Non molto tempo fa, il centro della Via Lattea è esploso

Non molto tempo fa, il centro della Via Lattea è esploso

Non molto tempo fa, il centro della Via Lattea è esploso

Un titanico raggio di energia in espansione si è sviluppato vicino al buco nero supermassiccio nel centro della Via Lattea appena 3,5 milioni di anni fa, inviando uno scoppio di radiazione a forma di cono attraverso entrambi i poli della Galassia e nello spazio profondo.

Questo è il risultato derivante dalle ricerche condotte da un team di scienziati guidati dal professor Joss Bland-Hawthorn dell’A ARC Center of Excellence australiano per All Sky Astrophysics in 3 Dimensions (ASTRO 3D) e che presto saranno pubblicati su The Astrophysical Journal .

Il fenomeno, noto come bagliore di Seyfert, creò due enormi “coni di ionizzazione” che attraversavano la Via Lattea – iniziando con un diametro relativamente piccolo vicino al buco nero e espandendosi enormemente quando uscivano dalla Galassia.

Il bagliore fu così potente che ebbe un impatto sul torrente Magellanic – una lunga scia di gas che si estendeva dalle vicine galassie nane chiamate le Grandi e Piccole Nuvole di Magellano. Il Magellanic Stream si trova in media 200.000 anni luce dalla Via Lattea.

L’esplosione è stata troppo grande, afferma il team di ricerca australiano-americano, per essere stata innescata da qualcosa di diverso dall’attività nucleare associata al buco nero, noto come Sagittario A, o Sgr A *, che è circa 4,2 milioni di volte più massiccio del Sole.

Il bagliore deve essere stato un po ‘come un raggio di un faro”, afferma il professor Bland-Hawthorn, che è anche all’Università di Sydney.

“Immagina l’oscurità, e poi qualcuno accende un faro per un breve periodo di tempo.”

Utilizzando i dati raccolti dal telescopio spaziale Hubble, i ricercatori hanno calcolato che la massiccia esplosione è avvenuta poco più di tre milioni di anni fa.

In termini galattici, è sorprendentemente recente. Sulla Terra a quel punto, l’asteroide che ha innescato l’estinzione dei dinosauri era già 63 milioni di anni fa in passato e gli antichi antenati dell’umanità, gli Australopithecine , erano in piedi in Africa.

Questo è un evento drammatico accaduto qualche milione di anni fa nella storia della Via Lattea”, afferma la professoressa Lisa Kewley, direttrice di ASTRO 3D.

“Un’enorme esplosione di energia e radiazioni è emersa proprio dal centro galattico e nel materiale circostante. Ciò dimostra che il centro della Via Lattea è un luogo molto più dinamico di quanto avessimo pensato in precedenza. È una fortuna che non risiediamo Là!”

L’esplosione, stimano i ricercatori, è durata forse 300.000 anni, un periodo estremamente breve in termini galattici.

Nel condurre la ricerca, il professor Bland-Hawthorn è stato affiancato da colleghi della National University e dell’Università di Sydney in Australia e, negli Stati Uniti, dalla University of North Carolina, dalla University of Colorado e dallo Space Telescope Science Institute di Baltimora.

Il documento fa seguito a ricerche condotte anche dal professor Bland-Hawthorn e pubblicate nel 2013. I lavori precedenti hanno esaminato le prove di un enorme evento esplosivo che inizia nel centro della Via Lattea, hanno escluso uno scoppio nucleare come causa e lo hanno legato provvisoriamente all’attività in SgrA *.

Questi risultati cambiano radicalmente la nostra comprensione della Via Lattea”, afferma la coautrice Magda Guglielmo dell’Università di Sydney.

“Abbiamo sempre pensato alla nostra Galassia come a una galassia inattiva, con un centro non così luminoso. Questi nuovi risultati aprono invece la possibilità di una reinterpretazione completa della sua evoluzione e natura.

“L’evento flare che si è verificato tre milioni di anni fa è stato così potente che ha avuto conseguenze sull’ambiente circostante la nostra Galassia. Siamo testimoni del risveglio della bella addormentata.”

L’ultimo lavoro sostiene SgrA * come principale sospettato, ma, ammettono i ricercatori, c’è ancora molto lavoro da fare. In che modo i buchi neri si evolvono, influenzano e interagiscono con le galassie, concludono, “è un problema eccezionale in astrofisica”.

Scarica Gratis la nostra App da Google
Total
28
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Article

Motore della NASA in grado di viaggiare alla velocità della luce

Next Article
La prima bistecca spaziale che è stata creata in laboratorio

La prima bistecca spaziale che è stata creata in laboratorio

Related Posts
Viaggio al centro di Marte
Read More

Viaggio al centro di Marte

Gli scienziati hanno costruito un nuovo modello compositivo per Marte. Hanno usato le rocce di Marte e misurazioni dai satelliti in orbita per prevedere la profondità fino al limite del suo mantello-nucleo, circa 1.800 km sotto la superficie e sono stati in grado di suggerire che il suo nucleo contiene moderate quantità di zolfo, ossigeno e idrogeno come elementi luminosi.
Total
28
Share