Una galassia stranamente simile alla Via Lattea individuata nell'universo primordiale

Una galassia stranamente simile alla Via Lattea individuata nell’universo primordiale

Una galassia stranamente simile alla Via Lattea individuata nell’universo primordiale

Uno studio pubblicato su Nature descrive la scoperta di un “doppio” della Via Lattea in evoluzione nel primo Universo. Una scoperta sorprendente che mette in discussione la nostra comprensione della formazione delle galassie.

Gli astronomi annunciano la scoperta di una galassia molto simile alla Via Lattea, tranne per il fatto che si evolve a più di 12,4 miliardi di anni luce di distanza . In altre parole, lo vediamo com’era quando l’Universo era ancora molto giovane, aveva solo 1,4 miliardi di anni . La scoperta è inaspettata, poiché le galassie più antiche di solito tendono ad evolversi in modo molto più caotico.

“ Questo risultato rappresenta una svolta nel campo della formazione galattica, dimostrando che le strutture che osserviamo nelle vicine galassie a spirale e nella nostra Via Lattea erano già presenti più di 12 miliardi di anni fa” , spiega Francesca Rizzo. , dal Max Planck Institute for Astrophysics in Germania.

Lente gravitazionale

Osservare direttamente SPT0418-47, la galassia in questione, sarebbe stato molto complicato, se non impossibile. Dobbiamo la sua scoperta a un fenomeno di lenti gravitazionali . Una seconda galassia massiccia era effettivamente tra la Terra e l’oggetto. Il suo campo gravitazionale molto forte ha infine causato l’avvolgimento dei raggi luminosi di SPT0418-47, amplificandoli nel processo.

Grazie all’Atacama Large Millimeter / submillimeter Array (abbreviato ALMA), gli astronomi sono stati finalmente in grado di osservare una versione ingrandita a forma di anello di SPT0418-47 .

Scarica Gratis la nostra App da Google
Total
47
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Article

Alieni: I Pegasiani

Next Article

Alieni: La Saga dei Phikke’sh Tau e gli “Uanhe”. a cura di Lucio Tarzariol

Related Posts
Total
47
Share