Nuovo Universo
Scienza & Tecnologia

Un gigantesco pallone stratosferico sarà lanciato per studiare il cosmo

Un gigantesco pallone stratosferico sarà lanciato per studiare il cosmo

Un gigantesco pallone stratosferico sarà lanciato per studiare il cosmo

La NASA dispiegherà un pallone largo 150 metri nella stratosfera. L’obiettivo: osservare il processo di feedback stellare nell’infrarosso. Il suo lancio è previsto per dicembre 2023.

La NASA sta attualmente sviluppando una missione su larga scala chiamata ASTHROS (abbreviazione di Telescopio stratosferico astrofisico per osservazioni ad alta risoluzione spettrale a lunghezze d’onda submillimetriche ). L’idea: liberare nella stratosfera un telescopio specializzato nell’osservare il cielo attraverso lunghezze d’onda infrarosse, invisibili dal suolo e ai nostri occhi umani.

Il suo lancio è previsto per il dicembre 2023 dall’Antartide, dove andrà alla deriva nelle correnti d’aria sul continente.

Lanciare un pallone stratosferico, una missione “rischiosa”

Per svolgere la sua missione, ASTHROS dovrà raggiungere un’altitudine di 40 chilometri . Per fare un confronto, gli aerei di linea commerciali volano solo a un’altitudine di dieci chilometri. D’altra parte, rimane ben al di sotto del limite che separa l’atmosfera terrestre dallo spazio, fissato a circa 100 chilometri di altitudine.

L’implementazione di palloni offre vantaggi unici alla NASA rispetto alle missioni terrestri o spaziali. Queste missioni costano meno, da un lato, e sono più veloci da sviluppare . Grazie a questi due punti, alla fine consentono l’assunzione di rischi, consentendo agli ingegneri di testare varie tecnologie per future missioni spaziali molto più costose.

“Le missioni di questo tipo sono più rischiose delle missioni spaziali, ma portano grandi ricompense a un costo modesto “, ha dichiarato Jose Siles, ingegnere di JPL. Con ASTHROS, miriamo a fare osservazioni astrofisiche che non sono mai state tentate prima. La missione aprirà la strada a future missioni spaziali testando nuove tecnologie e formando la prossima generazione di ingegneri e scienziati ”.

Studiare il processo di feedback stellare

L’obiettivo di questa missione sarà misurare il movimento e la velocità del gas attorno alle stelle appena formate. Saranno studiati quattro obiettivi principali, tra cui due asili nido stellari situati nella Via Lattea. Un terzo obiettivo sarà la galassia Messier 83. TW Hydrae, una giovane stella circondata da un grande disco di polvere e gas, sarà la quarta.

Più precisamente, si tratterà di misurare la presenza di due tipi specifici di ioni azoto (atomi privati ​​dei loro elettroni). Questi ioni di azoto possono rivelare aree in cui forti venti stellari ed esplosioni di supernova hanno rimodellato le nuvole di gas in queste regioni che formano le stelle.

In un processo noto come feedback a stella, tali fenomeni possono, nel corso di milioni di anni, disperdere il materiale circostante e prevenire la formazione di stelle. Al contrario, il feedback stellare può anche far aggregare la materia, accelerando la formazione stellare. O, nel caso di TW Hydrae, la formazione di pianeti.

Per svolgere la sua missione, ASTHROS avrà bisogno di un grande pallone stratosferico: ​​quando è completamente gonfiato con elio, dovrebbe essere largo circa 150 metri . Una gondola sotto il pallone trasporterà i vari strumenti. Durante il volo, gli scienziati saranno in grado di controllare il telescopio e scaricare i dati in tempo reale.

Una volta completata la missione, gli operatori invieranno i comandi di fine volo per separare la gondola dal pallone stratosferico. Verrà quindi schierato un paracadute per farlo atterrare senza problemi. Il telescopio può quindi essere recuperato e rinnovato per volare di nuovo

Related posts

Un nuovo e sbalorditivo video mostra la superficie di una cometa mentre percorre lo spazio

Nuovo Universo

SCOPERTO UN SECONDO NUCLEO DELLA TERRA. E SI COMPORTA IN MODO STRANO

Nuovo Universo

Marte potrebbe avere abbastanza ossigeno molecolare per sostenere la vita

Nuovo Universo

Leave a Comment