Connect with us

News

Terra chiama Marte

Published

on

“Terra chiama Marte” – Prima degli UFO c’erano i marziani
Dopo una lunga preparazione è disponibile la monografia “Terra chiama Marte” di Maurizio Verga.

Le quasi 80 pagine (riccamente illustrate) dell’opera sono dedicate ad un episodio quasi sconosciuto, ma importante e significativo nell’ottica della comprensione del cosiddetto “mito marziano” precedente la seconda guerra mondiale e la sua profonda influenza sulla nascita dei dischi volanti nel 1947.
Tra il 1926 ed il 1928 un bizzarro personaggio inglese fece parlare di sè, in due momenti diversi, la stampa di quasi tutto il mondo. Il motivo? Stava inviando un messaggio telegrafico su Marte, ad una sua amica marziana con cui era già in contatto telepatico da tempo, e si aspettava una risposta via radio!
TerrachiamaMarte-piccoloRobinson fu un precursore dei contattisti che apparvero sulla scena dei dischi volanti a partire dal 1950 e creò una serie di prototipi per situazioni, affermazioni ed idee che sarebbero diventati comuni nell’ambiente ufologico dei decenni successivi.
Questa monografia rappresenta la più ampia trattazione dei due episodi che videro protagonista Hugh Mansfield Robinson, In realtà è un capitolo di un lavoro molto più esteso e complesso che l’autore sta sviluppando da alcuni anni. In esso egli cerca di verificare la tesi secondo cui la nascita, l’affermazione ed il successivo costante sviluppo dell’idea dei dischi volanti come astronavi extraterrestri deriva da settant’anni di penetrazione dell’idea del pianeta Marte abitato e, più in generale, del “mito marziano” nella cultura popolare.
La comprensione delle radici storiche e culturali della nascita dei dischi volanti è lo strumento necessario per capire le ragioni del fenomeno UFO ed il suo mito.

Ottima lettura scritta da Maurizio Verga di ufo.it, uno dei più apprezzati ufologi italiani, fondatore e membro del direttivo del Centro Italiano di Studi Ufologici e imprenditore di successo, con il suo marketplace ItalianModail
Libro o e-book consiglio a tutti gli appassionati, scritto e illustrato in maniera più che eccellente.
La storia dei contatti marziani di Hugh Robinson viene ora, per la prima volta, ricostruita nei dettagli.
fonte Maurizio Verga Ufo.it
 
 

(Visited 1 times, 1 visits today)

Ente Spaziale

Christopher Everard: “La NASA ha trovato un modo per aprire un buco nello spazio-tempo”

Published

on

Christopher Everard: “La NASA ha trovato un modo per aprire un buco nello spazio-tempo”

Christopher Everard: “La NASA ha trovato un modo per aprire un buco nello spazio-tempo”

Il seguente articolo è stato scritto da Terrence Aym.

Un ricercatore di fenomeni atmosferici sconosciuti ha fornito prove che la NASA sta conducendo esperimenti incredibili, forse anche in collaborazione con HAARP .Egli ritiene che gli scienziati hanno trovato un modo per aprire un buco nello spazio-tempo.

Christopher Everard, scrittore e regista, sta cercando di portare alla luce ad un mondo incredulo la prova che la NASA ha intrapreso una serie di esperimenti ad alta energia “buchi nello spazio-tempo”, attraverso intense sfere di energia, che sono guidate da vortici, o wormholes.

Everard sta raccogliendo testimonianze dirette degli esperimenti condotti negli strati superiori in tutto il mondo. Segnala inoltre sulla sua pagina di Facebook, che ha esaminato gli studi che stanno comparendo sul sito ufficiale della NASA e delle università e laboratori di ricerca che sono legate all’esperimento.

Lo scopo della creazione di simili sistemi di propulsione alla Star Trek sembra essere la grande missione della NASA come razzi chimici standard e la tecnologia spaziale vengono presi in consegna da parte dell’industria privata.

Everard sostiene che i “wormholes” sono già stati creati in almeno tre paesi. I testimoni hanno fotografato vortici a spirale in l’Australia, la Russia e la Cina.

Il vortice australiano può essere collegato all’attività di HAARP e agli esperimenti degli Stati Uniti, mentre i vortici ad alta energia visti in Russia e la Cina possono essere rivelatori esotici, esperimenti fisici di alta energia per la propulsione nello spazio di queste nazioni.

Secondo quanto riferito, una certa scienza che supporta questi esperimenti si possono trovare nella documentazione di ricerca all’avanguardia quali: Assessing Potential Propulsion Breakthroughs. New Trends in Astrodynamics and Applications, Edward Belbruno, (ed.). Annals of the New York Academy of Sciences. [PDF] Another is Quantum Vacuum Energy: Study of Vacuum Energy Physics for Breakthrough Propulsion. Tutti studi sulla nuova forma di propulsione.

Christopher Everard: “La NASA ha trovato un modo per aprire un buco nello spazio-tempo”

Secondo Everard, la NASA ha cessato ufficialmente la sua ricerca su le nuove applicazioni tecnologiche e ‘wormhole’ nel 2009.

Ma Everard è convinto che la NASA si sta interessando sullo spazio-tempo. Egli dice che la ricerca tecnologica continua,sono stati consegnati i progetti “nascosti” dei militari, ed è stato sviluppato in stanze segrete del Pentagono da appaltatori militari, ed ora sta diventando tutto altamente segreto.

Egli afferma anche che le foto del satellite ad alta definizione sull’Area 51, ne rivela che le continue sperimentazioni sono legati allo sviluppo di un sistema di propulsione spaziale attraverso ‘energia del vuoto’.

Everard sta lavorando a un rapporto dettagliato del progetto che dovrebbe apparire in un prossimo numero della rivista Feed Your Brain Magazine.

Per coloro che hanno dubbi su tutto ciò, Everard li invita a visitare l’Harvard University’s Wormhole Research (program Wormhole), dove “stanno seguendo l’approccio wormhole incanalato, il tipo Lorentzien.”

La NASA ha anche fornito un campione di ricerca in corso con Glenn Research Center, dal suo sito web per porre la domanda: “Ha quando la Propulsione a curvatura?”

Dall’altra parte dello spettro, la scienza, scrive la scrittorice americana Sylvia Engdahl, ritiene che tali accuse stiano alimentando un nuovo “Space Myth” che si sta diffondendo attraverso la società. Nel suo libro di 16 pagine “La nuova mitologia della Space Age” lei sfida molti miti dell’era spaziale e si collega alla fantascienza per molti reclami da ricercatori vigenti in materia, come sul pianeta Nibiru, gli antichi astronauti, tecnologia aliena segreto e altro ancora.

Originariamente pubblicato su TheDayAfter.blogspot.com

(Visited 127 times, 3 visits today)
Continue Reading

Misteri

I Segreti Sepolti della Bibbia

Published

on

I Segreti Sepolti della Bibbia

La Bibbia è ormai solidamente accettata come “testo ufficiale”, se così lo vogliamo chiamare, della Religione Cristiana: le “sacre scritture”, a cui dovrebbe ispirarsi la vita di ciascun credente.

Della Bibbia ebraica esistono varie versioni e sopratutto, interpretazioni: persino i testimoni di Geova utilizzano una Bibbia simile a quella Cattolica, nella quale viene fatto riferimento a Dio con il nome di Geova, o Yahweh (Yahvé) anche se l’interpretazione della “Parola” è molto più rigida e rigorosa di quanto avviene nel cattolicesimo.

Che siate credenti o meno, sapete bene che la Bibbia è stata scritta e tramandata dall’uomo: e sopratutto, è stata tradotta. Siamo sicuri che con il tempo non sia cambiata? Che sia stata tradotta bene? Che non ci nascondono nulla?

Secondo Mauro Biglino, noto scrittore, la traduzione della Bibbia comunemente accettata sarebbe errata o parziale: e lo dice da studioso esperto, tanto che in passato ha collaborato anche con le “Edizioni Paoline” vicino al Vaticano. Interessante il fatto che Biglino sostenga che la Bibbia è molto simile ad altri testi di epoche precedenti che però sono considerati “leggenda”, a differenza della Bibbia considerata testo sacro.

Ma i misteri ed i misfatti non sono finiti: alcuni li illustra il documentario che vi proponiamo.

Originariamente pubblicato su thedayafter2012.blospot.com

(Visited 119 times, 4 visits today)
Continue Reading

Misteri

La NASA organizza una missione per recuperare un enorme «oggetto» caduto nell’Oceano Pacifico

Published

on

La NASA organizza una missione per recuperare un enorme «oggetto» caduto nell'Oceano Pacifico

La NASA organizza una missione per recuperare un enorme «oggetto» caduto nell’Oceano Pacifico

Informazioni recenti rivelano che la NASA ha inviato un sottomarino per cercare i resti di un oggetto caduto dallo spazio, causando un lampo luminoso e un forte scoppio nell’atmosfera terrestre.

Il 7 marzo, tre stazioni meteorologiche del Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica (NOAA) ha rilevato la caduta di quello che consideravano un meteorite a circa 25 chilometri al largo della costa di Washington.

Marc Fries, uno scienziato della NASA, ha dichiarato a Scienza dal vivo:

La caduta è stata ampiamente osservata attorno alle aree locali ed è stata ampiamente sentita in tutto il luogo

La NASA organizza una missione per recuperare un enorme «oggetto» caduto nell'Oceano Pacifico La NASA organizza una missione per recuperare un enorme «oggetto» caduto nell’Oceano Pacifico –I frammenti di meteorite sono stati trovati al largo della costa dello stato di Washington. Credito: Mark Fries / NASA

Brittany Bryson, una residente della zona, che era seduta in un ristorante fast food, ha dichiarato aver visto un bagliore luminoso nel cielo, seguito da un bombardamento così forte che fece vibrare la sua macchina.

Bryson:

Pensavamo fosse un’astronave.

Ora, dopo quattro mesi, il Ocean Exploration Trust sta lavorando con NOAA e la NASA per localizzare l’oggetto.

Il 1 ° luglio, la nave esplorativa Nautilus ha esaminato circa 0,6 km quadrati di acqua presso il Santuario Nazionale Marino della Costa Olimpica.

Dopo un giorno, gli scienziati hanno schierato due sottomarini telecomandati, chiamati Ercole e l’Argus, per indagare sul fondo del mare.

La NASA organizza una missione per recuperare un enorme «oggetto» caduto nell'Oceano Pacifico La NASA organizza una missione per recuperare un enorme «oggetto» caduto nell’Oceano Pacifico – Scienziati a bordo della nave da esplorazione Nautilus lanciano il ROV Hercules per cercare frammenti di meteoriti al largo della costa dello stato di Washington. Credito: Susan Poulton / Ocean Exploration Trust

Questa è la prima volta che gli scienziati cercano intenzionalmente di recuperare un meteorite oceanico.

Da quando è iniziata l’operazione, la ricerca ha scoperto due piccoli frammenti di roccia fusa che sono stati prelevati per l’analisi.

Ora, alcuni ricercatori indipendenti ed entusiasti hanno lanciato le loro teorie, suggerendo che la NASA sta cercando di nascondere qualcosa di molto più strano e più grande.

Vari canali e siti Youtube, come il canale secureteam10, hanno espresso che l’agenzia spaziale nasconde un possibile UFO Crash o qualche altro fenomeno classificato.

Alcuni commentatori su Internet sono davvero convinti che sia accaduto qualcosa di strano, qualcosa di così importante da indurre la NASA e il NOOA a organizzare una missione subacquea per recuperare i resti dell’oggetto che ha colpito l’oceano.

Era solo un meteorite o nascondono ciò che sarebbe realmente caduto in mare?

Originariamente pubblicato su codigooculto.com

(Visited 367 times, 1 visits today)
Continue Reading

Trending