bland-Hawthorn e pubblicate nel 2013. I lavori precedenti hanno esaminato le prove di un enorme evento esplosivo che inizia nel centro della Via Lattea, hanno escluso uno scoppio nucleare come causa e lo hanno legato provvisoriamente all’attività in SgrA *.

Questi risultati cambiano radicalmente la nostra comprensione della Via Lattea”, afferma la coautrice Magda Guglielmo dell’Università di Sydney.

“Abbiamo sempre pensato alla nostra Galassia come a una galassia inattiva, con un centro non così luminoso. Questi nuovi risultati aprono invece la possibilità di una reinterpretazione completa della sua evoluzione e natura.

“L’evento flare che si è verificato tre milioni di anni fa è stato così potente che ha avuto conseguenze sull’ambiente circostante la nostra Galassia. Siamo testimoni del risveglio della bella addormentata.”

L’ultimo lavoro sostiene SgrA * come principale sospettato, ma, ammettono i ricercatori, c’è ancora molto lavoro da fare. In che modo i buchi neri si evolvono, influenzano e interagiscono con le galassie, concludono, “è un problema eccezionale in astrofisica”.

Collabora

Ciao, cerchiamo validi ed affidabili collaboratori, per espandere l’attività di informazione, se ritieni di avere voglia, capacità e un po’ di tempo da dedicare a questo scopo, ti stiamo aspettando.

Candidati
Loading...

Leave A Reply

Your email address will not be published.

FacebookSeguici sui social

Segui tutte le nostre News sulla nostra pagina Facebook 

Like