in

Quanti umani dobbiamo inviare per colonizzare Marte?

marte

Quanti umani dobbiamo inviare per colonizzare Marte?

Colonizzare il pianeta rosso non richiede di lasciare nulla al caso, nemmeno il numero di umani mobilitati. Un ricercatore francese ha recentemente valutato il numero ideale modellando un’equazione. Ciò ha permesso di bilanciare le esigenze degli individui in base alla condivisione dei compiti. Risultato? Il pianeta poteva accogliere a malapena più di un centinaio di umani per l’istituzione della primissima colonia.

Molto è stato scritto sull’istituzione di una colonia su Marte. Nel maggio 2019, l’ex astronauta Buzz Aldrin ha chiesto una grande migrazione umana sul pianeta marziano. Pochi mesi dopo, il capo di SpaceX, Elon Musk, ha ribadito la sua intenzione di fondare una colonia sul pianeta rosso entro la fine del secolo . Tuttavia, si è parlato di un milione di coloni che sperano di raggiungere l’autosufficienza. Per inciso, questo obiettivo ha messo in discussione la sfida alimentare rappresentata dalla presenza di una popolazione così ampia.

Cosa accadrà alla prima colonia marziana? Jean-Marc Salotti, del laboratorio di integrazione dei materiali nel sistema dell’Università di Bordeaux, ha cercato di rispondere a questa domanda. In una pubblicazione sulla rivista Scientific Reports del 16 giugno 2020, il ricercatore francese stima che 110 persone dovrebbero essere sufficienti per stabilire la prima colonia umana su Marte.

marte

Condivisione di attività più praticabili

Jean-Marc Salotti afferma di aver sviluppato un modello che include molti parametri. Questi includono la quantità di risorse disponibili su pianeta, le possibili difficoltà a sfruttarle e la capacità di produzione. Un altro parametro molto importante è stato incluso anche nel modello. È la capacità dei coloni di collaborare insieme all’interno di un obiettivo comune. In altre parole, lo sfruttamento delle risorse marziane e la costruzione di un habitat richiederà necessariamente un lavoro di squadra e quindi una condivisione dei compiti.

Secondo il ricercatore, questa divisione dei compiti dipenderà da esigenze, processi, risorse e condizioni ambientali. Tuttavia, 110 coloni sarebbero una figura abbastanza grande da organizzare una divisione del lavoro più praticabile in base alle specialità di ogni persona. L’equazione non è un assoluto matematico ma il suo scopo è quello di consentire confronti semplici. L’obiettivo è definire la migliore strategia di sopravvivenza e il posto migliore per raggiungerla.

Nel suo piano “un milione di umani su Marte entro il 2100″ , Elon Musk immagina un equipaggio iniziale di sole 12 persone . Quindi si parla di inviare una navetta da 100 a 200 coloni ogni 26 mesi. Secondo l’equazione di Jean-Marc Salotti, una dozzina di persone non sarebbero sufficienti per fondare la prima colonia marziana. Dovremmo avvertire Elon Musk?

Written by Nuovo Universo

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0
vita aliena

700 obiettivi da esplorare per la vita aliena

Marte: Cosa devi sapere sulle tre missioni di questa estate

Marte: Cosa devi sapere sulle tre missioni di questa estate