Quale mistero nascondono le enormi teste di pietra del Guatemala?

Messico: Gli avvistamenti ufo sono sempre più particolari
In Turchia trovato accordo matrimoniale di 4mila anni fa: "sì a schiavitù sessuale"
Ancient History: Antichi egiziani sono approdati in Sud America 5000 anni fa

Una fotografia di una statua perduta nella giungla del Guatemala ha dato inizio a uno dei più grandi misteri della storia. Diversi ricercatori hanno cercato di trovarla poiché le caratteristiche della statua sono diverse dalle culture preispaniche. Questa statua è un’anomalia storica? Chi l’ha fatta e per cosa?
Molti artefatti essenziali per la comprensione del ciclo della vita sulla Terra e il possibile legame tra le specie umana ed extraterrestre sono stati sepolti sotto uno spesso strato di detriti causato dalle guerre costanti che sono state combattute.
Un esempio di questo è la gigantesca testa di pietra scoperta “da qualche parte nella giungla del Guatemala”. La testa della statua aveva caratteristiche molto fini: labbra sottili, naso profilato e occhi chiusi, (se fossero stati aperti avrebbero guardato verso il cielo). Questa antica statua misura almeno 9 metri, una scoperta unica in effetti, dal momento che non assomiglia a nulla che sia stato trovato finora in America Centrale.
Si crede che l’antica civiltà Olmeca prima dei Maya sia stata la prima a costruire piramidi in Mesoamerica. Sapendo che gli Olmechi avevano i mezzi per scolpire queste statue, è possibile che siano stati loro i responsabili della anomala testa di pietra? Se non sono stati neanche loro, chi ha scolpito questa statua?
Una teoria sostenuta da Phillip Coppens, un autore e conduttore radiofonico dal Belgio, afferma che un’altra civiltà antica prima o dopo gli Olmechi è responsabile della «testa di Padilla». Se è così, può essere l’unico reperto esistente di questa fantomatica popolazione.
Il ricercatore e scrittore Iván Martínez analizza il mistero di questa antica scoperta nel seguente video.
Fonte

Loading...

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0